Traversata Pizzo Stella 3163 m


Published by cristina , 27 August 2014, 08h41. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 6 August 2014
Hiking grading: T4+ - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 1 days 12:00
Route:Fraciscio-Rif.Chiavenna-Pizzo Stella-Bivacco Chiara e Walter-Alpe Piangesca-P.so d'Avero-Avero-Motto Bondeno-Gualdera-Fraciscio
Access to start point:Milano-Lecco e, da qui, imboccare la superstrada per Colico. Proseguire verso Chiavenna e, nel centro abitato in prossimità di una rotonda, seguire le indicazioni per Campodolcino, Medesimo, passo dello Spluga. Superata la chiesa di Campodolcino, voltare a destra (indicazioni per Fraciscio e Gualdera). Proseguire verso l’abitato di Fraciscio e, seguendo le indicazioni per Alpe Angeloga, lasciare l’auto al parcheggio in paese oppure in un ampio slargo al termine della strada carreggiabile .
Maps:Kompass N. 92 1:50.000 Val Chiavenna-Bregaglia

12 anni fa alle ore 11,00 per la prima volta raggiungevamo la cima del Pizzo Stella, in una delle più riuscite escursioni Cai da noi organizzate, 17 persone in vetta con un tempo da lupi…un successone!

La rabbia per non aver visto nulla ha fatto si che il tarlo di tornarci si sia radicato in noi. Anno dopo anno anche l’idea di tornarci è cambiata e salire unicamente in cima non ci bastava più, e così pian piano è nato questo progetto naufragato una prima volta quando tentammo di farlo in due giorni salendo da Piuro e pernottando al bivacco. La pioggerellina insistente del primo giorno ci aveva fatto desistere.

Oggi c’è una finestra di bel tempo, o la va o la spacca! Il timore che abbiamo è quello che non ci siano i sentieri segnati sulla Kompass per tornare a Fraciscio una volta scesi al bivacco. Della loro esistenza ci rassicurano sia il gestore del rifugio Chiavenna sia un amico del Soccorso Alpino, non sanno però come siano messi…va beh già il fatto che ci siano…

Alle 7.30 partiamo da Fraciscio che negli anni ci sembra un po’ cambiata. Il sentiero per il rifugio Chiavenna è comodo e ben tenuto e in circa 1,30 lo raggiungiamo. Non facciamo sosta e proseguiamo costeggiando il lago. A parte un pescatore e due ragazzi che ci precedono non c’è nessun’altro, bellissimo! Fa freddino per essere agosto, ma si sa quest’anno è così!

Il sentiero alterna tratti ripidi a tratti che lasciano tirare il fiato. Lasciamo i prati per un breve attraversamento di una pietraia e raggiungiamo la fatidica morena di cui ricordo le pene di 12 anni fa! Ripida e senza respiro, i ragazzi che ci precedono sono sempre a vista e sempre troppo in alto, sembra non avere termine…e invece finisce! Arrivati nei pressi della cresta troviamo un piccolo nevaio che all’apparenza sembra innocuo ma vediamo che i due ragazzi si stanno ramponando e noi prendiamo esempio. Mentre calziamo i ramponi ci raggiungono due sky runner, non ci cagano manco per finta e proseguono spediti…pochi passi e si bloccano. La neve è troppo dura e il pendio troppo ripidto per quella sottospecie di ciabatte che calzano. I due ragazzi ormai sulla cresta si offrono di tornare indietro per dare un mano ma vengono ignorati. Io sono pronta a ripartire e vedendoli a quattro zampe avviso Marco che vado loro incontro. Salgo e passo i bastoncini permettendo ad entrambi, uno alla volta di portarsi in zona più sicura. Il più giovane ringrazia e ammette di essersela fatta sotto…l’altro nemmeno ci prova a dire qualcosa, anzi lamenta il fatto che i due passati prima potevano scalinargli il pendio con la picca…beh perché non te la sei portata tu invece? Un paio di ramponcini almeno? Troppo pesanti e potevano rovinarti la prestazione? E che dire dell’abbigliamento? Marco spiega ai due come potrebbero fare per raggiungere la cresta evitando il pendio e così riprendiamo la salita. Passato il nevaio togliamo i ramponi e proseguiamo lungo la cresta facendo molta attenzione a trovare i passaggi migliori. I bolli di 12 anni fa mi sa che sarebbero da rifare, oggi come oggi non so se con le condizioni di nebbia di quel giorno saremmo riusciti a raggiungere la cima. Abbiamo trovato parecchie tracce, qualche ometto ma i bolli sono veramente scarsi e poco visibili, cosa che lamentano anche i locals, nonostante conoscano la salita ben più di noi!

Raggiunta la cima, spieghiamo ai ragazzi il perché del nostro ritardo e riferiamo le lamentele del tipo. Tra una battuta e l’altra arrivano i due simpaticoni che naturalmente si limitano a spegnere l’orologio, non cagano nessuno e la cosa viene ricambiata!

Chiediamo info sul proseguimento del nostro giro ma, nonostante siano del posto, non ne sanno nulla come a volta succede! Controlliamo insieme le cartine, Kompass entrambe, una garanzia! E concludiamo che sembra dobbiamo stare in cresta, cresta all’apparenza poco invitante. Spaccature, placche e pendii nevosi un breve tratto di cresta innevato che se dovessimo raggiungerlo sembra poco fattibile…siamo un po’ perplessi ma le info che abbiamo ci dicono che è tutta percorribile per cui tentiamo. Salutiamo i ragazzi che dicono ci terranno d’occhio. Torniamo sui nostri passi fino ad un grosso ometto dove invece che girare a dx proseguiamo diritti lungo quella che sembra una traccia di passaggio tra pietraia. La traccia per quanto non ci siano segni confortanti sembra fatta apposta e dopo un ripido tratto notiamo due piccoli ometti, poco dopo qualche bollo sbiaditissimo ma che man mano scendiamo diventano più frequenti e più evidenti. Scendiamo un breve ripido pendio di neve molle e proseguiamo ora sulla cresta. Le placche sono di ottima roccia e non danno problemi che poi in realtà sono grossi blocchi di pietra, le speccature sono scendibilissime basta fare attenzione a non tirarsi nulla addosso. Raggiungiamo il termine della cresta, ma, volendo, ci hanno detto si potrebbe proseguire percorrendola fino al P.so d’Avero, cosa che per fortuna non abbiamo fatto visto quello che sapremo dopo. Raggiunto l’ultimo ometto prima di entrare nel vallone del bivacco, ci voltiamo verso la cima e facciamo cenno ai ragazzi che è andato tutto bene e a quel punto vediamo che anche loro cominciano a scendere.

Sempre seguendo bolli e ometti scendiamo la pietraia con vari ghirigori fino a raggiungere il bivacco che già vedevamo dalla cima.

Qui incontriamo tre ragazzi che, mentre beviamo il caffè offerto ci raccontano la loro avventura della notte precedente. Undici ore per raggiungere il bivacco da Fraciscio, mo mi preoccupo però…11 ore?

Senza per altro raggiungerlo perché al buio non l’hanno visto e hanno dormito, si fa per dire, sui sassi nei sacchi a pelo. Dopo la nottata praticamente insonne hanno deciso di fermarsi un giorno a riposare al bivacco, cosa che per noi è stata la manna perché ci sconsigliano caldamente la discesa al P.so d’Avero dal Pizzo di Somma Valle. Percorso abbandonato da anni e 500 m di dislivello, per noi da fare in discesa, da panico, se lo dicono loro che l’hanno fatto in salita!

Ascoltiamo il consiglio e scendiamo ai laghi di Acquafraggia, allungando inevitabilmente il giro. Raggiunte le baite di Piangesca una coppia ci conferma che per raggiungere il sentiero per il P.so d'Avero dobbiamo risalire fin lassù e scollinare…lassù??? Ma quanto lassù?!?! Ma non non proprio lassù sembra tanto ma non lo è! Sarà ma a me sembra molto lassù! Questo era un dettaglio che i ragazzi si erano dimenticati di dirci! Il sentiero fin quasi allo scollinamento è poco visibile per via dell’erba alta, bisogna però rimanere sulla dx del vallone, più dolce! Raggiunta la sommità di una spaccatura di roccia si volta a sx, ora il sentiero diviene più visbile e si raggiunge la cresta erbosa. Si sale ancora e finalmente si scollina. Spettacolo! Un lungo traverso con un paio di sali scendi e panorama su Chiavenna ci conduce in breve al P.so dove vediamo la discesa dal Pizzo di Somma Valle. Dove passi il sentiero non si capisce ma quello che vediamo è molto brutto soprattutto in discesa, una scivolata non darebbe scampo!

Cominciamo ora la lunga discesa verso le case di Avero raggiunte le quali chiediamo info sulla risalita al Motto Bondeno. Abbiamo bisogno di un sentiero comodo e visibile ormai la stanchezza è parecchia. Confermata la cosa facciamo una sosta più tranquilla e ripartiamo per il rush finale. Bellissmo sentiero, anche se risale, appena risistemato dai danni dell’inverno. Dal Motto parte la strada cementata, tagliata dal sentiero che raggiunge Gualdera. Proseguiamo verso dx e percorriamo un  tratto asfaltato fino al cartello che indica Fraciscio. Questo sentiero ci permette di non scendere fino al bivio della strada, risparmiando un po’ di dislivello!

Anello spettacolare, escursione consigliata alla grande. In giornata è lunga e bisogna aver un buon allenamento ma spezzandola in due giorni dormendo al bivacco diventa fattibilissima. La salita al Pizzo pur non essendo difficile necessita di passo sicuro e abitudine a muoversi tra massi e roccette, le mani si usano solo in alcuni punti. La cresta di discesa, per quanto sia un percorso poco frequentato è semplice e segnata meglio della salita dal rifugio Chiavenna. L'ambiente è superbo, panorami eccezionali. Tutto ciò necessita assolutamente di una bella giornata con buona visibilità. Quasi tutto il percorso di discesa va fatto a vista bolli/ometti. Come dicevo il giro potrebbe essere abbreviato scendendo sul P.so d'Avero passando dal Pizzo Somma Valle, a noi è stato sconsigliato e non conoscendolo ci siamo fidati.


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T4 F
4 Oct 17
Giro del Pizzo Stella · cai56
T5
17 Aug 16
Via Alta Pizzo Stella · jimmy
F II
6 Jul 16
Pizzo Stella · gabri83
T3+ F I
30 Jun 15
Pizzo Stella - 3163 m · irgi99
T5- PD+ II

Comments (19)


Post a comment

Sent 27 August 2014, 09h58
Che avventura!!!!!!Ciao e Complimenti!!!! ALE

cristina says: RE:
Sent 27 August 2014, 11h11
A fine giornata mi sono accorta che si stavano staccando entrambe le suole degli scarponi (risuolati) per cui il giorno successivo di corsa a comprarne un paio perchè sabato saremmo partiti per i nostri trekking. Da un lato è stata una fortuna fare un'escursione così infrasettimanale, dall'altra ci sono stati dei giorni durante i trekking che mi hanno fatto temere di poter andare avanti...sarebbe però stato peggio farli con gli scarponi legati con scotch, fil di ferro o altro com'era capitato ad un nostro amico anni fa!

Ciao ciao Cri

froloccone says: RE:
Sent 27 August 2014, 17h50
Anche io ne ho risuolati un paio!!!Grazie alla tuo aneddoto porterò con me un rotolo di nastro americano non si sa mai!!!!Ciao e Grazie ALE

cristina says: RE:
Sent 28 August 2014, 09h45
La cosa è successa due volte, la prima nel trekking della Val Malenco, tutte le mattine dovevamo passare vari giri di scotch sullo scarpone di un amico, si è fatto pure la Bocchetta di Caspoggio con lo scarpone in quel modo. La seconda durante un trekking in Alto Adige, neanche la prima tappa è riuscito a fare, prima del rifugio si è staccata parte della suola, in quell'occasione abbiamo usato anche il fil di ferro.

Poi quando si va in giro capita di vedere delle suole abbandonate...

Ciao Cri

Menek says:
Sent 27 August 2014, 10h06
Bentornati con un girone infernale... in pieno stile Cri & Marco.
Bei panorami e zona veramente alpina. Il quid del giro sono stati i due runner simpaticoni... :) :) :)
Ciao
Menek

cristina says: RE:
Sent 27 August 2014, 11h17
In quest'anno di magra...tra l'altro mi hanno detto che probabilmente dovremo abituarci a questo nuovo clima...

Soprattutto il più datato...

Ciao Cri

Laura. says: RE:
Sent 27 August 2014, 13h25
concordo con Menek...in perfetto stile Cri e Marco!
I guru del clima...a chiedere magari, sanno pure legger i tarocchi!!!
ovviamente complimenti e...chi la dura la vince!

patripoli says:
Sent 27 August 2014, 14h49
Rieccovi! Mi chiedevo dove eravate finiti.....
Bellissimo e lunghissimo giro il vostro....io mi accontenterei della salita al Pizzo Stella.
Ciao ciao!



cristina says: RE:
Sent 28 August 2014, 10h00
Trekking Val d'Aosta e cuneese, due settimane belle e intense che come tutte le cose belle finiscono troppo presto!

Puoi farlo benissimo in due giorni dormendo al bivacco il primo giorno, tra l'altro si trova in un posto incantevole!

Ciao Cri

Sent 27 August 2014, 16h41
Bene.....ora sono curioso di vedere le vostre "ferie"......sarà un grande sforzo per me non invidiarvi!
Ciao!

cristina says: RE:
Sent 28 August 2014, 09h56
Sicuramente saranno posti in cui sei passato.

Siamo partiti un po' abbacchiati e con poco entusiasmo un po' per il tempo ma soprattutto perchè era un giro più o meno preconfezionato e pensavamo di trovare il macello delle Dolomiti. Invece è stato tutto molto bello compresa l'ospitalità di cui dubitavamo parecchio e se penso alla fortuna che abbiamo avuto con il tempo mi invidio pure io :))))

Ciao Cri

ivanbutti says:
Sent 27 August 2014, 16h45
Mamma mia, che girone !! Complimenti, davvero bravi (ma non è una sorpresa).

Ciao, Ivan

cristina says: RE:
Sent 28 August 2014, 09h47
Era un po' di tempo che pensavamo di farlo, di certo la giornata meritava e a sera eravamo cotti e contenti!

Ciao Cri

Nevermind says: Bentornati
Sent 27 August 2014, 21h23
Approfitto dell'occasione per ringraziarvi per le info che mi avevato fornito per la salita allo Straciugo (posti bellissimi!) e che mi sono servite. Comunque, sia pure A/R dal lato rifugio, la salita in giornata allo Stella l'avevo fatta anche io (però 11 anni e 11 kili in meno fa....). Una curiosità: dislivello totale del giro? Ciao e buone montagne! Giuliano

cristina says: RE:Bentornati
Sent 28 August 2014, 09h34
Contenta di esserti stata utile.

Per quanto riguarda il Pizzo Stella il GPS segnava 2517 m per 25,40 km, in tutto 12, 40 h soste comprese...lungo :))) ma ne valeva la pena.

Ciao Cri

gbal says:
Sent 29 August 2014, 18h08
Letto tutto, cifre comprese e....deglutisco!
Il confortante è che se voi avete atteso 12 anni per tornare sul Pizzo Stella io ho speranza di andarci per la prima volta dopo averlo ammirato e desiderato 40 anni fa da Madesimo.
Quanto ai due "simpatici" runners fanno riflettere: c'è gente che sembra abbia una missione da compiere, molto più importante di quella dei semplici e poveri escursionisti al punto di non sentirsi neanche in dovere di ringraziare quando li si tira fuori dai problemi. Peccato! Avreste dovuto precipitarli giù per il pendìo innevato (la gramigna va estirpata).

cristina says: RE:
Sent 29 August 2014, 18h20
E' stata lunga e molto bella e se un giorno deciderai di andarci a mio parere la salita più bella è quella dal bivacco.

I due runners, capisco poco il senso di correre in montagna, ma se ci si rispetta c'è posto per tutti. Niente ringraziamenti...pazienza...purtroppo però anche il saluto e lo scambiare quattro chiacchiere tra escursionisti sta diventando merce rara!

Ciao ciao Cri

gebre says: che giro!
Sent 29 August 2014, 20h16
Complimenti, gran bel giro ad anello!
Ho visto dalle foto che avete attraversato dei nevai...si possono evitare?
Mi piacerebbe fare il pizzo con le scarpette...

Buone montagne
Alberto

cristina says:
Sent 1 September 2014, 08h20
L'unico nevaio problematico con le scarpette, come scrivo, è quello prima della cresta che però puoi evitare scendendo un pochino e andando a prendere le roccette più a dx che si congiungono poi alla cresta nei pressi del nevaio.

Tiene presente però che la mia relazione è dei primi di agosto per cui la situazione adesso potrebbe essere diversa e magari quel nevaietto si è ridotto o sparito. Per il resto è tutto fattibile.

Buon giro. Ciao Cri


Post a comment»