Praticamente.....Cevedale 3.769m!


Publiziert von gebre , 25. Juni 2014 um 22:12. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:19 Juni 2014
Wandern Schwierigkeit: T4 - Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: I   Gruppo Monte Cevedale 
Zeitbedarf: 2 Tage
Aufstieg: 1705 m
Abstieg: 1705 m
Strecke:Rif. Forni - Rif. Pizzini - Rif. Casati - Monte Cevedale
Zufahrt zum Ausgangspunkt:a Bormio seguire per Santa Caterina Valfurva, poco prima del paese prendere la strada a sinistra fino ad un ampio parcheggio

gebre

 

1° giorno:

Oggi dovevamo essere in 4 ma purtroppo una persona non riesce a raggiungerci a causa di un treno soppresso….siamo nel 2014, è possibile che succedano ancora queste cose??? No comment!

Parto con martyne e lella dal parcheggio sotto al Rif. Forni e seguiamo la comoda strada per il rif. Pizzini, entrati nella Val Cedec ammiriamo le tante marmotte che giocano e si rincorrono, quasi incuranti di noi.

Raggiungiamo il rif. Pizzini dove facciamo la sosta pranzo sui tavoli riparati dal vento.

Ripartiamo sempre seguendo la strada sterrata fin quasi alla partenza della teleferica e andiamo in direzione di 4 paletti che delimitano il ponte sul torrente (in parte coperto ancora dalla neve); qui vediamo un gruppo di krukki che scendono dal pendio ripido col sedere…uno addirittura si butta con la faccia in avanti…

La neve è un po molle, faccio la traccia che va su dritta, poi l’ultimo tratto prima di arrivare al rifugio Casati è su sfasciumi.

Entriamo nel rifugio (che ha aperto oggi) e siamo gli unici ospiti…entriamo nella camera e qualcuno confonde il calorifero per frigorifero non a caso….

La cena è da no comment…andiamo a dormire ed il freddo si fa sentire anche con le coperte….

 

2° giorno:

Ci svegliamo e andiamo a fare colazione e scopriamo che le bevande sono tiepide, anche i thermos con i the lo sono e le cibarie fornite sono al limite dell’essenziale.

Aspettiamo un po’ a partire perché ci sono nuvole basse sul ghiacciaio, la temperatura è di -2° e non c’è vento, sul ghiacciaio non c’è nessuna traccia vecchia, la neve tiene bene però le nuvole basse vanno e vengono e dobbiamo approfittare delle schiarite per verificare se la nostra direzione è corretta, passiamo di fianco ad un palo dello skilift e risaliamo il ghiacciaio.

Prima dell’ultima rampa ci ramponiamo e leghiamo, di solito il terminale si passa in alto ma decidiamo di passarlo in un punto nella parte bassa dove non sembra largo.

Lo passo per primo e le mie compagne mi fanno sicurezza e viceversa, nel frattempo è calata la nebbia ed il vento inizia a dar fastidio, traccio una scalinata dritta fino alla cresta dove il vento soffia tempestoso e contrario con neve, percorriamo una parte di cresta ma ad un certo punto gli occhiali ci si coprono di neve, la visibilità è molto bassa e si fatica a vedere dove si mettono i piedi, la croce dev’essere vicina ma decidiamo saggiamente di tornare indietro, siamo praticamente in vetta (il gps segna 3.769m, come la vetta…).

Anche nei momenti più delicati cerchiamo di sdrammatizzare con battute per rendere il clima più leggero…nei tratti con maggior pendenza scendiamo con la faccia a monte, poi ci facciamo sicurezza nel passare il terminale, nel primo pianoro ci togliamo i ramponi e mettiamo via la corda e ci rilassiamo un attimo, sprofondiamo un po’ ma torniamo senza problemi al rifugio, ci rifocilliamo con i nostri viveri e martyne e lella fanno presente che le bevande per la colazione erano tiepide e lo erano anche i thermos di the….il rifugista si difende dicendo che qui l’acqua non bolle a 100 -110° (???) ma a 87°….e che non si è mai lamentato nessuno, sarà…

Ripartiamo e percorriamo il tratto fino alla Pizzini in compagnia di un signore italiano che lavora in Francia, la neve è dura ma sfruttiamo la nostra traccia fatta il giorno prima e scendiamo senza problemi, sull’ultimo pendio seguiamo martyne e ci divertiamo a scendere col sedere!!!

Anche al ritorno è pieno di marmotte….che spettacolo!!!

Bella escursione e bell’ambiente, peccato per il tempo molto variabile ma è stato piacevole condividere le emozioni di questa 2 giorni con martyne e lella.

 

Parcheggio – rif. Pizzini 4,73km – 1h35’

Rif. Pizzini – Rif. Casati 2,70 km – 2h35’

Rif. Casati – Cevedale – Rif. Casati 6,05km – 5h30’


martyne Le foto di vetta non ci sono ... e chi ci sarebbe riuscito con quel vento? Ma noi c'eravamo ... forse a 5m dalla croce ... ... ... due giorni ricchi di freddo  ... ma anche di risate,  che ci scaldavano ... e com'è buono il latte condensato!  ... E com'è bello il conforto dei tuoi compagni, ti da' tepore ... grazie

 

Km totali: 21,00


Tourengänger: gebre, Lella, martyne

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

WS+
T4 ZS
T3 WS-
L
T4 L
20 Jul 13
Monte Cevedale · Jacky

Kommentare (10)


Kommentar hinzufügen

numbers hat gesagt: Complimenti
Gesendet am 25. Juni 2014 um 23:01
Gran bella avventura e gruppo ormai ultra collaudato.

Ciao

gebre hat gesagt: RE:Complimenti
Gesendet am 30. Juni 2014 um 23:35
Veramente una bella avventura!
Ciao
Alberto

Sky hat gesagt: ebollizione
Gesendet am 26. Juni 2014 um 13:19
In effetti a 3200 l'acqua bolle a 88°C, invece che ai 100°C della pianura.. però anche a quella temperatura l'acqua è da scottarsi, non è certo tiepida.. ;-)

gebre hat gesagt: RE:ebollizione
Gesendet am 30. Juni 2014 um 23:39
Son pienamente d'accordo sugli 88°C ma quando ha sparato i 110°C...l'ha detta grossa!!!
E' andata così, però quando li conosci i rifugi così...basta evitarli!
Ciao
Alberto

grandemago hat gesagt:
Gesendet am 26. Juni 2014 um 13:59
Anni 70.....allora funzionava ancora lo skilift: per la prima volta entro al Casati.
Un tipo dall'aspetto antipatico e scazzato mi guarda e mi dice:
"Eih....non lo sai che nei rifugi si devono togliere gli scarponi?"
Lo guardo.......lui calza scarponi da sci pieni di neve e lo ignoro.
Sento una voce che mi dice:
"Quello è Compagnoni"
"Ah si? Bel cafone!

gebre hat gesagt: RE:
Gesendet am 30. Juni 2014 um 23:50
Bell'elemento anche quello...soprattutto dopo che è stata riscritta dal CAI la vera storia della prima salita al K2....grande Bonatti!
Ciao
Alberto

bigblue hat gesagt: ...Grande Trio!!!!
Gesendet am 26. Juni 2014 um 21:42
Ciao Alby,
.....hai capito che trio....inarrestabile!
......nonostante la meteo, il freddo, la tracciatura completa.....e lo chiami quasi Cevedale??? questo è Cevedale e vale doppio....anzi triplo - Alby - Lella - Martyne....SOLO per VOI.....
Per lo spirito, la determinazione, la bella meta...COMPLIMENTI!!! e per la prossima, piuttosto vengo in bici....basta rotaie!
Pia

Il rifugista....u dev naà a ciapà i ratt....il the muerto, una cosa che da molto fastidio anche a me.....capita...capita...purtroppo!

gebre hat gesagt: RE:...Grande Trio!!!!
Gesendet am 30. Juni 2014 um 23:57
Ciao Pia,
a parte il meteo inclemente durante la salita alla vetta è stato molto bello condividere le emozioni e anche le difficoltà con le mie compagne di cordata! Per la tracciatura nella nebbia ho seguito i suggerimenti di Lella...molto preziosi!
In bici??? Mi sa che ne saresti capace :-)
Rifugio Casati? Non mi vedrà più, la prossima volta o lo faccio in giornata o parto dalla Pizzini!
Un caro saluto.
Alby

gbal hat gesagt:
Gesendet am 26. Juni 2014 um 22:44
E' mancata causa FFSS una importante pedina ma i restanti tre si sono difesi bene e hanno dato scacco matto al Cevedale a dispetto delle leggi della fisica!
Bravi.....un saluto!

gebre hat gesagt: RE:
Gesendet am 1. Juli 2014 um 00:00
Ciao Giulio,
peccato veramente per la quarta pedina...però cima raggiunta!
Grazie e buone escursioni.
Alberto


Kommentar hinzufügen»