Val Darengo capanna Como


Publiziert von massimo61 , 2. Juni 2014 um 17:21. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:31 Mai 2014
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Val Cama   I 
Zeitbedarf: 4:00
Aufstieg: 1200 m
Abstieg: 1200 m
Strecke:Crotto Dangri - Baggio - Capanna Como
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Statale Regina da Como , a Gravedona girare a sinistra Dosso del Liro- Livo , ulteriore deviazione a destra per Livo a Livo macchinetta per il pedaggio euro 1 per accedere a Dangri

ivanbutti Torno dopo numerosi anni alla Capanna Como; allora ero in solitaria, oggi siamo invece un bel gruppetto, anche se qualche amica che non si fida dei ns. metereologi ci ha bidonato all’ultimo ( ma non sa cosa si è persa, l’uomo del mistero preso per sfinimento alla fine ha vuotato il sacco). Chi tra di noi non è mai stato in queste zone (Mario e Gabri) resta subito colpito dalla bellezza selvaggia della Valle di Livo, impreziosita dal bel ponte di Dangri. L’itinerario è conosciuto, si parte belli ripidi fino a Baggio, poi quasi in piano fino al primo ponte, da dove inizia la Val Darengo vera e propria e si cammina affiancati dal fragore del torrente Livo, bello carico con tutta la neve che ancora è rimasta.
Si arriva così al bellissimo circo dell’Alpe Darengo, dove inizia lo strappo finale; vista la tanta neve qui il sentiero scompare, allora mi invento un percorso alternativo che regala un po’ di adrenalina all’Elefante, che tranquillizzato dal fatto che il ritorno non sarà di lì (il sentiero marcato è stato ritrovato ed è a pochi metri),  riesce comunque a passare nei suoi giusti tempi. Ormai ci siamo e così arriviamo al lago, dove troviamo anche 3 pescatori;  il tempo non minaccia pioggia, ma delle nubi a quota 2000 circa ci precludono la visuale sulle cime intorno, pazienza. Pranziamo fuori dal rifugio con abbondanza di liquidi non acquosi, meno male che qualche bottiglia è rimasta nel bagagliaio.  Si rientra in tutta calma, il tratto più ostico non lo dobbiamo fare; ultima sosta a Baggio, dove il sole si è fatto largo, e poi giù a Dangri dove termina la nostra bella gita. Le vallate dell’Alto Lario sono davvero belle e selvagge, magari tra un po’ si potrà risalire la Valle Fiumetto per provare qualche bella cima. Un caro saluto agli amici con i quali abbiamo condiviso la bella giornata, in particolare al coetaneo Massimo con il quale il 2 giugno pareggiamo l'età.

beppe Anche per me come per Ivan dopo parecchi anni un piacevole ritorno nella selvaggia Val Darengo , durante la salita ho pensato al mio caro amico Dino perché l'ultima volta ero stato con lui.
Grazie agli amici per la bella giornata e tanti auguri a Massimo di buon compleanno.

Aaeabe
Val Darengo. Sette uomini e quattro zampe.

Dicono che sia una valle, ma si potrebbe paragonare ad un isola... Tanta acqua, silenzio e pare che nel lago ci siano grosse trote da pescare.

Torno dopo circa un mese nello stesso posto. Mi nasce spontanea la curiosità di vedere quanta neve si è sciolta. A fine aprile c'erano imponenti accumuli di neve, a volte mista a legname trascinato a valle dalle valanghe. Oggi solo legname e appena una lingua di neve prima dell'ultimo ripido tratto... giusto per depistare un po' e rendere più complicata, ma divertente, la salita.

Nonostante il tempo incerto diffuso sulla Lombardia, mi fido di chi segue costantemente l'evolversi delle previsioni e veniamo premiati da un sole in buona parte presente. Le vette invece, un po' timidamente, si nascondono fra grossi nuvoloni.

Ringrazio gli amici compagni di escursione e auguro un buon compleanno a Massimo. Ciao a tutti.

numbers
Wild-wild-wild Darengo
Potrebbe essere questo l’inizio che fa capire bene il senso della nostra avventura di oggi, x me la prima volta in questa stupenda vallata.
La Val Darengo è davvero una vallata spettacolare e selvaggia,  non sembra davvvero di essere sulle montagne intorno al lago di Como, è un panorama molto più “nordico”. Un fiume dirompente e imponente, rigagnoli da ogni parte, rocce e massi di ogni dimensione a profusione, pareti scoscese e profondi canaloni ora a sinistra, ora a destra, su cui ancora abbondano tracce di imponenti slavine, e scaricamenti di sassi. E poi ancora ampi tratti aperti, con prati verdi e piccoli corsi d’acqua che li attraversano. Abbiamo “guadato” un numero impressionante di vari torrentelli e corsi d’acqua, davvero una vallata ricca di questo elemento.  
Ci si arriva con una lunga strada che si addentra dalle rive del lago di Como verso l’interno,  tra paesini tranquilli dove tutti sono intenti oggi a raccogliere il fieno. Arrivati a Liro, si imbocca una stretta stradina a sx., non prima di aver pagato il pedaggio, solo 1 Euro,  ad una macchinetta mal segnalata.
La strada prosegue prima asfaltata, poi con una lunga sterrata anche piuttosto sconnessa, soprattutto stretta ( x fortuna non incontriamo nessuna macchina….) e spesso priva di protezioni su ripidissimi dirupi…., fino a Dangri e all’omonimo caratteristico Crotto, dove, sulla destra, troviamo l’antico ponte in pietra e le stupende piscine naturali formate dal torrente Darengo: davvero un angolo incantevole!
Qui parte la nostra camminata, c’è un primo tratto ripidissimo nel bosco che subito ci fa guadagnare quota, fino al santuario della madonna di Livo prima, passando in un bel bosco di imponenti castagni tra le icone di una caratteristica via Crucis, fino alle baite di Baggio poi. Da qui la valle si apre, e un lunghissimo tratto in falsopiano e leggera salita, molto vario tra tratti aperti, altri nel bosco, altri lungo il torrente su enormi massi, ci conduce fino agli ampi pratoni sotto lo strappo finale, già di fronte agli imponenti massicci granitici e creste dentellate che circondano la conca in cui è situato lo splendido lago Darengo.
L’enorme colata di neve ancora presente, che ha travolto e trascinato alberi e massi, sotto la quale scorre impetuoso il torrente, ha cancellato le tracce del sentiero, che facciamo fatica ad individuare, così Ivan e Paolo  ci guidano  con circospezione prima sopra la lingua di neve, tenendoci in zona tranquilla, poi in risalita su un ripido e scivoloso pendio erboso e su una cengia rocciosa, dove anche Max passa egregiamente,  che ci riporta poi sulle tracce del sentiero. Da li l’ultimo e ripido strappo ci porta alla conca del Lago e alla capanna Como, posta in posizione panoramica su uno sperone roccioso. Purtroppo ampi nuvoloni nebbiosi ci precludono oggi quello che deve essere un panorama unico, sia verso valle, che alle spalle del bellissimo lago. Riusciamo solo ad intravedere a tratti le mestose cime che lo circondano, Pizzo Campanile, Pizzo S.Pio, Sasso Bodengo. Il posto merita senz’altro una seconda visita.
Ci siamo proprio meritati il lauto pranzo, a base di ottimi formaggi, e l’abbondante accompagnamento alcolico che spazzoliamo in fretta…..nessuna avanzo nemmeno oggi!
Bella e lunga anche la discesa, con il sole che va e che viene, regalandoci comunque anche oggi una bellissima giornata a dispetto delle previsioni pessimistiche.    
Ringrazio tutti x l’ottima compagnia. Buon compleanno a Massimo 61.
Ho conosciuto un altro posto spettacolare.
Soddisfattissimo.
Alla prossima. 
 

Capanna Como,un'altra meta da molto tempo nella lista di attesa!.
Oggi è arrivato il giorno giusto per andarci con gli amici.
La valle è bella selvaggia, acqua a volontà scende da innumerevoli torrenti , 
cascate e cascatelle ma mai dal cielo.
La meteo resta variabile per tutto il giorno ma il sole non è mancato!
Suni in buona forma procede bene e cosi saliamo spediti tra boschi fino
ad incontrare alcuni nevai. Il sentiero sparisce un po, 
ci inventiamo una via di salita un po più adrenalinica e alla fine siamo 
davanti al lago semigelato e alla Capanna Como.
Ottima sosta molto alcoolica e allegra davanti alla capanna con sole che 
va e qualche volta viene.
Poi giù senza problemi a rivedere questa valle, bella e selvaggia 
che merita di essere meta per altre escursioni e che oggi lascia tutti soddisfatti!
Un grazie agli amici per la bella compagnia, un grazie a Suni come sempre
perfetta compagna di escursione e tanti auguri a Massimo61!

Massimo Oggi dopo diversi anni torno in val Darengo meta Capanna Como, una vallata che in diversi particolari ricorda paesaggi nordamericani ......... una Val di Mello in miniatura ma ancora vergine!!!!!
La zona dell'Alto Lario sono davvero meritevoli di visite più frequenti per la loro rara bellezza e soprattutto per i paesaggi incontaminati che sanno offrire, zone selvagge che invogliano ad esplorare queste perle della natura. In aggiunta la solita gradita compagnia nella quale gogliardia e spensieratezza non mancano mai ........, grazie ragazzi e alla prox.
Auguri all'amico Massimo che dopo questa escursione sarà un po meno giovane ......., cento di questi compleanni!!!!!

massimo61
Sette amici nella selvaggia val Darengo , che confidando nelle previsioni meteo positive nonostante le nuvole passano una bella giornata in mezzo alla natura incontaminata della valle piena di verde e di acqua con ancora tanta neve in quota.
ringrazio ancora gli amici per gli auguri , anche se non si raggiunge una cima la montagna se la si ama sa regalare emozioni bellissime
ciao a tutti alla prossima



Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T3+ I
T5+ WS- III
T3 L
T4-
T3+
31 Okt 11
Capanna Como in Val Darengo · male90

Kommentare (13)


Kommentar hinzufügen

Daniele66 hat gesagt: Capanna Como
Gesendet am 2. Juni 2014 um 17:51
Bella uscita complimenti Daniele66

massimo61 hat gesagt: RE:Capanna Como
Gesendet am 2. Juni 2014 um 20:02
ciao Daniele grazie

gebre hat gesagt: wild!
Gesendet am 2. Juni 2014 um 18:04
Complimenti a tutti, bei posti selvaggi.
Auguri Massimo!
ciao
Alberto

massimo61 hat gesagt: RE:wild!
Gesendet am 2. Juni 2014 um 20:02
ciao Gebre grazie per gli auguri

Menek hat gesagt:
Gesendet am 2. Juni 2014 um 22:03
Non ci conosciamo ma auguri a Max61....
Domenico

diego hat gesagt:
Gesendet am 2. Juni 2014 um 22:34
Sono salito al lago il 4 maggio, da Pianezza in poi ho faticato parecchio ...l'attraversare il torrente coperto di neve dopo l'alpe Darengo è stato da brivido... vedo che le slavine sono quasi sparite, ma per un po' resteranno i segni del loro devastante passaggio..
un saluto a tutti!

beppe hat gesagt: RE:
Gesendet am 3. Juni 2014 um 06:36
Ciao Diego speriamo di vederci presto per una bella escursione insieme.
Beppe

grandemago hat gesagt:
Gesendet am 3. Juni 2014 um 09:39
Gran bel gioiello la val Darengo.
Ciao a tutti
Aldo

PS x Ivan: confesso di essere stato complice del bidone dell'amica........e mi dispiace per il mancato aggiornamento del gossip! Ciao

cristina hat gesagt:
Gesendet am 3. Juni 2014 um 10:11
Bello l'alto Lario e bellissime foto.

Auguri a Max61.

Ciao Cri

giorgio59m hat gesagt:
Gesendet am 3. Juni 2014 um 17:27
Bellissimo giro !
Abbiamo visto capanna e lago dal Duria, ed è rimasto nel cuore ...
E' "in canna" da tanto-tanto tempo, resta da fare.
Troppo bello, ma vedo che andar via ancora un pò di neve ...
bravi a tutti e auguri a Max61 :)

proralba hat gesagt:
Gesendet am 4. Juni 2014 um 16:46
Splendido...Val Darengo..Capanna Como..
complimenti a tutti!
ciao
Paola

froloccone hat gesagt:
Gesendet am 4. Juni 2014 um 19:38
Bellissime foto e posto stupendo!!!!è già un pò che devo andarci,adesso,guardando le vostre immagini ho un motivo in più!!!!!!Ciao ALE

numbers hat gesagt: RE:
Gesendet am 9. Juni 2014 um 00:14
Merita, merita davvero...

Ciao


Kommentar hinzufügen»