Cortesell dei Morasci Val Verzasca


Publiziert von danicomo , 10. Mai 2014 um 19:25.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:10 Mai 2014
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Cima di Gagnone 
Aufstieg: 750 m
Abstieg: 750 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Si arriva a Gerra Verzasca e si può posteggiare, a pagamento, appena dopo il ponte, sulla destra. Altrimenti prendere la strada asfaltata che scende a destra subito dopo, proseguire fino ad un'area di giochi per bimbi e, prima di un ponte sul torrente principale, posteggio libero a destra.
Kartennummer:CNS 1292 Maggia

Il tempo a disposizione  per sabato  non  è tanto e bisogna tornar presto. Trovo sul libro di Chiara Brenna la descrizione di una gita di non esagerato sviluppo e dislivello e cerco, come al solito, su Hikr qualche informazione. Stranamente nessuno l'ha mai descritta, non esistono neppure i waypoints relativi e, sul web, trovo solo alcune foto del bravissimo Seeger che, nel suo sito sulle Alpi Ticinesi, mostra di esser passato anche di qui.
Descrivo allora, una volta tornato, la gita in una maniera più completa di altre volte, quando tante cose le davo per sapute e affidavo alla ricerca di ciascuno lo svilupparsi della via.
A Gerra non attraversare il fiume sul ponte a monte (quello carrozzabile) ma tornare verso il ponte pedonale più a sud. Attraversatolo prendere la dx e percorrere per circa 10 minuti il sentierone del fondovalle. Si supera subito un altro ponticello, si passa la deviazione che sale all'Alpe Mott, si passa da un'area picnic e si valica uno stretto e lungo ponte che supera il Riale della Val di Mott.
A sinistra la meravigliosa cascata di Mott e, attenzione, appena finito il ponte, sulla sinistra, parte una traccia non evidentissima.
E' questo l'inizio del sentiero per Cortesell.
Salendo la traccia migliora, si passa, con una scalinata, accanto alla cascata e a risvolti stretti, guadagnando quota in fretta, si arriva a Frodetta (972m). Passando tra le due cascine non si va verso sin, dove si vede un "canvetto" per la conservazione dei cibi, ma si sale secchi. Il sentiero, sempre ben evidente, guadagna in maniera logica la bancata boscosa e, dopo aver trovato un bel muro e un cartello che invita a tener legati i cani, arriva ad un gruppo di cascine a quota 1243m. Si prende, appena prima di arrivarci, una traccia verso dx che, in leggera salita porta, dopo un tratto franato che passa un torrentello e un bosco di faggi, ad affacciarsi al terrazzo erboso di Cortesell (m1333).
Il posto è molto bello e più panoramico del successivo Cortesell dei Moraschi. Si vede Brione in basso, sovrastata dal Madom da Sgiof e dalla zona del Masnee, il Poncione della Marcia in una visione insolita, le montagne sopra Sonogno, il Madom Gross e lo Scaiee appena sopra sulla destra. Vari sassoni e un bel prato potranno permettere ai più pigri di fermarsi quì e aspettare gli avventurosi che proseguiranno.
In effetti arrivare a Cortesell dei Morasci è una (piccola) avventura e il livello di difficoltà sale un poco.
Il sentiero, in piano, arriva ad un primo riale, poi, attraversando dei traversi da "piede fermo" per il fogliame e l'esposizione, si arriva ad un secondo riale. Da qui in avanti il sentiero è un optional. Si trovano all'inizio alcuni nastri gialli, legati intorno agli alberi, da seguire muovendosi nel bosco di faggi. Finiti i segnali gialli si intuisce in alcuni punti la traccia e si trovano alcuni microometti che però confortano.
La traccia segnata sulla CNS è, tanto per cambiare, molto precisa e aiuta nell'orientamento. Si arriva sotto una bancata di rocce e, grazie all'intuizione e ai tentativi, si trova il modo di passarla da dx a sin.
Appena prima delle rocce, magicamente, cominciano alcuni segni rossi sui faggi che portano per mano a Cortesell dei Morasci (1527m). Il posto è molto bello, si intravedono la Corona di Redorta e il Barone e penso in autunno sia, con i larici ingialliti, ancora meglio.
In discesa, tornando a Cortesell, fare attenzione a due cose. I bolli rossi paiono messi apposta per aiutare chi sale ma, scendendo, non si vedono, pertanto girarsi spesso a veder se la strada è giusta. Finiti i bolli rossi tirare a naso per vedere appena possibile i nastri gialli cercando, trovati i primi, di NON scendere troppo ma tirare verso destra stando abbastanza a livello.
Arrivati a Cortesell è ora di aprire gli zaini e togliere bottiglie e leccornie varie....

Tourengänger: danicomo


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T6 II
12 Aug 17
Cima di Cazzài (2435 m) · froloccone
T3
5 Okt 11
Pizzo del Motto (2373msm) · Jules
T3+ I
WT4
18 Mär 17
Poncione della Marcia (2454 m) · emanuele80
T3+ I
16 Okt 16
Poncione della Marcia · Giaco

Kommentare (10)


Kommentar hinzufügen

micaela hat gesagt:
Gesendet am 10. Mai 2014 um 21:34
ciao Daniele , grazie per lo spunto ! bel resoconto esauriente ed affascinante , foto che parlano al cuore ; complimenti , ti leggo sempre con piacere !
Micaela

danicomo hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Mai 2014 um 19:34
Grazie Michela,
dai sempre soddisfazione.
Daniele

Menek hat gesagt:
Gesendet am 11. Mai 2014 um 15:26
Decisamente bello, paccato che abito un pò distante, o perlomeno non vicinissimo... Mah, magari...
Ciao
Domenico

danicomo hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Mai 2014 um 19:42
Ciao Domenico,
se non conosci la Verzasca, e il posto è stupendo e merita, ti consiglio allora altre gite.
Curtesell, per quanto bella, è stato un pò come raschiare il fondo del barile, avendo fatto tantissimo in zona.
Se non sei mai andato e vuoi farti un'idea ti consiglio Eus o il Poncione d'Alnasca o la Capanna Cognora (trovi varie relazioni sul sito)
Ciao e buone gite
Daniele

Laura. hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Mai 2014 um 15:06
verissimo quanto dice Daniele.
Il Poncione è stupendo, lo scorso anno l'ho fatto da una via sfiziona, godendomi lo scenario della sud e della cresta della Fopia...

danicomo hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Mai 2014 um 16:45
Carissima,
io, anni fa, son salito dalla normale.
Tu invece, ricordo bene la tua relazione, hai fatto la salita dal vallone di Rozzera.
E, quel che qualifica ancor di più la tua giornata, se di nuovo non ricordo male, sei scesa forzando il versante ovest della Fibbia, selvaggio e inospitale, per tornare all'Alpe Rozzera.
Chapeau....
Posti bellissimi e splendida avventura....
Approfitto per chiederti: nel canale prima della bocchetta ci sono vecchi cordini? o forse una catena?
Ciao
Daniele

Laura. hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Mai 2014 um 22:22
L'anno scorso c'erano delle vecchie corde e qualche metro con il cavo d'acciaio. Considerando che si possono usare gli anelli presenti, consiglierei di portare una corda e un imbrago in modo da assicurarsi con qualcosa di "sano". Il canalino è piuttosto umido, meglio farlo dopo qualche giorno di tempo asciutto. 
Ciao
Laura


Menek hat gesagt:
Gesendet am 16. Mai 2014 um 19:40
Grazie per le info... prima o poi questa lacuna la sistemo!
Però tu Laura sei pericolosa... :) visto le tue relazioni per fare le tue escursioni mi serve l'acqua santa di Compostela!
un salutone
Domenico

Laura. hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Mai 2014 um 22:20
Esagerato!!!
Ciao e buone gite

gbal hat gesagt:
Gesendet am 18. Mai 2014 um 15:55
Complimenti per questa tua "prima" di Hikr.
Ora il contributo che cercavi c'è e chi vorrà ripeterti sa cosa l'aspetta.
Bravo


Kommentar hinzufügen»