Rifugio Zacchi, laghi di Fusine


Published by andrea62 , 11 September 2013, 22h13.

Region: World » Italy » Friuli Venezia Giulia
Date of the hike:31 August 2013
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: SLO   I 
Time: 5:00
Height gain: 450 m 1476 ft.
Height loss: 450 m 1476 ft.
Route:Laghi di Fusine sponda est - rifugio Zacchi - laghi di Fusine sponda ovest
Access to start point:Da Tarvisio seguire le indicazioni per Fusine. Prima del confine sloveno si gira a destra per i laghi. Dopo le case di Scichizza (non indicata da cartelli) la strada segue l'emissario dei laghi, il Rio del Lago, in una valle strettissima dove si trovano i primi parcheggi e il sentiero lungo il Rio. Abbiamo posteggiato in una piazzola davanti al ristorante Edelweiss sul lago Inferiore. Il parcheggio più grande è in cima al lago Superiore.
Accommodation:Oltre al rifugio, varie strutture a Tarvisio.
Maps:Tabacco 019 Alpi Giulie Occidentali Tarvisiano

Iniziamo percorrendo la sponda orientale del Lago Inferiore (m.924) su comodo sentiero poco distante dalla strada. Alla fine del lago seguiamo le indicazioni per il lago Superiore. Il sentiero si inoltra nel bosco, passa accanto ad un grande masso erratico attrezzato a palestra di roccia (masso Pirona) e si porta sulla sponda nord del lago Superiore (m.929) dove appare la muraglia del Mangart. Contorniamo anche questo lago, sempre sul lato est, su sentiero diventato più stretto e un po’ accidentato per radici e rocce affioranti (ci sono turisti che lo percorrono con calzature cittadine e imprecano). Al suo termine c’è il parcheggio principale con annessa “spiaggia” erbosa che più tardi sarà sede di turisti dediti al pic-nic o a prendere il sole.
 
Dal parcheggio inizia la pista forestale per il rifugio Zacchi. Percorrendola, ben presto sulla sinistra si stacca il sentiero per il rifugio, indubbiamente più breve. Questa vacanza in Friuli deve essere rilassante il più possibile per cui continuiamo lungo la forestale, larga e con ampie curve e tornanti. Passati accanto alla Capanna Ghezzi, chiusa e non custodita, arriviamo poi al rifugio Zacchi (m.1380) sempre accompagnati dalle vedute sulla parete rocciosa che va dal Mangart al Mangart di Coritenza e alla Veunza.
 
La costruzione in legno del rifugio Zacchi e la sua collocazione nel bosco sotta la rocciosa Ponza Grande sono gradevoli. Un cartello indica la piccola area defilata dal rifugio dedicata a chi consuma viveri propri. Qui facciamo conoscenza con una simpatica signora che sa tutto degli itinerari della zona e con i suoi educatissimi nipoti, cosa rara di questi tempi. Peccato che il signore al banco del rifugio sia stato scortese con noi, con le sue collaboratrici e con i nipoti della signora.     
 
Tornati ai laghi ne percorriamo stavolta le sponda ovest, sempre su sentierini un po’ sconnessi e passando accanto a un altro enorme masso erratico (masso Marinelli).  Stamattina la prima impressione dei laghi era stata un po' deludente perché me li aspettavo più grandi. Ora li osservo così come sono, ne apprezzo la limpidezza e ne osservo la fauna (trota fario e salmerino alpino).  

Hike partners: andrea62


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

PD
12 Sep 15
Mangart über den Slowenischen Weg · Matthias Pilz
PD+ PD
T5 PD I
27 Sep 15
Mangart (2679m) via Slovenska smer · أجنبي
D PD
TD

Post a comment»