Impegnativa escursione ad anello sul Lago Maggiore


Publiziert von adrimiglio , 20. Mai 2013 um 11:32.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:25 April 2013
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Aufstieg: 30 m
Abstieg: 30 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:In auto
Zufahrt zum Ankunftspunkt:In barca
Unterkunftmöglichkeiten:A volontà

Questo episodio risale a qualche anno fa, quando frequentavamo regolarmente in bel gruppo escursionistico ispirato da tignoelino; non ricordo bene dove ci trovavamo, forse impegnati a districarci sulla Cresta Battisti sul Monte Rosa o forse nelle infinite pietraie che conducono al Monte Cervandone dell'Alpe Devero, quando Renzo usci con una frase che suonava più o meno così: “...ma perché invece di stare qua a fare questa faticaccia e a rischiare la pelle, domenica prossima non andiamo a visitare l'isola Bella sul Lago Maggiore?”

La frase destò meraviglia e ilarità tra noi, tanto che divenne il tormentone di ogni gita.
 

Oggi la giornata è splendida e per diversi fattori che non sto ad elencare non abbiamo voglia di montagna, indovinate un po' cosa propongo ad Angela?
 

L'impegnativa e atipica escursione ha inizio a Stresa, dove ci imbarchiamo su di un natante di dimensioni lillipuziane, di dubbia sicurezza, la linea di galleggiamento è talmente bassa che ci bagniamo con gli schizzi d'acqua generati dall'andatura sostenuta, questo è il tratto più rischioso (T5) dovesse affondare solo qualche provetto nuotatore si salverebbe...
Sbarcati sull'Isola Madre, così chiamata perché la più grande delle Isole Borromee, commettiamo un grave errore sbagliando sentiero, infatti come pecore ci accodiamo ad una“guida...lacustre” che, invece di seguire le indicazioni per l'entrata, ci conduce esattamente all'uscita...probabilmente non aveva il GPS...dopo un dietro-front, imbocchiamo la retta via che ci porta alla biglietteria, purtroppo la perdita di tempo fa si che siamo preceduti da un foltissimo gruppo di “escursionisti” eruttati da un ciclopico battello (45' di coda).

Dimenticato l'inconveniente in pieno relax iniziamo la visita a questo meraviglioso giardino botanico in stile inglese ottocentesco, ricco di volatili esotici, gli appassionati floreali vengono rapiti dalle 2000 varietà di specie differenti, provenienti da tutto il mondo, in piena fioritura, mentre io mi rendo conto di avere lo sguardo principalmente rivolto verso l'alto cercando di riconoscere le cime all'orizzonte.
Abbiamo anche la fortuna di ammirare un'esposizione di opere d'arte posizionate con gusto in una zona dell'isola, non meno interessante si rivela la visita al palazzo in stile rinascimentale che conserva parecchie antichità della famiglia Borromeo, tra cui dei curiosi teatrini di marionette.
Ripartiamo così alla volta dell'Isola dei Pescatori, conosciuta anche con il nome di Isola Superiore, l'unica abitata stabilmente da una cinquantina di anime; il battellino diverso dal precedente questa volta ispira più fiducia, (T4) e in men che no si dica ci abbandona sulla lingua rocciosa letteralmente invasa da turisti festanti, in questo momento il nostro pensiero fugge alla quiete di un altro lago, quello di Matogno posto a 2080 metri, mentre il nostro sguardo è catturato magneticamente da una montagna innevata in direzione nord, dovrebbe trattarsi del Fletschorn 3993 m.
Dopo una celere ispezione dei vicoletti saturi di ristorantini tipici, ci congediamo dalla folla per approdare all'Isola Bella grazie ad un'imbarcazione di ultimo grido che riduce il grado di difficoltà a (T3) meglio non abbassare la guardia...
L'isola dal nome azzeccatissimo è un concentrato delle due precedenti è caratterizzata da un giardino all'italiana composto da dieci terrazze sovrapposte a piramide mozza, considerato il più bello d'Europa, con annesso lo splendido Palazzo Borromeo in stile barocco, nel suo interno, elegante e sontuosamente arredato, ammiriamo un’imperdibile collezione di arazzi, mentre nelle sale sotterranee, con stupore osserviamo delle grotte artificiali con le pareti incrostate di conchiglie decorate da ninfe e specchi di marmo nero.
Tornati in superficie non ci rimane che ambire ad una panchina per goderci qualche raggio di sole e per riposarci dall'impegnativa gita.


Grazie Renzo bell'idea!


Tourengänger: adrimiglio

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 15951.xol Isole Borromee

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (12)


Kommentar hinzufügen

veget hat gesagt:
Gesendet am 20. Mai 2013 um 20:06
Per stabilire il dislivello esatto, hai usato il GPS????(scherzo eh!)
Nel nostro territorio ,quando si ha poca voglia di montagna,non mancano piacevoli alternative.....e se non manca la fantasia.....ecco la sorpresa, e che sorpresa,Bravi.
Ciao
Eugenio

adrimiglio hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Mai 2013 um 12:23
Ciao Eugenio

hai visto cosa ho estratto dal cilindro? il dislivello l'ho calcolato a "stim" e penso anche di averlo sottovalutato...

Adry

tignoelino hat gesagt: isola bella
Gesendet am 20. Mai 2013 um 20:45
Bella , Adry. non hai idea di quante volte Renzo,
abbia lanciato la meta, quando stiamo facendo
grandi fatiche!!! ciao
roby

adrimiglio hat gesagt: RE:isola bella
Gesendet am 21. Mai 2013 um 16:39
Ciao Roby

l'input me l'hai dato tu...e devo dire che mi sono anche divertito a stilarla, almeno ho trovato cosa fare nell'ennesima domenica di pioggia, anche se nel pomeriggio non ce l'ho fatta più e sono andato a Coipo.

Stammi bene e salutami Terry.

Adry



Poncione hat gesagt:
Gesendet am 20. Mai 2013 um 20:51
No! Non avrò mai il coraggio di fare questo giro ad anello, oltretutto se contiamo il costo dei traghetti il livello di difficoltà sale a un tostissimo T6... anzi, quasi T7 :)))

adrimiglio hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. Mai 2013 um 16:49
Ciao Emiliano

troppo impegnativo eh? in effetti i costi sia dei battelli che degli ingressi non sono a buon mercato, noi ossolani siamo conosciuti per mazzolare quei tre turisti che arrivano in estate, ma anche qua non scherzano...

Grazie per il simpatico commento

Adry



gbal hat gesagt:
Gesendet am 21. Mai 2013 um 21:14
Meno male che c'era in giro la Rega e l'SOS; con questi pericoli.....
In compenso divertimento garantito.
Bravo Adry

adrimiglio hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Mai 2013 um 19:14
Ciao Giulio

escursione ad alto rischio, il pericolo è sempre dietro l'angolo...non avrei mai pensato di fare e ancor meno di pubblicare una cosa simile, ma ti devo dire che mi sono pure divertito in entrambi i casi e questa è la cosa più importante, speravo anche in qualche commento ironico in più, peccato!

Stammi bene, hai visto che Eugenio ha trovato la fotocamera?

Adry.

gbal hat gesagt: RE:
Gesendet am 23. Mai 2013 um 19:30
Io ce l'ho messa tutta!
Per la fotocamera di Eu sono iperfelice.
Non ti hanno fischiato le orecchie oggi? Sono uscito con Roby & Teresa e si è parlato anche di te (ho scoperto che sei anche piuttosto bravo non solo come fotografo ma nelle varie attività in montagna).
Ciao

adrimiglio hat gesagt:
Gesendet am 24. Mai 2013 um 15:56
Che ero piuttosto bravo...vorrai dire, purtroppo in questi anni ho avuto qualche acciacco che mi ha limitato nelle cose più impegnative, ora con l'inconveniente del ginocchio sono andato proprio a zero.

Comunque l'intenzione di riprendere c'è tutta, speriamo si concretizzi.

Grazie Giulio, leggo sempre con piacere i tuoi interventi.

Adry.

peter86 hat gesagt:
Gesendet am 30. Mai 2013 um 12:33
Ciao Adry, mi ero perso questa fantastica relazione!! Comunque impegnativa lo è di sicuro questa escursione: 45 minuti di coda alla biglietteria sono una bella faticaccia!!
Bei luoghi comunque, vale decisamente la pena andarci una volta ogni tanto!
Ciao
Pietro

adrimiglio hat gesagt: RE:
Gesendet am 30. Mai 2013 um 16:11
Ciao Pietro

grazie del tuo prezioso commento, hai ragione 45' di coda sono veramente lunghi da digerire, ma non è stato niente a confronto della coda che abbiamo dovuto fare qualche giorni prima, per entrare agli Uffizi a Firenze (2 ore)...

Adry.


Kommentar hinzufügen»