Cornizzolo over the clouds...


Publiziert von numbers , 28. April 2013 um 17:16.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:12 Januar 2013
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 4:00
Aufstieg: 900 m
Abstieg: 900 m
Strecke:Civate -Pozzo - sent. 10 S.Pietro al Monte- rif. Sec- cima Cornizzolo - sent. 11 pozzo- Civate
Zufahrt zum Ausgangspunkt:SS36 dir. Lecco uscita Civate, parcheggio presso casa di riposo

Escursione del 12/1/2013

Oggi, qui dalle mie parti, sembra proprio una giornata grigia, nuvolosa e triste. Il meteo però parla di tempo bello sui rilievi. Vuoi vedere che sopra alla cappa della pianura splende il sole?
In questo inizio d'anno avaro di neve, quantomeno alle quote medio-basse, decido x una delle mie classiche, il Cornizzolo da Civate, l'ideale x vedere se è proprio come penso .
Ci sono andato molte volte, xchè è vicino casa, in 25 minuti sono a Civate, ed è un ottimo training x muscoli, fiato, gambe, ginocchia e resistenza. Spararsi i suoi 900 mt. di dislivello è  la mia "palestra di allenamento", soprattutto se, come faccio spesso, vado e torno in 4 ore scarse, così da poter essere indietro in tempo x ritirare le figlie di ritorno da scuola. E' un percorso duro, ma anche molto appagante dal punto di vista paesaggistico, soprattutto se è una bella giornata.
Alle 8.30  sono a Civate, parcheggio in alto al paese vicino alla casa di riposo, come quasi sempre, difficile trovarlo + in alto.  Sono ancora completamente immerso nella nebbia e nella cappa grigia. Parto in direz. S.Pietro sent. 10, e in breve passo Pozzo,  non appena poi la strada prende a salire regolarmente, comincio a intravedere verso l'alto i primi scorci di sole e cielo limpido. Quando arrivo al bivio x il corno Birone, sto già emergendo completamente dalle nuvole, e comincio ad ammirare il "mare bianco".
E' uno spettacolo molto suggestivo, in breve il panorama cambia completamente, e arrivato a S.Pietro mi fermo un po a godere il panorama. Per una volta tanto, il centro della scena non è la splendida abbazia, che ho già visto e visitato tante volte, e che merita comunque sempre la fatica di salire fin qui..  Il Monte Barro, li davanti, sembra proprio un'isola, e il sole che splende sopra la coltre di nuvole, rende tutto magico e irreale. Incredibile pensare che tutti, la sotto, non immaginano nemmeno lontanamente cosa c'è poco sopra le loro teste!  Che spettacolo si stanno perdendo...................Impagabile!
Continuo a salire veloce, soprattutto il lungo tratto nel bosco, in breve sono al rif. Sec Marisa Consiglieri, ancora chiuso, più tardi saliranno i volontari. Poi via verso la cima, l'ho fatto tante volte, ma oggi c'è un motivo in più: voglio godermi lo spettacolo anche da li. E così faccio, fermandomi un po a riposare e fare foto, il clima è in generale gradevole, anche se in vetta un po d'aria fresca mi convince a riprendere la via di discesa. Scendo dalla parte opposta, andando a prendere il sent. 11, che segue tutto il pianoro, è un sentiero molto panoramico e sempre baciato dal sole, con una vista impagabile su Lecco, il Resegone, sui laghi di Annone-Oggiono, di Alserio, sul Barro e sulla pianura. Ma oggi vedo solo un "mare bianco di nuvole".......e mi fermo spesso a fare foto, cercando di imprimere meglio che posso questo spettacolo unico.
Per la mezza sono alla macchina, ancora immerso nella "cappa"grigia, soddisfatto e un po + felice.

Alla prossima.
 


Tourengänger: numbers

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»