Gli Amici di Eolo....


Publiziert von Marco27 , 26. Februar 2013 um 09:48. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:24 Februar 2013
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 1000 m
Abstieg: 1000 m
Strecke:Introbio, Bocca di Biandino, Madonna della Neve
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Milano-Lecco uscita Valsassina. Dopo il Colle di Balisio proseguire diritti, fino al bivio per Introbio. Posteggio al cimitero o ai carabinieri.

Come l’anno passato, mi metto in testa di organizzare un incontro fra vecchi amici per passare una giornata insieme come ai vecchi tempi, ricordare le mille cose fatte insieme, quando si militava più o meno tutti nella stessa Sezione Cai, e sopratutto ricordare il nostro  grande Amico Eolo, che ci ha lasciato da ormai oltre un anno....
Il rimettere insieme gli impegni e le necessità di persone che frequentano la montagna in modi diversi e arrivano dai più disparati angoli della provincia milanese, non è cosa facile, per cui decidiamo di fissare più luoghi e orari di appuntamento, in modo che ognuno possa scegliere quello a lui più congeniale. La scelta della meta cade sul Rifugio Tavecchia per l’estrema facilità di accesso, per la possibilità, volendo, di salire anche con condizioni meteo pessime, ma soprattutto per l’amicizia di lunga data che lega tutti quanti noi ai gestori.
Dopo settimane passate fra e-mail, sms, telefonate e quant’altro per organizzare tutto, giove pluvio non può che riservarci la domenica peggiore possibile: neve per tutto il giorno fin dalla pianura.
Quando la mattina alle 5.30 caccio la testa fuori dalla finestra per vedere che tempo fa, mi accorgo che nevica, e che le strade non sono un granché già da qui, immagino che il gruppone previsto verrà inesorabilmente decimato.
Dopo aver fatto servizio di bus navetta in giro per i paeselli della cintura nord di Milano, imbocchiamo la Milano Lecco e con molti disagi in meno del previsto raggiungiamo Introbio. La ci aspetta l’amico Vincenzo con la sua fida Kicca. L’idea è quella di salire fino alla Grassi, e poi ridiscendere alla Bocca di Biandino, per incontrare gli altri, i quali partiranno da Milano ben più tardi di noi. Nevica insistentemente e finché restiamo sulla jeeppabile si cammina più che bene, non appena però imbocchiamo il sentiero che risale la destra orografica della valle, non vi è più traccia, o meglio, la vecchia traccia nella neve è quasi del tutto cancellata. Dobbiamo quindi darci un bel da fare per aprirci un varco lungo il sentiero. Procediamo abbastanza lentamente, con la neve che a tratti raggiunge la cintura, ma, mentre sul versante opposto sentiamo scendere svariate piccole slavine, che impediscono alle jeep di salire oltre un certo punto, da questa parte la progressione è parecchio più sicura. Raggiungiamo così la Bocca di Biandino, ma la progressione è stata talmente lenta che sono ormai passate le 11.00, e il salire alla Grassi, oltre che dalle condizioni di sicurezza dubbie, ci viene sconsigliato anche dal fatto che probabilmente ci toccherebbe pestarcela tutta fin lassù, e che quindi ci risulterebbe impossibile essere indietro per le 13.30, ora dell’appuntamento con gli altri, anche se di fatto non siamo certi che saliranno.
Non è questo lo scopo oggi; oggi siamo qui per stare insieme e fare finta che ci sia anche Eolo, per cui optiamo per una breve capatina alla Madonna della Neve; un the caldo, quattro ciance e si torna indietro.
Tornati al Tavecchia, incontriamo i nostri compagni; a parte qualche “scoppiato” che si è lasciato intimorire dalla nevicata, sono arrivati quasi tutti. Andiamo incontro ai più ritardatari per sincerarci che non ci sia bisogno di assistenza, e con loro raggiungiamo l’agognata meta.

La permanenza al Rifugio Tavecchia è come sempre più che piacevole: buona cucina (e anche abbondante), ambiente amichevole e accogliente e gestori sempre molto disponibili; di posti dove è così piacevole soggiornare non ce ne sono poi molti. Ad un certo punto compare una fisarmonica, con tanto di cantori, e, complice il rosso che come sempre scorre a fiumi, ci si lascia andare in canti e balli di ogni genere.

Qualcuno a un certo punto chiede “Signore delle Cime” in onore del nostro amico Eolo,  personalmente preferirei evitarlo perché so che finirò col commuovermi, ma non faccio in tempo a dire nulla, che il canto è già partito…. Pensando alla vedova di Eolo faccio un filmino, so che le farà piacere vederlo, tuttavia evito di filmare anche il silenzio che ne segue, perché credo che, come il filmino stesso, debba restare proprietà unica di chi ha vissuto quel momento.

Alla fine di questa splendida giornata passata insieme, riprendiamo la discesa; ha quasi smesso di nevicare e le slavine sono scese tutte , per cui il versante sinistro non presenta più pericoli e possiamo scendere molto velocemente seguendo la jeeppabile. L’unico “problema” sarà disseppellire le auto, e aprirsi un varco attraverso il muro che lo spazzaneve ci ha piazzato dietro al portellone.

Finisce così una splendida giornata passata in ottima compagnia; non so se Eolo, da qualche parte ha potuto vederci, ma sono convinto che se lo ha fatto è stato sicuramente con quel sorriso che tutti noi abbiamo conosciuto dipinto sul volto. Ciao Vecio. 

A valle di tutto ciò, un grandissimo grazie (l'ennesimo) alla famiglia Buzzoni per l’accoglienza; grazie  a tutti coloro che, nonostante strade in pessime condizioni, neve, freddo, e visibilità nulla, hanno sentito di volerci essere lo stesso, e grazie anche a tutti quelli che avrebbero voluto esserci, ma che per mille ragioni non hanno potuto. Un grosso BUUUUUU ! invece a chi la mattina si è lasciato intimorire dal maltempo :-)
 

Tourengänger: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
29 Jul 12
Rifugio Grassi Val Biandino · Daniele66
T2
T2
23 Feb 13
Madonna della neve 1595 · Daniele66
T2
T6+ WT6
15 Feb 15
La Ritirata di Russia.... · Marco27

Kommentare (3)


Kommentar hinzufügen

Daniele hat gesagt: Peccato
Gesendet am 26. Februar 2013 um 13:48
Peccato non esserci stato... dalle facce direi che vi siete divertiti.
E che avete bevuto!
Ciao
Daniele

Marco27 hat gesagt: RE:Peccato
Gesendet am 26. Februar 2013 um 13:50
Questo avresti dovuto saperlo anche senza vedere le facce.... ;-)

Daniele hat gesagt: RE:Peccato
Gesendet am 26. Februar 2013 um 14:03
Il punto 2 era una sicurezza!


Kommentar hinzufügen»