Dolomiti di Brenta - ometto a quota 2566 m


Publiziert von cristina , 21. Februar 2013 um 15:33. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Trentino-Südtirol
Tour Datum:18 Februar 2013
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Strecke:Madonna di Campiglio-Malga Fevri (Spinale)-Rif. Graffer-Rif. Stoppani-P.so Grostè-ometto a quota 2566 m-Rif. Stoppani-Rif. Graffer-Malga Vagliana-Malga Vaglianello-Malga Mondifrà-P.so Campo Carlo Magno-Madonna di Campiglio
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Romeno scendere a Cles, Mostizzolo, girare a sx proseguire fino a Dimaro, svoltare a sx e salire a Campo Carlo Magno, superarlo ed entrare nelle Gallerie direzione Madonna di Campiglio centro. Usciti dalla galleria si entra, leggera discesa, in paese. Alla prima curva a sx c'è il posteggio gratuito menzionato, circa 15 posti penso, poco oltre a dx c'è quello a pagamento e coperto dello Spinale.
Kartennummer:Tabacco Parco Naturale Adamello-Brenta 1:50.000

Anche il Brenta come il Roen di domenica si sa…ma di lunedì invece…
Lasciamo l’auto nell’unico posteggio libero di Madonna di Campiglio (non penso ce ne siano altri) e ci dirigiamo verso l’impianto dello Spinale, poi prendiamo come riferimento una chiesetta. Notiamo anche dei cartelli che indicano un percorso di Nordic Walking, in ogni caso si passa davanti alla chiesetta e si sale lungo le stradine fino a raggiungere una pista da sci, si attraversa e sul lato opposto, segnalato da paletti verdi e arancio, parte il percorso sci alpinistico che raggiunge il Rifugio Graffer
La salita fino ai piedi dello Spinale è comoda è con qualche strappetto, utile come riscaldamento, poiché a Campiglio eravamo a -10°.
Giunti ai piedi dello Spinale si apre davanti a noi lo spettacolo del Brenta, meraviglioso! Qui indossiamo le ciaspole e tanto per divagare un poco raggiungiamo una croce che rimane sopra Malga Fevri.
Ritorniamo sul percorso segnalato e battuto unicamente da sci e con vari sali scendi, curve, passaggi tra dossi e dossetti, in parte è lo stesso sentiero estivo che dallo Spinale raggiunge il rifugio Graffer, raggiungiamo così la pista da sci del Grostè. Prima di raggiungere il rifugio Graffer la attraversiamo e su neve fresca proseguiamo accanto, ma non troppo, alla pista. Poco oltre il rifugio imbocchiamo la strada di servizio che raggiunge il rifugio Stoppani e quindi il P.so del Grostè.
Al P.so troviamo il Soccorso Alpino che sta simulando un soccorso in valanga con i cani, ci fermiamo a osservarli e a scambiare qualche chiacchiera, i cani sono uno spettacolo e come sempre c’è quello più discolo che non perde l’occasione per venire a prendersi qualche carezza!
Proseguiamo ancora un poco in salita fino a raggiungere un dosso con ometto dove terminiamo la salita essendo ormai mezzogiorno e volendo compiere l’anello per P.so Campo Carlo Magno.
Torniamo quindi nei pressi del rifugio Graffer e proseguiamo ora a mezza costa passando sotto gli Orti della Regina e le innumerevoli cime dove transita lo spettacolare sentiero Costanzi.
Giungiamo a un colletto nei pressi di una pista da sci e scendiamo ripidamente sul versante opposto verso Malga Vagliana già ben visibile. Sosta pranzo all’esterno della malga e poi giù, tagliando dove possibile, a malga Vaglianella e quindi  malga Mondifrà. Qui dopo aver attraversato le piste da sci di fondo prendiamo un’evidente traccia che con numerosi sali scendi si sposta verso P.so Campo Carlo Magno andando a infilarsi in una sorta di impluvio molto suggestivo grazie alla neve abbondante.
Purtroppo questa traccia compie vari ghirigori che invece di avvicinarci alla strada continua a girarci attorno senza arrivarci. A un certo punto ne individuiamo un’altra che sale più decisamente, la seguiamo e raggiungiamo la pista da sci che termina al posteggio di Campo Carlo Magno. In teoria, giunti a malga Mondifrà dovrebbe esserci il proseguimento del percorso indicato con paletti che riporta a Campo Carlo Magno, noi ne abbiamo visti alcuni poi non so se sono finiti o ce li siamo persi.
La navetta per Campiglio è appena passata per cui non avendo voglia di aspettarla ritorniamo a piedi alla macchina, circa 2 km in discesa su strada asfaltata
.
DATI GPS
Dislivello +1330 / -1319
km 24,30
 

Tourengänger: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

WT4
31 Dez 17
Cima Roma 2837 m · cristina
T3+ L WT3
8 Dez 13
Cima Roma 2837 m · cristina
WT3
7 Feb 15
By-By Cima Roma 2837 m · cristina
L WT3
7 Mär 15
Cima Roma 2837 m · cristina
T3 L

Kommentare (8)


Kommentar hinzufügen

Daniele hat gesagt: Originale!
Gesendet am 21. Februar 2013 um 18:18
... andare fino in Brenta per andare ad un ometto....

Marco27 hat gesagt: RE:Originale!
Gesendet am 22. Februar 2013 um 07:44
Ma noi volevamo andare più in la... è stò maledetto sole che alle 18 già tramonta... accidenti a lui.... :-)

Daniele hat gesagt: RE:Originale!
Gesendet am 22. Februar 2013 um 07:50
Più in là dove? All'ometto successivo? :-)

Marco27 hat gesagt: RE:Originale!
Gesendet am 22. Februar 2013 um 07:53
Te lo dico la prossima volta, quando ci arrivo.....

Daniele66 hat gesagt:
Gesendet am 21. Februar 2013 um 18:52
Quando sparite x un po' di giorni tornate poi con delle belle avventure ciao Daniele66

Amadeus hat gesagt:
Gesendet am 22. Februar 2013 um 15:53
Hei bella gente, sempre giri bellissimi i vostri...scenario stupendo; io ed Irene l'abbiamo in cantiere(non so quando).

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 22. Februar 2013 um 16:12
Merita!

Non risparmi molto in tempo ma utilizzando l'impianto dello Spinale risparmi qualcosa in dislivello.

Ciao

Rosa hat gesagt: Fevri e Vagliana
Gesendet am 24. Februar 2013 um 20:12
qui siete a casa mia....sono itinerari che frequento spesso nel corso dell'inverno, ma solo in salita, per la discesa utilizzo le piste dello Spinale e del Grostè.

Bravissimi, ciao!


Kommentar hinzufügen»