Val Veddasca Amouse Bouche


Publiziert von rochi , 18. Februar 2013 um 18:12.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:18 Februar 2013
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 1:30
Aufstieg: 350 m
Abstieg: 350 m
Strecke:vedi way points
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Luino, all'uscita della città verso la Svizzera, prendere a destra verso Dumenza. Proseguire nella val Dumentina sino a Dumenza, quindi Curiglia in val Veddasca e scendere al Ponte di Piero dove finisce la strada e si ha la possibilità di parcheggiare gratuitamente e senza limiti di tempo in un ampio spiazzo.
Zufahrt zum Ankunftspunkt:Idem
Unterkunftmöglichkeiten:Agritusrrismo Chedo (www.agriturismokedo.it)

Un appuntamento di lavoro presso l'agriturismo Kedo di Piero, fissato per le 13.30.
Al solito sono (troppo) in anticipo (casualità?) e arrivo al parcheggio  di Ponte di Piero alle 12.30.
E' la situazione ideale per dare un seppur rapido sguardo a questa valle che frequentai tanti anni fa e che ho in seguito perso di vista perchè la catena montuosa che la sovrasta è per me più facilmente raggiungibile dal versante Malcantonese in Ticino.
Non voglio far paragoni, la natura è splendida ovunque si trovi, tuttavia un cartello segnavia girato al contrario mi fa perdere subito dieci minuti alla ricerca del sentiero per Monteviasco, la meta che mi sono dato per la prossima ora.
Trascuro dunque detto segnavia e mi inoltro per pochi metri sulla sterrata oltre la stazione della funivia. Ora vi sono segnavia ben posizionati che indicano la frazione di Monteviasco a un'ora di cammino.
Aggredisco la via perchè ho fretta e mi inoltro su una splendida mulattiera tutta scalinata che rappresenta, ad oggi, la miglior opera di ingegneria di montagna che abbia mai percorso. La salita è faticosissima e non dà tregua se non due brevissimi tratti in falsopiano che nemmeno si notano. La mulattiera si attorciglia nel bosco con pendenze costanti e, senza interruzione, perviene all'ameno villaggio di Monteviasco, altrimenti raggiungibile con la funivia che parte dal parcheggio ma di cui non conosco l'operatività.
Il villaggio è sede di un santuario e di vecchie case strette attorno a viuzze selciate mai pianeggianti, essendo l'abitato abbarbicato su un costolone.
Ho notato numerosi segnavia e conseguenti possibilità di estensione della gita(verso Indemini dunque Tamaro, verso Capanna Merigetto dunque Gradiccioli con tutti gli inanellamenti del caso) che stuzzicano la fantasia e fan venire appetito per le prossime visite che farò, in possesso di adeguato tempo.
Dato uno sguardo all'orologio, non mi resta che buttarmi giù a capofitto per non essere in ritardo. Nella parte alta del percorso sono possibili tagli della mulattiera che fan guadagnare qualche minuto.
Tornato a Ponte di Piero, prendo il sentiero opposto che conduce alla frazione omonima in pochi minuti. Nel "centro" dell'abitato, c'è l'agriturismo che mi interessa visitare.
Dopo 40 minuti, all'uscita, mi dirigo dalla parte opposta del villaggio, scendo da una carrareccia molto pendente e, con un taglio nel rado bosco e un guado ad un primo ruscello, giungo al torrente Giona che riesco a superare con qualche difficoltà. Nella stagione primaverile, in presenza di molta acqua, questa operazione è fortemente sconsigliata. Di là dal Giona, risalgo una breve costa erbosa ed eccomi nell'antico insediamento dei molini di Piero, dive gli abitanti della valle, sfruttando le pale mosse dalla forza dell'acqua, macinavano farina (anche di castagne, seccate sui tipici graticci visibili a Curiglia) e facevano funzionare segherie.
Oggi l'insediamento è abbandonato ma un paio di edifici sono stati recuperati e, previo ritiro chiavi al comune di Curiglia, visitabili al loro interno.  Il pianoro su cui sorgono le costruzioni è ora sfiorato da un tiepido sole che mi scalda le ossa e i piedi (fradici dal precedente guado) e mi fa venir voglia di sdraiarmi sull'erba secca e addormentarmi con una pagliuzza di fieno tra i denti.
Il tempo, purtroppo, non è dalla mia, quindi mi inoltro sul largo sentiero che in breve mi riporta all'auto.
Sviluppo: 6 km, SE 9.5 km.

Tourengänger: rochi


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (8)


Kommentar hinzufügen

Amedeo hat gesagt:
Gesendet am 18. Februar 2013 um 21:40
Posti che conosco bene!! Fai un salto alla Capanna Merigetto (più avanti,in primavera) e magari raggiungi il Gradiccioli (se non l'hai già fatto!!)
Ciao
Amedeo

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 18. Februar 2013 um 21:56
Ciao Amedeo, sul Gradiccioli ci sono stato numerose volte, alcune delle quali relazionate su questo sito. Sono tuttavia sempre salito dal versante Malcantonese. Credo che sfrutterò presto questo versante, magari inanellando anche il Tamaro. Nonostante la progressione su neve non sia uno dei miei must, mi piacerebbe farlo presto.
Ciao, buona montagna!
Rocco.

Amedeo hat gesagt: RE:
Gesendet am 18. Februar 2013 um 22:08
Prendi la funivia e sali fino a Monteviasco, al Gradiccioli ci puoi arrivare, penso anche al Tamaro!! Però porta i ramponi, non sono come siano le condizioni della neve verso il Tamaro!??
Ciao
Amedeo

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 18. Februar 2013 um 22:15
Grazie dei consigli. Non userò comunque la funivia. Le montagne mi piace salirle dal basso e con le mie gambe (sinchè me lo consentiranno).
Ciao.

Amedeo hat gesagt: RE:
Gesendet am 18. Februar 2013 um 22:18
Era un consiglio per portarti in alto e arrivare al Tamaro anche in inverno. Senza la funivia io al Tamaro non ci arriverei ma se tu hai un buon passo ce la puoi fare, anche in inverno!!
Ciao

cris77 hat gesagt: provincia di varese
Gesendet am 24. Februar 2013 um 23:10
ciao rochi!stupenda la val veddasca!si anch io ti consiglio di pernottare al merigetto...molto bella anche la valle opposta,monte paglione,covreto,gambarogno,forcora,faggete incantevoli!se ti interessa sono un ottimo conoscitore della provincia,anche nei suoi aspetti meno noti,tipo fortificazioni militari,ecc.ciao!

rochi hat gesagt: RE:provincia di varese
Gesendet am 25. Februar 2013 um 08:31
Grazie Cris, se mi capita di aver bisogno informazioni mi faccio vivo di sicuro.
Intanto buona montagna.
Ciao.
Rocco.

cris77 hat gesagt:
Gesendet am 25. Februar 2013 um 10:04
prego rochi!buona montagna a te!


Kommentar hinzufügen»