Ravanando a monte del Segrino


Publiziert von Massimo , 11. Februar 2013 um 23:58. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 5 Februar 2013
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:45
Aufstieg: 950 m
Abstieg: 950 m

Massimo
Abituale uscita infrasettimanale con il socio massimo61 con ritrovo al parcheggio del Segrino alle 14.30.
Vista la giornata grigia decidiamo di non spostarci ulteriormente e ci inventiamo un percorso all'istante.
Visto il mio ritardo partenza alle 15.00, saliamo sulla parte più alta di Eupilio dove imbocchiamo un sentiero con indicazione "sentiero dell'Alpe" che dovrebbe portare all'Alpe Carella. La parte iniziale è visibile e ben curata ma cammin facendo la traccia diventa sempre più labile fino a perdersi nei rovi......., lotta contro gli scarioni fino a raggiungere alcune baite appena sotto l'Alpe Carella. Qui ritroviamo di nuovo un sentiero segnalato che passa leggermente a valle dell'Alpe Carella, decidiamo di proseguire mal che vada dovremmo incrociare il sentiero che sale da metà Segrino e porta sul "sentierun". Ma purtroppo anche questo sentiero si perde in mezzo al bosco e visto che la zona si fa impervia tentiamo di risalire il ripidissimo bosco, mossa azzeccata finalmente siamo sul "sentierun" sentiero che collega l'Alpe Carella al Lazzaretto di Canzo. Giunti al punto panoramico scatto un paio di foto e iniziamo la nostra discesa su Canzo, dopo aver perso poco più di una cinquantina di metri troviamo un bivio con indicazioni verso monte Casot de Bigin; vista l'ora già abbastanza tarda decidiamo di salire per tentare di portarci in cresta il più presto possibile......, possibilmente prima che calino le tenebre; mal che vada torneremo sui nostri passi scenderemo a Canzo e torneremo all'auto lungo il Segrino. Mossa anche questa azzeccata, il sentiero sale abbastanza ripido ma in ottime condizioni fino alla struttura detta anche Baita Maria, poi diventa una labile traccia, risaliamo il pendio nel bosco fino ad incrociare un  sentierino che va a collegarsi al sentiero che dal Lazzaretto di Canzo sale sulla cresta del Cornizzolo poco sotto il monte Pesora. L'ultimo tratto di salita verso la cresta è ripidissimo e ci sono alcuni punti esposti, fortunatamente la poca neve rimasta non è ghiacciata e ci permette con attenzione di raggiungere la cresta senza l'ausilio dei ramponi che fra l'altro non avevamo con noi. Raggiungiamo la base del monte Pesora qualche minuto prima delle 17.30, scendiamo dal ripido sentiero che si collega alla strada asfaltata il località "Piantone". Con piacere vediamo che nell'ultimo periodo è stata fatta una bella pulizia ai boschi che rendono ben visibili i tagli che scendono fra i tornanti della strada. Per le 18.40 siamo di ritorno alle auto soddisfatti per l'ottimo allenamento svolto

massimo61
Bel giro in una zona per mè sconosciuta a poco poco massimo mi fa scoprire tutti i segreti del Cornizzolo.
Ottimo allenamento e come al solito ottima compagnia

Tourengänger: Massimo, massimo61


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

Barba43 hat gesagt:
Gesendet am 12. Februar 2013 um 08:52
Hei ho letto che siete andati a Casotto!!!
ma ci sono ancora? dimmi dove sono.
ciao ragazzi

Massimo hat gesagt: RE:
Gesendet am 12. Februar 2013 um 09:58
Era chiuso per ferie...... ha ha ha
Ciao


Kommentar hinzufügen»