Monte Crocetta (1117 m) - Monte Nudo (1235 m) - Pizzoni di Laveno (1017 m)


Published by peter86 , 3 January 2013, 22h40.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 3 January 2013
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:30
Height gain: 700 m 2296 ft.
Height loss: 700 m 2296 ft.
Route:Vararo - Monte Crocetta - Monte Nudo - bivio per Monte Crocetta - Passo Cuvignone - Monte la Teggia - Pizzoni di Laveno - Passo Barbè - Vararo
Access to start point:Raccordo A8/A26 uscita Sesto Calende - superstrada per Laveno/Luinio - seguire per Cittiglio quindi a destra per Vararo (qualche km di strada stretta ma in ottimo stato)
Maps:Kompass n°90 (Lago Maggiore - Lago di Varese)

Altra bella escursione in compagnia di mio padre, su monti che non conoscevamo per nulla se non per averli sempre visti e ammirati dalla sponda opposta del Lago Maggiore.
Lasciata l'auto nell'ampio parcheggio all'ingresso di Vararo seguiamo la stradina che entra nel paese. Purtroppo non ci sono cartelli, nonostante le tante mete raggiungibili da qui. Vediamo comunque un segnavia rosso e bianco piuttosto frequente che si dirige nella direzione giusta e lo seguiamo, dapprima sulla strada asfaltata attraverso le case del piccolo paese, quindi su un largo sentiero sterrato.
In breve usciamo dal bosco e svoltiamo a sinistra per risalire un bellissimo crinale erboso.
Salendo il panorama si fa sempre più spettacolare sul Lago Maggiore, sul Mottarone e sul massiccio del Rosa. Affrontiamo questo tratto con estrema tranquillità, godendoci al massimo questa meraviglia e cercando di riconoscere le familiari cime dall'altra parte del Lago.
Infine si risale un ultimo tratto nel luminoso bosco di betulle e si sbuca sulla strada asfaltata che da Vararo sale al Passo Cuvignone.
Imbocchiamo la stradina sterrata, chiusa da una sbarra, che si dirama a destra della strada principale, e percorriamo un tratto in falsopiano che ci porta ad un bivio dove la strada si divide in due. Qui facciamo una breve deviazione a destra per raggiungere la super panoramica vetta del Monte Crocetta (1 h 15), quindi, tornati al bivio, prendiamo il larghissimo sentiero che prosegue in salita (ben indicata da cartelli).

Dopo un breve tratto in salita si prosegue in piano, nello scuro bosco di abeti. Ignoriamo la deviazione per il percorso di cresta e proseguiamo sul sentiero principale, finchè si stacca sulla sinistra, ben indicato da cartelli, l'ultimo strappo che porta in vetta.
Saliamo questa breve erta ed in pochi minuti siamo in vetta al Monte Nudo (1 h 55), dove pranziamo con super panorama che si spinge fino alle Grigne e al Resegone.

Purtroppo la cima è all'ombra e così infreddoliti ripartiamo presto. Proviamo inizialmente a scendere sul percorso di cresta, ma una breve discesa su neve mista a roccette ci fa desistere, visto che mio padre non si trova a suo agio a camminare su questo tipo di terreni.
Torniamo quindi per lo stesso percorso dell'andata, fino ad incrociare di nuovo la strada asfaltata del Passo Cuvignone. Qui svoltiamo a destra sulla strada e la seguiamo per pochi metri fino al Passo, dove a sinistra si stacca, ben indicato, il sentiero per i Pizzoni di Laveno.
Con una breve risalita nel bosco raggiungiamo l'insignificante altura boscosa del Monte la Teggia (2 h 55), dove inizia il lungo crinale che porta ai Pizzoni.
Percorriamo un infinito saliscendi nel bosco, risalendo le diverse cimette che compongono i Pizzoni di Laveno, fino a raggiungere all'ultima cima (3 h 40), contraddistinta dalla grossa croce metallica. E' la più bassa del crinale (1017 m), ma la più panoramica in quanto è l'unica ad essere completamente fuori dal bosco.
Ci fermiamo giusto il tempo di un rapido spuntino, una firma sul libro di vetta e qualche foto al panorama e ripartiamo. Affrontiamo ora un breve tratto di discesa (100 m di dislivello circa) molto ripido in mezzo alle roccette, per fortuna ben esposto al sole e quindi privo di neve e ghiaccio, fino a rientrare nel bosco e raggiungere il Passo Barbè.
Qui svoltiamo a sinistra (paline segnavia) e in pochi minuti di discesa nel bosco sbuchiamo sulla stradina asfaltata che da Vararo sale al Passo Cuvignone (4 h 10).
Non ci resta che seguire la strada in discesa ed eccoci di nuovo a Vararo (4 h 30), a conclusione di questo spettacolare anello, il miglior modo per iniziare il 2013.

Hike partners: peter86

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (7)


Post a comment

Simone86 says:
Sent 4 January 2013, 17h20
Bravo! anche io l'ho fatto giusto un paio di settimane fa ;)

peter86 says: RE:
Sent 4 January 2013, 21h12
Grazie! Avevo letto il tuo report e quello di Morgan, mi sono stati molto utili per prendere spunto. Davvero un bel giretto, non conoscevo la zona e ne sono rimasto piacevolmente sorpreso

gbal says:
Sent 5 January 2013, 22h21
Complimenti ai giovani (Simone86 e Peter86) e al meno giovane....papà ma ancora più che tonico. Morgan può fare solo gli onori di casa visto che conosce queste zone come le sue tasche. Io ho il demerito di ammirarle più nei rapporti altrui che per esperienza diretta che cmq ho fatto più volte. Il fatto è che vedendo le stesse zone con gli occhi degli altri scopri sempre meraviglie che non avevi notate.
Hai fatto bene ad espatriare un po' dal Piemonte Pietro.
Alla prossima!
Ciao

peter86 says: RE:
Sent 6 January 2013, 18h25
Ciao Giulio, ti ringrazio per i complimenti. E' bello variare le zone delle proprie escursioni, ed è bello anche vedere da altre angolazioni i luoghi che si conoscono bene!
Ciao, Pietro

laura1961 says:
Sent 6 January 2013, 17h44
che bei panorami, Pietro! anche questa gita da mettere da parte per ripeterla insieme, prima o poi!

Panoramix says:
Sent 7 January 2013, 09h56
"Ci fermiamo giusto il tempo di un rapido spuntino, una firma sul libro di vetta e qualche foto al panorama e ripartiamo."
Magari un po' frettolosi visto che avete firmato il libro di vetta con data 03/01/12 ... : - )
La vostra recentissima visita mi ha definitivamente convinto ad andare a verificare di persona il panorama e cosi' sabato dalla stazione Laveno Nord sono salito anch'io ... Confermo: panorama notevole specialmente sul lago : non sono molte le cime che hanno viste cosi' "a picco"

peter86 says: RE:
Sent 7 January 2013, 19h14
Sì in effetti ho fatto tutto di corsa, saremo stati in vetta non più di 5 minuti.. Cmq ci metto sempre qualche settimana per ricordarmi che l'anno è cambiato, probabilmente avrei scritto così anche fossi stato lì mezzora!!
Ciao
Pietro



Post a comment»