Pizzo Ruscada (2004 m)


Publiziert von tapio , 27. November 2012 um 08:13.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:23 November 2012
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Ruscada 
Zeitbedarf: 6:45
Aufstieg: 1300 m
Abstieg: 1300 m
Strecke:Lionza (775 m) – Saorèe (977 m) – Faedo – Chignöi – Pescia Lunga (1511 m) – Corte Nuovo (1635 m) – P.1713 m – cresta Est del P. Ruscada – Pizzo Ruscada (2004 m) – cresta Nord del P. Ruscada – Cappellone (1879 m) – raccordo con la cresta Est – P.1713 – ritorno per la stessa via
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Percorrere la strada delle Centovalli (con accesso da Ascona o da Locarno, poi Losone ed Intragna) oppure quella della Valle Vigezzo (con salita da Domodossola o dalla Valle Cannobina) e, in entrambi i casi, arrivati a Càmedo salire verso Borgnone. Da qui prendere la strada a destra per Lionza.
Kartennummer:CNS 276 T Val Verzasca & 275 Valle Antigorio

Oltre al Gridone e al Monte Zeda, il Pizzo Ruscada è una delle montagne più vicine a casa mia. Inspiegabilmente, però, non l’ho mai salita. Per questa che sembra essere una delle ultime possibilità autunnali, mi prendo la briga di andare a verificare se ci siano motivi fondati per questa mia negligenza o se invece sia stato solo il frutto di una casuale dimenticanza.

Segnalo subito che per una più approfondita documentazione circa la montagna e la regione, sono presenti su hikr numerose relazioni; particolarmente apprezzabile è il dettagliato apporto di conoscenza sviluppato da Zaza e da gmonty.

Il Pizzo Ruscada è situato grosso modo tra il Gridone ed il Rosso di Ribia (almeno questa è l’immagine che ho in mente io), anche se altre vette si frappongono parzialmente tra i due. Il toponimo “Ruscada”, così come lo precisa Dario Petrini nel suo Glossario dialettale, significa “togliere la rüsca”, ossia la corteccia, e “si addice anche per luoghi mondati da sterpi e sassi (cosa che corrisponde proprio per il terreno prativo dell’Alpe Ruscada)”.

Mi piace inoltre aggiungere come la Carta Michaelis del 1847 (notizia appresa dai volumi del Brenna) riportasse per questa montagna il nobile nome di “Pioda d’Aurice”.

Per quanto riguarda il tragitto, c’è da segnalare che da Corte Nuovo (1635 m) in poi ho seguito integralmente la cresta Est, trovando a sprazzi un po’ di neve. I due versanti, separati dal filo di cresta, sono molto difformi: quello verso S, selvaggio e ricco di strapiombi (ma senza neve); l’altro, verso N, già ben innevato e con la vegetazione tipica di questi versanti: rododendri, ontani e, fino quasi alla cima, alberi di alto fusto, principalmente larici.

Per essere più tranquillo, oltre che per andare a conoscere un’altra parte di questa montagna, in discesa ho invece seguito la cresta Nord. La quantità di neve qui era naturalmente più abbondante, ma ancorché “armato” di sole gamasce, non ho avuto nessuna difficoltà nel raggiungere Cappellone (1879 m). Da qui si diparte il sentiero ufficiale in direzione SE che si raccorda poi alla cresta Est e precisamente un po’ prima dell’elevazione quotata 1713 (che ho salito entrambe le volte).

Circa il resto dell’escursione non vi sono grosse cose da aggiungere, se si esclude una doverosa menzione del grazioso Monte di Saorèe, appoggiato su di un grande prato con vista amplissima su tutto il versante Nord del Gridone.

Purtroppo per gran parte dell’escursione, in particolare nei passaggi di cresta e sulla vetta, nuvole ed anche un po’ di nebbia hanno coperto “il memorabile panorama” di cui parla il Brenna: la muraglia del Gridone ho potuto vederla solo dal punto di partenza (e di arrivo) dell’escursione (Lionza), e lo stesso vale per il Rosso di Ribia (un unico sprazzo di sereno nei pressi di Pescia Lunga): non parliamo poi delle Alpi Vallesane e delle cime della Valgrande, che si sono ben celate (fortunatamente ho avuto altre occasioni in passato per gustare questi panorami…).

Questa gita mi ha lasciato naturalmente la curiosità, relegata per ora ad altre future stagioni, di andare a conoscere anche l’intricato versante Sud. Non sono un grande amante delle ripetute (con doverose eccezioni, s’intende…), ma spero che in futuro ci sia la possibilità di esplorare anche questa parte della “Pioda d’Aurice”!

 

 

Tempi di percorrenza: 6 ore e 45’. Andata: 3 ore e 45’. Ritorno: 3 ore

 

 


Tourengänger: tapio

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (14)


Kommentar hinzufügen

Francesco hat gesagt: Ruscada ????
Gesendet am 27. November 2012 um 08:41
Il toponimo “Ruscada”, così come lo precisa Dario Petrini nel suo Glossario dialettale, significa “togliere la rüsca”, ossia la corteccia, e “si addice anche per luoghi mondati da sterpi e sassi (cosa che corrisponde proprio per il terreno prativo dell’Alpe Ruscada)”.
Ciao fabio,anche io sabato son stato in un'alpe chiamata Ruscada,insiema a Ewa ci siam chiesti il significato di qs. diffuso toponimo,hai risolto ogni dubbio, grazie.
Buona montagna.

tapio hat gesagt: RE: Ruscada ????
Gesendet am 27. November 2012 um 09:24
Ciao Francesco,
e grazie! Come vedi anche io ho dovuto consultare chi ne sa più di me, però alla fine il dubbio ce lo siamo tolto tutti! Naturalmente ho visto la vostra escursione, è un genere che incontra i miei gusti, però cerco di stare lontano per ora da valli selvagge e affini, visto che con la neve possono diventare insidiose... (tanto non scappano!)
Buona montagna anche a te,
ciao, Fabio

ciolly hat gesagt: Pioda d'Aurice
Gesendet am 27. November 2012 um 11:27
Ciao Fabio,
Che bel nome... Pioda d'Aurice!
soltanto cambiando il nome aumenta anche l'interesse.
Inoltre, un altro nome di questa cima riportato sulla guida CAI-TCI -Monti d'Italia-, è "Pizzo Lombardone", assegnato magari (una mia idea) per il notevole scorcio panoramico verso la Lombardia.
Ti dico questa nozione perchè stavo proprio ora controllando il Ruscada che, guarda il caso, rientra nella cerchia delle mie più probabili future escursioni. L'anno prossimo...senza -fioca-... s'intende!

Ciao, Adriano (Ciolly)

tapio hat gesagt: RE:Pioda d'Aurice
Gesendet am 27. November 2012 um 12:52
Ciao Adriano,
la penso proprio come te, cambiando il nome aumenta anche l'interesse, o, almeno, si accende qualche lampadina in più...!
Mentre controllavo se mi fosse sfuggito il nome di "Pizzo Lombardone" sulle guide del Brenna (no, non è così, lì non viene citato), ho però trovato anche un altro nome. Infatti Mario Frasa (attraverso lo scritto di Giuseppe Brenna) cita la voce popolare che "denominava questa cima semplicemente "Pianca" (ok, questo non è un nome che desti tanto interesse...).
Nel contempo mi sono accorto che sulla CNS esiste un Alpe Lombardone situato a metà strada tra Cappellone e Comologno in Valle Onsernone, forse il nome viene da lì, ma questo ancora non spiega l'origine del nome in sè...
Sì, la neve che viene adesso servirà di sicuro per altre cose, ma non per un certo tipo di montagne, che è giusto che vadano un po' in letargo!

Ciao, Fabio

igor hat gesagt: terro presente
Gesendet am 27. November 2012 um 12:14
Quando arriverà la neve avro' occassione di rivedere i tuoi report per tirare fuori le ciaspole
Ciao

tapio hat gesagt: RE:terro presente
Gesendet am 27. November 2012 um 12:56
In montagna sta nevicando adesso, poi bisognerà lasciarla assestare (e scaricare dove deve), e poi arriveranno le belle giornate d'inverno in cui senza pericoli si potrà pestare la neve. Nel caso del Ruscada, dovessi farlo io, lo farei da Nord: mi sembra un pendio più adatto all'inverno.
Grazie Igor, sempre gentile!
Ciao, Fabio

tignoelino hat gesagt: Ruscada
Gesendet am 27. November 2012 um 18:01
l' ho fatto anni fa da Dissimo e lì, ho capito
il toponimo. bella cima!!
ciao
roby

tapio hat gesagt: RE:Ruscada
Gesendet am 27. November 2012 um 18:47
Se fossimo stati in un altra stagione, avrei magari tentato la discesa verso la Val Vigezzo. Ma così, sono già stato contento dei due versanti! Ciao Roby, a presto,

Fabio

veget hat gesagt: Pizzo Ruscada
Gesendet am 27. November 2012 um 18:33
Ciao Fabio ,conosco la cima essendo salito parecchie volte ,da Dissimo,e una volta da Verdasio ,monti di Comino,Madon. della Segna,Pianascio ,Ecc......e mi fà piacere scoprire,che ha altri toponimi......Come al solito dimostri,il Tuo buon gusto,sopratutto in questa stagione. A proposito :dai miei diari il 14/10/1998 ho festeggiato il mio compleanno con gli amici su questa cima (con qualche giorno di ritardo) A presto
Eugenio

tapio hat gesagt: RE:Pizzo Ruscada
Gesendet am 27. November 2012 um 18:52
Grazie Eugenio, dunque mancavo solo io sul Ruscada, eh? In effetti era scandaloso che, così vicino, e non ci fossi mai andato! Ti auguro di festeggiare nuovamente il compleanno su qualche bella cima (ormai quest'anno è andato, ma dal prossimo in avanti, naturalmente!). Per fortuna nelle nostre zone le montagne non mancano!

Ciao, Fabio

veget hat gesagt: RE:Pizzo Ruscada
Gesendet am 27. November 2012 um 18:56
Ho visto che anche a Ciolly manca.Se vorrà qualche dritta,ci siamo.
Ciao Eugenio

adrimiglio hat gesagt: RE:Pizzo Ruscada
Gesendet am 28. November 2012 um 13:53
Ciao Ragazzi
anch'io faccio parte della schiera a cui manca questa cima, tutte le volte che sono salito allo Ziccher ho avuto modo di ammirarla, purtroppo l'ho sempre rimandata, mi sono lasciato condizionare dalla relazione che danno la salita in 5 ore, da Dissimo.

Grande Fabio ottima gita e relazione!

Adry.

tapio hat gesagt: RE:Pizzo Ruscada
Gesendet am 28. November 2012 um 14:25
Grazie Adry, molto gentile!

Guarda, il tempo che ho indicato io per la salita da Lionza (che è appena più avanti rispetto a Dissimo) è "largo" nel senso che me la sono presa comoda e poi ho trovato neve sulla cresta Est (che va comunque fatta con attenzione perchè verso Sud un'eventuale scivolata non è detto che possa essere arrestata).
Penso che in estate bastino molto meno di 5 ore!

Ciao, Fabio

veget hat gesagt: RE:Pizzo Ruscada
Gesendet am 28. November 2012 um 14:30
Ciao a Tutti gli" orfanelli" del Ruscada......Proposta:se le cose della vita funzioneranno,ancora per
un po' di tempo.(e Me lo auguro),potremmo organizzarla per la prossima stagione (ora starà nevicando),in compagnia di Tignoelino ,Tapio, e la lumaca Veget. La butto lì......A presto Eugenio


Kommentar hinzufügen»