Chli Bristen in traversata


Publiziert von paoloski Pro , 21. November 2012 um 21:28.

Region: Welt » Schweiz » Uri
Tour Datum:18 November 2012
Wandern Schwierigkeit: T5- - anspruchsvolles Alpinwandern
Klettern Schwierigkeit: I (UIAA-Skala)
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-UR 
Zeitbedarf: 8:30
Aufstieg: 1590 m
Abstieg: 1250 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada A2, tunnel del Gottardo, uscita di Amsteg, salire a Bristen, parcheggio gratuito nei pressi della funivia Bristen - Golzern.
Zufahrt zum Ankunftspunkt:Gita ad anello. La funivia da Breitlaui a Steinmatt è in funzione tutto l'anno. Chiedere alla famiglia Tresch a Breitlaui o usare il telefono di servizio. (la signora parla anche francese).
Unterkunftmöglichkeiten:Alberghetti a Bristen. Bristenseehuettli, 12 posti, non custodita, prenotazione obbligatoria allo 0041 41 8831765.
Kartennummer:Urner Wander und Bikekarte Blatt Maderanertal

Finalmente una domenica di bel tempo! Si va in Uri, meglio in Maderanertal. Siamo in quattro: con me ci sono Monica, Daniela e Francesco. Ci troviamo a Gaggiolo alle 6,45 ed alle 8,30 siamo a Bristen con gli scarponi ai piedi, dal parcheggio si vede già la nostra meta, Daniela sembra avere qualche dubbio, Francesco invece è entusiasta, Monica non si esprime.
Partiamo, il sentiero sale subito ripido in direzione della Etzlital finchè incontriamo la strada forestale che con pendenza più tranquilla ci porta ad Herenlimi dove imbocchiamo la carrareccia che si addentra nella valle, passiamo il ponte sul Sellentobel e, poco dopo Spicher, la valle si allarga regalandoci un assaggio della nostra salita odierna.
Raggiungiamo Porthusler ed il ponte sull'Etzlibach, un enorme segnavia bianco - blu indica il cammino, il sentiero sale nel bosco e pare proprio essere uno di quelli che "rende": non da un attimo di tregua, sale in continuazione.
Alzandoci il panorama si fa più ampio e gratificante. A 1700 metri circa ecco la prima neve ed anche i primi tratti ghiacciati comunque evitabili.
Dopo Laucher risaliamo un costolone nevoso, a 2100 metri la cartina indica che il sentiero traversa con una leggera pendenza ascendente verso la già visibile Laucherenlückli.
Il sentiero, benchè ricoperto da circa mezzo metro di neve, è facile, il problema si presenta quando vi sono degli impluvi: qui troviamo del ghiaccio sottostante la neve, gradiniamo ma al terzo impluvio, e con la prospettiva di trovarne ancora qualcuno, decido di salire diritto per un costolone roccioso. La difficoltà non supera il II grado ma gli appigli sono rovesci e le poche fessure ripiene di ghiaccio, usiamo la piccozza in modalità "dry tooling" ed in breve raggiungiamo una lingua di neve che, seppur ripida, essendo esposta a Sud Est non è ghiacciata. Salgo davanti seguito da Monica, puntiamo ad una selletta posta a Sud del primo rilievo della Laucherenlückli, sono un centinaio di metri di dislivello decisamente faticosi visto che la neve è abbondante ma quando arrivo alla forcella la vista mi ripaga ampiamente.
Arrivano anche Francesco e Daniela, un'occhiata alla cresta ci fa desistere dal proposito di discenderla: la pendenza è decisamente eccessiva e la neve, esposta a Nord, non ha l'aria di essersi ancora assestata.
Ridiscendiamo lungo la linea di neve cercando di traversare verso la Laucherenlückli, un primo tentativo va a vuoto, siamo ancora troppo alti, al secondo Francesco trova il passaggio giusto ed in breve siamo su un terreno finalmente pianeggiante.
Sono le 13,30 e lo stomaco si fa sentire, ci copriamo, mangiamo qualcosa, beviamo del the caldo, e poi siamo pronti a scendere per il canale che sovrasta il Bristensee, sembrerebbe fantastico per essere disceso con gli sci ma appena iniziamo ad abbassarci ci accorgiamo della mancanza completa di fondo: affondiamo per più di mezzo metro ma arriviamo all'erba sottostante.
Raggiungiamo il lago, sarà anche completamente ghiacciato ma per buona misura evitiamo di attraversarlo e lo contorniamo sulla sinistra, risaliamo al bivacco e poi cerchiamo la via di discesa, i segnavia sono coperti dalla neve, contorniamo in senso orario il rilievo dell'Alt Stafel e finalmente individuiamo il costolone su cui si trova l'alpeggio di Blacki, la neve qui è quasi trasformata, scendiamo rapidamente senza quasi affondare, in breve raggiungiamo le due baite semisommerse. Da qui il sentiero è ben visibile, qualche alpigiano deve essere salito fin qui recentemente, ci abbassiamo attraversando lo Zigerblätz e in breve eccoci a Bristenstäfeli, un alpeggio posto in una posizione decisamente invidiabile, ci sono diverse persone che sembrano colpite dalla nostra escursione odierna, scambiamo qualche parola poi riprendiamo la discesa, appena sotto le baite si diparte una stradina che scende fino ad Amsteg, decidiamo di seguirla evitando il sentiero che taglia i tornanti: al quinto infatti dovremmo trovare il sentiero per Breitenlaui, si sta facendo buio e non è il caso di sbagliare.
Arriviamo a Breitenlaui accolti dall'abbaiare di un cane, visto l'oscurità incipiente decidiamo di risparmiarci gli ultimi 300 metri di dislivello usufruendo della funivia.
Chiamiamo la signora Tresch con il telefono di servizio e dopo pochi minuti la vediamo arrivare accompagnata dal cane che ci aveva accolto abbaiando.
In breve la funivia, una tipica "Urner Seilbahn", arriva ed in pochi minuti eccoci a Steinmatt, meno di un Km e siamo all'auto.
Il Chli Bristen ci guarda dall'alto, sembra incredibile essere stati lassù.

Gran bella gita, come dice nella sua relazione chaeppi il sentiero che sale alla Laucherenlückli dalla Etzlital, benchè segnalato in bianco - blu, non dovrebbe presentare difficoltà certo che in questa stagione con neve e ghiaccio su queste pendenze il discorso cambia. Diciamo che in piena estate dovrebbe essere una gita tranquilla e di grande soddisfazione: i panorami sono proprio superbi.
Non abbiamo incontrato nessuno altro escursionista sul percorso, ma gli urani di Bristenstäfeli e Breitenlaui con la loro cordialità ci hanno ampiamente ripagato della "solitudine".

Tourengänger: paoloski

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T5
15 Aug 12
Bristen, einfach legendär · Kieffi
T5 II
28 Sep 11
Der Bristen muss warten · chaeppi
T5- II
31 Aug 13
Bristen 3072,7 m · basodino
T6- WS II
25 Sep 13
Bristen über den Westgrat · Tobi
T5 II

Kommentar hinzufügen»