Monte Rexia 1183 m


Publiziert von cristina , 12. November 2012 um 15:47. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Ligurien
Tour Datum:31 Oktober 2012
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Strecke:Arenzano Torre del Saraceno-P.so della Gavetta-Tardia di Ponente-P.so Tardia-Tardia di Levante-P.so della Gava-Monte Rexia-Bivacco della Gava-P.so della Gavetta-Madonna della Gavetta-P.so della Gavetta-Bivacco Scarpeggin-P.so del Curlo-Torre dei Saraceni
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada A10 uscita Arenzano, seguire indicazioni per Santuario di Gesù Bambino, passare davanti al Santuario e continuare sulla strada che sale a tornanti a dx, posteggi lungo la strada o ai tornanti.
Kartennummer:Il Parco Naturale Regionale del Monte Beigua 1:30.000

Andiamo, non andiamo, andiamo, non andiamo…
 
Le previsioni non sono strepitose ma visto che non dobbiamo prenotare o pagare perché lasciarci sfuggire 4 giorni fuori porta!
 
Giovedì lasciamo casa sotto un bell’acquazzone, cominciamo bene…ma ben presto la pioggia si trasforma in pioggerellina e mentre comincia ad albeggiare vediamo che il tempo sembra in miglioramento.
 
Arenzano ci accoglie con un meraviglioso sole per cui anche se sappiamo che il tempo migliore lo troveremmo andando più ad occidente ci fermiamo lo stesso qui. La sorpresa è vedere tutto il gruppo del Rexia, Argentea e Rama imbiancati, e noi che volevamo sfuggire alla neve!
 
Lasciamo l’auto alla Torre del Saraceno e seguendo la V bianca raggiungiamo il P.so della Gavetta dove svoltiamo a dx per salire alla Tardia di Ponente. Intanto il tempo è notevolmente peggiorato, sul mare e a ponente come previsto vediamo che c’è il sole ma i monti stanno soccombendo alle classiche nebbie che si formano grazie al vento proveniente dal mare. In cima incontriamo un signore molto arrabbiato, forse più di me, del peggioramento del tempo, ma se lo aspettava visto l’aria che si stava alzando, ci avvisa che è in corso una battuta di caccia al cinghiale più a valle, ringraziamo ma lo informiamo che noi non scendiamo. Proseguiamo per la Tardia di Levante e quindi ci dirigiamo al P.so della Gava dove saliamo al Rexia. A circa 800 m di quota cominciamo a trovare neve. All’inizio riusciamo ad evitarla zampettando qua e là ma alla fine soccombiamo. Finiamo nella nebbia, perdiamo il sentiero, perché tra neve e nebbia non si capisce più un tubo e il panettone del Rexia non offre punti di riferimento. Ad un certo punto mi sembra che siamo un po’ troppo a sinistra e, di fatto, una volta che avvistiamo il gruppo di sassi che indicano la cima ci accorgiamo di essere arrivati dal lato opposto. Sosta minima, non potendo riparaci dal forte vento. Desistiamo anche dal proseguire per la “cresta”, non si vede un accidente e il vento è troppo fastidioso. Sappiamo che basterà scendere di un 200 m circa per avere nuovamente visibilità per cui al limite allungheremo il giro in discesa. Scendiamo quindi al bivacco al P.so di Gava dove incontriamo due coraggiosissimi giovani che hanno passato la notte qui. Ci raccontano che sono saliti ieri sotto una pioggia pazzesca e che per loro fortuna nella spartanissimo bivacco (niente a che vedere con quelli Svizzeri o anche con quelli lombardi) c’era un poco di legna per accendere il camino e potersi asciugare e scaldare, beata gioventù! Dopo la pausa pranzo li lasciamo ai loro progetti per la prosecuzione del loro trekking e noi torniamo al P.so della Gavetta. Saliamo alla Madonna della Gavetta e diamo un’occhiata in giro per decidere cosa fare per scendere. Decidiamo quindi di passare per il bivacco Scarpeggin quindi raggiungere il P.so del Curlo e da lì tornare alla Torre del Saraceno. Una piccola variante su uno dei tanti giri che amiamo della Liguria.
 
Dislivello 1447 m e 17,1 km

Tourengänger: cristina, Marco27

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

Francesco hat gesagt:
Gesendet am 12. November 2012 um 15:53
....Instancabili !!!!!!!!!

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 12. November 2012 um 16:17
Finchè si può è meglio non farsi scappare nulla, per esperienza...

Ciao Cri

Marco27 hat gesagt: Mah....
Gesendet am 12. November 2012 um 15:56
Strano che il giorno dopo su Punta Martin non ce ne fosse più manco un fiocco..... ;-D

cristina hat gesagt: RE:Mah....
Gesendet am 12. November 2012 um 16:05
E' per attaccar briga con qualcuno...

gbal hat gesagt:
Gesendet am 13. November 2012 um 14:55
Infaticabili scorridori delle montagne italiane; vi vediamo dal Trentino alla Vallèe, dalla Liguria fino al modesto....Sacro Monte di Varese ma tant'è....basta non stare a casa. Avete ragione.
Complimenti

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 13. November 2012 um 15:21
Esatto, mi viene troppo tristezza passare la giornata in casa anche perchè in casa finiamo a fare ognuno le sue faccende così è un modo anche per stare meglio insieme e parlare visto che in settimana si è sempre di corsa e il tempo non basta mai.

Ciao e grazie per quello che hai scritto nel forum. Cri


Kommentar hinzufügen»