Bondone, giro delle tre Cime(Cornetto,Doss d'Abramo,Cima Verde)


Publiziert von Amadeus , 9. November 2012 um 14:33.

Region: Welt » Italien » Trentino-Südtirol
Tour Datum: 8 November 2012
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 6:00
Aufstieg: 620 m
Abstieg: 620 m
Strecke:Viote-Monte Cornetto(periplo)-Dod d'Abramo-cima Verde-Viote
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A22 fino a Rovereto Nord, statale per Aldeno, verso terme di Garniga, poi Viote al Bondone
Kartennummer:Kompass 687

Io - "Andiamo?"
Lui - "Si ma quando?...."
Io - "Guarda che tempo!"
Lui - "Magnifico, che spettacolo....guarda, guarda che cielo terso! Dai andiamo domani".

Stralcio della conversazione, in ufficio, guardando verso il Baldo ed il Carega, tra me e Valter il mercoledì 7 scorso; telefoniamo a Norma : è dei nostri, "bigiamo" dal lavoro, domani giovedì.
Irene non può, con il suo delicato lavoro non può lasciare dall'oggi al domani.
Giovedì mattina, esco con lo scooter alle 7,15, raggiungo Valter e Norma in città per l'appuntamento delle 7,45; poi partiamo verso la A22, via, veloci verso Rovereto e poi, usciti sulla statale, ci dirigiamo verso il paese di  Aldeno.
Si parla, si scherza, cominciamo la salita verso il pian delle Viote, lassù a 1570 metri alle spalle del Bondone; il giro delle tre cime lo avevamo io, Iri e Norma nel carniere da qualche anno, con Irene eravamo andati sullo Stivo(http://www.hikr.org/tour/post44863.html), lo scorso inverno e da lì il Cornetto ci guardava dall'alto dei suoi 2190 metri e ci eravamo ripromessi......
Siamo alle Viote, lasciamo la macchina e prendiamo "armi e bagagli" dirigendoci verso il sentiero 607(senso antiorario), la giornata è veramente SPLENDIDA, panorama magnifico che si apre man mano che saliamo in quota.
Saliamo per la "costa dei cavai", sulla destra tutto il gruppo del Brenta con dietro l'Adamello, la Presanella e il Carrè Alto che ci accompagneranno splendidi ed innevati.
Saliamo rapidi, siamo partiti alle 10 circa ed alle 11.30 siamo ai piedi del Cornetto, ardito contrafforte granitico, lo percorriamo in senso antiorario su un sentiero(617) che costeggia tracce di fortini e trincee Austriache; lo percorriamo ancora e ci ritroviamo al punto di partenza, ma caspita da dove si sale ?
Sono le 12, siamo sotto una parete a picco, capiamo che per salire dobbiamo rifare mezzo giro, ed allora decidiamo di imboccare il 636 in discesa verso la selletta che ci porta al Dos d'Abramo.
Siamo alla selletta, mangiamo ed osserviamo splendidi camosci percorrere il traverso sotto di noi, dal Dos scende un solitario escursionista, (mi ricorda l'intrepido gbal, quasi sempre espresso camminatore), lui stà facendo l'inverso del nostro percorso e si dirigerà, dice, verso lo Stivo via creste, piegando in discesa, per il sentiero 640 verso il lago di Cei(!) e poi verso Rovereto(!!!), altro che gbal, questo è un migrante; tra l'altro non capiamo come è arrivato alle Viote, credo col pulmann.
Bene, riprendiamo verso il dos, arriviamo ai piedi del sentiero attrezzato, sono circa 40 metri di salto, molto ben assicurato, ma per Valter è la prima volta," Bè c'è sempre una prima volta" dico io al compagno, "saliamo?".
"Sì" tituba lui....ma poi se la cava benissimo, ed anche nella discesa; dopo 15 minuti siamo alla croce, questa volta non ci scappa, firmiamo il libro di vetta, diamo un'occhio alla ferrata Segata(chiusa), non scendiamo per il versante alpinistico che guarda la val d'Adige(troppo impegnativo e strapiombante, visto dall'alto, per Valter) e scendiamo per dove siamo saliti.
Ora percorriamo un lungo, impervio ed innevato traverso in salita, guadagniamo quota verso la cima Verde, costeggiando il poderoso Dos, alle 14,30 siamo sulla terza cima a 2102 metri, si è alzato un vento freddo e teso, ci copriamo con le giacche e ri-prendiamo il 636 giù verso il piano.
Ci aspetta una discesa di 500 metri, dura con forte pendenza e scivolosa.
Alle 16 siamo alla macchina, devo dire che fortunatamente il mio ginocchio ha risposto benissimo, anche se sotto antinfiammatorio. 

Tourengänger: Amadeus

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt: L'intrepido dice.....
Gesendet am 11. November 2012 um 15:18
....bim bum bam e il trittico è conquistato dall'avventuroso terzetto. Giro interessante questo, bravi. Tanto per precisare....l'intrepido ha in realtà molti momenti di trepidazione là sui "crozi"!
Ciao

Amadeus hat gesagt: L'intrepido dice....
Gesendet am 12. November 2012 um 12:08
...ma va là(alla Ghedini), sui "crozi" stambecchi alla grande, fratè!


Kommentar hinzufügen»