Cima Pomodoro (1976 m), Mottone di Giumello (2027 m) e altre vette sulla cresta CH - I


Publiziert von tapio , 8. November 2012 um 09:24.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum: 7 November 2012
Wandern Schwierigkeit: T4 - Alpinwandern
Klettern Schwierigkeit: I (UIAA-Skala)
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo San Jorio-Monte Bar   Gruppo Portola-San Jorio 
Zeitbedarf: 8:45
Aufstieg: 1420 m
Abstieg: 1420 m
Strecke:Monti di Ruscada (1021 m) – Costa del Laton (1243 m) – Alpe di Giumello (1594 m) – Basello (1681 m) – Piano delle Pecore – Laghetto (1764 m) – Via del Ferro – P.1904 – Quota 1860 - Bocchetta di Sommafiume (1925 m) - cresta di confine tra Svizzera e Italia – Cima Pomodoro (1976 m) – P. 1890 – Cima 1941 – Bocchetta di Albano (1898 m) – Mottone di Giumello / Monte Albano (2027 m) – Bocchetta di Nembruno (1878 m) – Cima 1988 – Passo della Traversa (1976 m) – P.2029 – Cima 2040 – Passo San Jorio (2012 m) – Bivio Giggione (1789 m) – Giggio (1678 m) – Alla Serra (1318 m) – Monti di Ruscada (1021 m)
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A Giubiasco salire verso destra in direzione della Valle Morobbia e percorrerla interamente. A Carena termina la strada asfaltata. È consentito proseguire su sterrato per altri 2 km fino alla sbarra in località Monti di Ruscada.
Kartennummer:map.geo.admin.ch

Visto che la zona occidentale del Ticino la frequento con assiduità, oggi vorrei provare a spostarmi nella zona opposta, che conosco solo marginalmente. La stagione mi sembra ottimale: la neve si è assestata ultimamente attorno ai 2000 metri (con esposizione S…), quindi l’occasione sembra favorevole per una gita autunnale senza fastidi. Quando l’innevamento sarà effettivamente invernale, cadranno a fagiolo altre valutazioni, ma in questo caso preferisco astenermi da ciò che non è né carne né pesce.

Parto dunque dai Monti di Ruscada (1021 m) e mi dirigo verso l’Alpe di Giumello (1594 m). Qui, nonostante le mie aspettative di assenza di neve, comincio a calpestarla, e questa operazione andrà avanti per quasi tutto il resto della giornata. Comunque, seguendo il sentiero che coincide in questo tratto con la Via del Ferro, arrivo alla Bocchetta di Sommafiume (1925 m), che è anche il punto di partenza della via di cresta che mi sono ripromesso di percorrere come obiettivo di giornata. La neve fortunatamente è portante: fino alla Bocchetta non vengo raggiunto da nessun raggio di sole, quindi trovo una bella crosta che cede giusto quei 2 millimetri per poter essere giudicata piacevole. Da qua in avanti, per tutta le cresta che seguirò, troverò il versante italiano soleggiato (del resto l’Italia è il paese del sole…), mentre quello ticinese resterà sempre in ombra.

Quasi subito mi si para davanti la Cima Pomodoro (1976 m), che richiede qualche breve passo d’arrampicata (T4  -  I), almeno sul suo versante SW, soleggiato. La corda fissa che vi si trova è abbstanza datata, se pensiamo che veniva già menzionata nella guida del CAS di Ermes Borioli, edita nel 1973 (e comunque non è necessario servirsene). La discesa è invece elementare, anche se, a differenza della salita, si svolge su terreno innevato. La cresta prosegue con vari saliscendi, tra cui la cima quotata 1941, prima di giungere alla Bocchetta di Albano (1898 m), che permette una fantastica vista sulla Valle Albano, e su una piccola porzione dell’Alto Lario (visibile comunque l'istmo con l’Abbazia di Piona).

Da qui salgo verso il Mottone di Giumello (2027 m), detto anche Monte Albano, dove una piccola pausa si impone. Scendo poi verso la Bocchetta di Nembruno (1878 m) e da lì proseguo il mio cammino toccando ancora la cima 1988 (ed evitando le quattro gobbe attorno alla quota 1922: scelta infelice, visto che mi tocca recuperare più dislivello di quanto mi sarebbe toccato rimanendo in cresta), prima di pervenire all’ennesima bocchetta di giornata, il Passo della Traversa (1976 m). Da qui, altra piccola elevazione quotata 2029 m, che poi sale fino alla quota di 2040 m, sulla quale è presente una grande croce di legno ed una cappelletta. Con lieve discesa in un attimo raggiungo il Passo San Jorio (2012 m) dove, in pieno Sud e sferzato da forti raffiche di vento (come del resto per tutta la giornata) mi concedo una birretta e un po’ di cibo, prima di passare alla discesa, sempre su neve.

Non mi resta che attraversare gli assolati pendii in direzione del bivio di Giggione (1800 m) e di scendere poi verso Giggio (1678 m), dove fortunatamente la copertura nevosa scema un po’. Continuo poi sul sentiero di fondovalle, che mi porta infine ai Monti di Ruscada.

Escursione godibile anche in questa stagione, sebbene disturbata non poco dal vento. La scarsa copertura nevosa non ha invece influito sulla fattibilità dell’escursione. Ambiente arioso, quello di cresta, e bei boschi alle quote inferiori.

 

 

Tempi di percorrenza: 8 ore e 45’. Dettaglio:

Monti di Ruscada – Bocchetta di Sommafiume: 3 ore e 15’

Bocchetta di Sommafiume – Mottone di Giumello: 1 ora e 45’

Mottone di Giumello – Passo San Jorio: 1 ora e 45’

Passo San Jorio – Monti di Ruscada: 2 ore

 


Tourengänger: tapio

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (14)


Kommentar hinzufügen

pm1996 hat gesagt:
Gesendet am 8. November 2012 um 14:45
bella scelta e periodo azzeccato ..Mi sa che se non avevi la macchina ai monti di Ruscada arrivavi fino al Cardinello !!! Bravo e grazie delle belle immagini ...
a presto.
Ciao

tapio hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. November 2012 um 15:15
Ciao Paolo,
ti ringrazio per la fiducia, ma il giro mi è sembrato già abbastanza lungo in questo modo… (poi, con quel vento…)
Comunque la zona è affascinante, ora comincio a capire il perché delle tue tante gite in Alto Lario! Per me è una zona tutta da scoprire, e se non sarà adesso, il 2013 (che del resto sta per arrivare…) mi porterà sicuramente da quelle parti (speriamo insieme!)

Grazie a te, ciao, a presto,
Fabio

veget hat gesagt:
Gesendet am 8. November 2012 um 17:21
Finalmente Ti rivedo , con piacere,su un tracciato che in parte conosco .Il Tuo di discesa.Bravo Fabio Ciao Eugenio
(ieri non ho trovato vento,magari più tardi vedrai)

tapio hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. November 2012 um 17:43
Grazie Eugenio,
anch'io, come te, ero stato l'ultima volta in Valle Morobbia nel 2007, ed era ora di tornare!
Aspetto di vedere la tua relazione "senza vento".

Ciao, Fabio

tignoelino hat gesagt: pomodoro &
Gesendet am 8. November 2012 um 20:42
hai preso una gran bella giornata!!
relazione un pò scarna.....
complimenti, Fabio, purtroppo quelle lande
non le conosco!!
roby

tapio hat gesagt: RE:pomodoro &
Gesendet am 8. November 2012 um 22:03
Grazie Roby,
sì, quelle lande le conosco poco anch'io, però vale la pena farci dei giri, hanno il loro fascino!
In quanto alla relazione scarna, ho sempre paura di annoiare con le mie "parabole", quindi per una volta ho deciso di limitare al minimo gli interventi personali...
... ma se protesti, la prossima volta inserirò anche dei brani dell'Eneide... così si addormenteranno tutti prima di arrivare in fondo!

Ciao Amis, a presto,
Fabio

tignoelino hat gesagt: RE:pomodoro &
Gesendet am 8. November 2012 um 22:11
sempre bene accette le Tue parabole!!
oggi sono andato al Sempione per verificare
lo stato della neve. Pessimo per "i tapp".
ciao, Fabio.
roby

tapio hat gesagt: RE:pomodoro &
Gesendet am 8. November 2012 um 22:21
Grazie Roby, troppo indulgente!
Hai fatto bene a verificare di persona, comunque pensavo che da una certa quota in su le condizioni della neve fossero accettabili: ma se dici così, converrà tenere i tapp ancora al calduccio per qualche tempo. Per il weekend danno neve dai 1800-2000 in su, quindi immagino non ci saranno grossi miglioramenti...

Ciao, Fabio

Nevi Kibo Pro hat gesagt: Tumati
Gesendet am 9. November 2012 um 11:42
Non ci sono mai stato, ma il nome ne fa una leggenda.
Da dove l'abbia preso non lo so e immagino che tu non abbia trovato nulla neanche in rete.
Comunque sei sempre avanti.
Fantasia e gambe; gli strumenti dell'esploratore.

Ciao
Paolo

tapio hat gesagt: RE:Tumati
Gesendet am 9. November 2012 um 21:30
Grazie Paolo,
il tuo commento, come già altri tuoi, evidenzia una saggezza di fondo non comune.
Circa la cima, in effetti la tua supposizione è corretta (e del resto non possiedo nemmeno il volume del Brenna che, forse, potrebbe svelare il mistero).
Ma appena possibile cercherò di documentarmi.

Ciao, Fabio

ciolly hat gesagt: Tumatica
Gesendet am 10. November 2012 um 16:40
Ogni paese che vai nome diverso che trovi!!!
Scherzi a parte, un altra bella escursione con report dettagliato e foto splendide.. Come al solito!

Ciao, Ciolly


tapio hat gesagt: RE:Tumatica
Gesendet am 10. November 2012 um 16:57
Ciao Ciolly, gentilissimo!

Sì, il nome è un po' strano, anche io sto ancora cercando di capire il perchè...
... e aspetto anche il tuo prossimo report, sicuro di trovare delle chicche sia fotografiche che testuali!

Ciao, Fabio

ciolly hat gesagt: RE:Tumatica
Gesendet am 10. November 2012 um 17:29
Devo portare un po' di pazienza, e riprendere con calma, perchè non riesco a liberarmi da una fastidiosa influenza.
Ho già perso un paio di Week, ma ancora non va del tutto bene, meglio aspettare ancora una settimana e se non basta anche un altra... tanto le montagne non scappano!

Ciao, fai Buone gite anche per me

tapio hat gesagt: RE:Tumatica
Gesendet am 10. November 2012 um 17:57
Anche io mi sono trascinato per parecchio tempo una fastidiosa influenza, e verso la fine si è trasformata in bronchite. Fortunatamente adesso è passata.

Quindi approvo totalmente il tuo punto di vista: una volta guarito ritroverai le montagne al loro posto!

Buona guarigione, ciao,
Fabio


Kommentar hinzufügen»