"Inaugurazione Cresta dei Tre Corni" (Capanna Campo Tencia) - interrotta


Publiziert von stellino , 24. September 2012 um 12:27.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:23 September 2012
Wandern Schwierigkeit: T5 - anspruchsvolles Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: WS
Klettern Schwierigkeit: III (UIAA-Skala)
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo Campo Tencia   Gruppo Pizzo Campolungo   CH-TI 

Gita organizzata dal CAS Ticino per "inaugurare" il nuovo percorso alpinistico denominato "Cresta dei Tre Corni".

Descriverò qui di seguito l'itinerario e le difficoltà. Purtroppo non abbiamo potuto, complice la meteo, eseguirla in tutta la sua completezza. Molte indicazioni sono quindi tratte dalle descrizioni fatte dal Dema.
Nonostante non l'ho portata a termine, e quindi non ho un'esperienza diretta, mi preme comunque parlarne qui. Questo perchè dai primi passi mossi sulla cresta, mi sembra un percorso che valga veramente la pena compiere. Per ulteriori, più precisi dettagli, è bene rivolgersi al capannaro della capanna Campo Tencia.


Für Deutsche-Leser, die an diese Route interessiert sind, kann ich sicher mehrere Infos auch auf Deutsch privat geben. ;-)

Attacco della cresta (T5):
si parte dalla Capanna Campo Tencia e risale i pendii in direzione del Lago Morghirolo, passando dal vecchio sentiero dell'acquedotto (vecchi segnavia rossi). Presso il pianoro di q. 2303 mslm è stato messo un paletto con indicazione bianco-blu. Da qui si procede in direzione ovest, puntando alla Bocchetta di Mognòi (senza nome sulla CN), una sella tra le q. 2561 e 2701 che si raggiunge tramite uno stretto canale, in questo periodo un poco franoso (ad inizio stagione molto probabilmente con neve dura o ghiaccio). Dal pianoro alla bocchetta vi sono bolli blu e piccoli ometti. In generale il percorso sino qui è in via di marcatura (work in progress).

Cresta dei Tre Corni (PD):
la cresta si snoda in direzione sud e punta al Pizzo Canà (2947 mslm) per poi proseguire verso sud-est attraverso la Bocchetta dei Tre Corni e i Tre Corni medisimi e giungere infine al Pizzo Croslina.
La cresta è stata marcata con bolli blu e, nei passaggi più ostici (PD+), sono stati piazzati dei cordini metallici ed alcuni fittoni / scalini metallici.

Attrezzatura:
da alpinismo. Un imbrago con fettuccia e moschettoni, eventualmente un paio di rinvii. Una corda per assicurare i più insicuri può rivelarsi utile, casco sempre utile ;-)
ad inizio stagione il canale di accesso alla Bocchetta di Mognòi sarà sicuramente innevato o parzialmente ghiacciato. Picozza e ramponi possono rivelarsi fondamentali.

Difficoltà:
l'attacco è sicuramente escursionistico, non difficile se bel tempo. Ci si muove comunque su pietrame a volte malfermo e il pericolo di caduta sassi nel canale è presente. Inoltre, a dipendenza della stagione, si può trovare neve dura o ghiaccio. Per questo motivo assegno un T5. La marcatura del percorso è inoltre ancora in fase di esecuzione e miglioria.
La cresta è per lunghi tratti un poco esposta. Vi sono passaggi di arrampicata, comunque discretamente appigliati. I passaggi più esposti sono stati resi piû sicuri dai cordini metallici. Anche qui, la via è in fase di miglioria.

Tempistica:
i più scaltri e veloci la possono fare, dalla capanna al Pizzo Croslina, in ca. 5 ore. Gente meno aliena ci impiega, a mio parere, ca. 7 ore. Dal Pizzo Croslina alla capanna vanno contate ancora 2 ore ca.


Inaugurazione del percorso, cioé la gita di domenica:

siamo stati sfortunati. Sebbene sabato la meteo era ancora piacevole, domenica ci siamo svegliati con una fitta nebbia ad incappucciare le creste. Partiti comunque, di buon mattino, speranzosi sino all'ultimo che il mistico suono di un corno delle alpi che ci accompagnava o un colpo di vento spazzasse il cielo.

Abbiamo percorso all'incirca 200 m della cresta, quindi quanto descritto qui sopra è riferito principalmente all'esperienza dei primi metri di cresta compiuta e dalle descrizioni di Dema (capannaro). Purtroppo la nebbia ha portato molta umidità che ha bagnato la cresta, rendendola, complice i licheni, molto scivolosa. Un gruppo folto come il nostro, abbinato alle condizioni meteo, ci hanno spinti al ritorno dopo solo 200 m di cresta.

L'impressione è comunque di un percorso alpinistico, sottolineo il grado PD, che può regalare molte emozioni. Comunque non da sottovalutare, sia per lunghezza che per difficoltà (si è continuamente in cresta, passaggi aerei un poco esposti, arrampicate).

Sicuramente, se non ancora quest'anno, l'anno prossimo la eseguirò tutta.

Tourengänger: stellino

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

Pippo76 hat gesagt: Bravo
Gesendet am 24. September 2012 um 18:15
Il primo tentativo non siamo neanche partiti. Al secondo sei riuscito a fare 200 m di cresta. Di questo passo in una decina di tentativi riuscirai a farla tutta ;-)
Spero di esserci quando sarà la volta buona.

stellino hat gesagt: RE:Bravo
Gesendet am 24. September 2012 um 18:37
sarà meglio per te che ci sei !!!! ;-)

Pippo76 hat gesagt: RE:Bravo
Gesendet am 24. September 2012 um 18:41
Non sono venuto perchè avevo un presentimento.
Ma giuro non ho gufato!!! ;-)

massimo61 hat gesagt:
Gesendet am 24. September 2012 um 19:58
Ciao ma questa cresta arriva in cima al piz croslina c' è qualche relazione sul web è interessante sabato sono passato dalla capanna campo tencia ciao Massimo 61

stellino hat gesagt: RE:
Gesendet am 24. September 2012 um 20:02
ciao! Si, termina presso la Bocchetta di Croslina, passando dal pizzo omonimo! Anch'io non ho potuto farla tutta, ma presto la farò !!!

Ewuska hat gesagt: tempistica
Gesendet am 13. August 2013 um 14:29
Ciao Stellino,
nel caso non l'avessi ancora fatta: la tempistica fornita da Dema è per la gente molto esperta. Alle tue 7 ore aggiungerei altre 2 più 2 per il ritorno... E' stata tosta!
Ps. Non dimenticare casco, gran parte del percorso è molto franoso.
Buona montagna
Ewa


Kommentar hinzufügen»