Piz Gannaretsch - 3.040 m


Published by Simone86 , 11 September 2012, 20h08.

Region: World » Switzerland » Grisons » Surselva
Date of the hike: 9 September 2012
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 7:30
Height gain: 1445 m 4740 ft.
Height loss: 1445 m 4740 ft.
Route:Diga Lai de Sontga Maria - Imbocco Val Rondadura - Lai Blau - Lai Verd - Fourcla Gannaretsch - VETTA - Discesa diretta verso SW evitando la Fourcla, poi tutto uguale.

Oggi siamo in 5 e 3 di noi affronteranno il loro primo 3000 (me compreso!).  La zona si mostra da subito interessante, salendo da Biasca siamo rimasti colpiti (come tutti gli escursionisti che ci passano) dall'attraente forma del Sosto, promettendoci di farlo un giorno o l'altro.  Mi ha colpito anche la presenza di calcare nella zona tra Acquacalda e il Passo del Lucomagno. All'inizio stentavo a crederci ed invece poi informandomi bene ho visto che era proprio calcare, segno della presenza di un antico mare milioni di anni or sono. Pare appunto che la zona sia ricca di Dolomia Cariata e, come dice il nome, è ricca di fori lasciati dalla presenza di gesso che si è poi disciolto con acqua.  Cosa interessante (leggevo su un sito locale) in quanto questo tipo di dolomia è temuto dagli scavatori di tunnel e gallerie per la sua capacità di impregnarsi di acqua.  Eventuali fori potrebbe scatenare seri allagamenti. Guarda caso la NFTA o Galleria di Base del Gottardo passa/passava  proprio qui sotto...

-Purtroppo non ho spento subito il GPS e quindi ha continuato a seguire la traccia per qualche Km in macchina.
-----------------------------------------------------------------------------

Alle 8.10 partiamo dal parcheggio sulla diga del Lai de Sontga Maria, esattamente al punto Q1911. Di divieti non ne abbiamo visti. Nella prima parte il sentiero costeggia il lago in direzione SSW fino ad incontrare l'imbocco con la Val Rondadura. Ci si tiene su un bel sentierino sulla destra, marcato da segni bianco-rossi salendo abbastanza faticosamente verso l'Alp Rondadura e quindi il Lai Blau Q2409 (h9:25 - tempo 1h15'). La giornata è fantastica, temperatura giusta, non una nuvola in cielo.  Lungo le sponde del lago ci accoglie un ampio gregge di capre. Il paesaggio merita molto. Aggiriamo il lago sulla destra anche se forse a sinistra si evitano alcuni inutili saliscendi. 
Da qui si deve puntare dritti verso N in direzione del punto Q2723 indicato sulla cartina. La via di salita è libera, si trova una scia composta da ometti ma è facile perderla. è possibile tenersi tutti a destra ed infilarsi in qualche canalino oppure affrontarlo a sinistra con un divertente misto di roccette arrampicabili e pianori. Comunque da qui inizia un T4.
 Giunti alla sommità di questo versante (h 10.20 - tempo 2h10') si apre una stupenda visione su Gannaretsch e Vatgira. Avanzando qualche metro anche il Ghiacciaio del Lau Blau diviene visibile nella sua totalità. Grandi paesaggi!
Arriva ora la parte più odiata dagli escursionisti, ovvero dobbiamo scendere di 100m per poi risalire il versante che porta al Lai Verd. Qui le rocce pare siano molto ricche di minerali, in prevalenza ferro, dato il colore rossastro-rugginoso. Ma non ho trovato riferimenti a riguardo sul web. Da Q2600 circa si risale dunque a naso la dorsale Sud per giungere in pochi minuti al Lai Verd Q2702 (h 11:00, tempo 2h50').  Le sue acque, decisamente più torbide del Lai Blau, probabilmente fanno assomigliare il suo colore più al verde che al blu classico. Costeggiando il lago sulla destra e risalendo di qualche metro troviamo un terzo laghetto, decisamente più esile e meno brillante dei precedenti. Ora è perfettamente visibile la Fourcla Gannaretsch e la via da prendere per la salita.  Non andremo diretti sulla Fourcla ma faremo un sorta di parabolica verso destra avvicinandoci molto alla cresta restando sempre verso Sud. Ci sono alcuni punti delicati dove usare le mani, niente di che. La roccia è spesso franosa e poco stabile. Quando si vede l'antenna posta sulla cima manca ancora un bel tocco, la fatica si fa sentire (h 12:00 e tempo 3h50' pause incluse).  Dalla cima il paesaggio è indescrivibile, quindi andateci!  Zero neve lungo tutto il tracciato. Siamo a Q 3040 ! ! !

Per la discesa ci teniamo sempre lungo la cresta W, per poi deviare molto prima verso Sud, vista la possibilità, mirano al laghetto sotto di noi. Ripetiamo più o meno il sentiero di andata seguendo ove possibile gli ometti. Nella discesa al Lai Blau perdiamo le tracce e incontriamo qualche piccola difficoltà. Consiglio di tenersi tutto a destra o tutto a sinistra ed evitare il centro. Il rientro alla macchina vede fiacche ai piedi, mal di testa e stanchezza generale eheh!

--------------------------------------------------------------

Bella montagna, meritevole, non difficilissima e nemmeno pericolosa. Noioso il fatto di dover scollinare per 100m, ho letto su un'altra escursione dell'esistenza di una via di salita diretta dalla diga passando per l'Aua de la Vatgira. La relazione sconsiglia però vivamente di passarci in quanto molto pericoloso.

Distanza Totale: 13,7 Km
Dislivello complessivo: +1.445   e   -1445
Pendenza Max:   57,2 %
Pendio Medio:  21 %

Hike partners: Simone86


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T4 PD- I
15 Jul 18
Piz Gannaretsch 3040m · MicheleK
T4 PD II
17 Jul 10
Piz Gannaretsch 3040 · Francesco
PD I
23 Jul 09
Piz Gannaretsch (3040 m) · Shepherd
T4 PD
T4
21 Aug 16
Piz Lai Blau 2961mt - dal Manzanarre al Reno · giorgio59m (Girovagando)

Comments (8)


Post a comment

Sent 12 September 2012, 12h06
Bellissima escursione e tante bellissime foto.
E' da tempo nei piani, e le vostre foto mi aiuteranno nella via !
Ciao

Simone86 says: RE:
Sent 17 September 2012, 10h18
Grazie, spero saranno utili anche se, come altre descrizioni precisano, la via molto intuitiva e divertente

Massimo says: X i 3
Sent 12 September 2012, 13h01
..... come primo 3000 davvero niente male, ambiente solitario e selvaggio.
Ricordo di averlo salito un paio di stagioni fa e mi era piaciuto tantissimo.
Complimenti a tutti quanti e avanti con i 3000........, si sa l'appetito vien mangiando.

Ciao
Max

Simone86 says: RE:X i 3
Sent 17 September 2012, 10h17
grazie mille Massimo. In effetti è una droga che va controllata eheh prima di spingersi troppo in la con le proprie capacità/possibilità. Ma se il tempo regge si può ancora tentare un altro 3000 "asciutto" prima dell'autunno.

Pippo76 says:
Sent 12 September 2012, 13h03
Bella escursione in luoghi bellissimi. Il Lai Blai è un angolo meraviglioso!
Il Piz Gannaretsch mi aveva scoraggiato proprio per il saliscendi e avevo optato per il Piz Lai Blau. Ci dovrò tornare.

Ciao
Giancarlo

Simone86 says: RE:
Sent 17 September 2012, 10h15
si la parte noiosa è proprio quella ma neanche tanto perchè sono 120m mi pare in più. Comunque merita per il panorama. Eventualmente valuta la possibilità, come accenna Siso in una sua escursione, di passare dalla "direttissima" per la valle "Aua de la Vatgira", seppur più difficile

gbal says: Bravi!
Sent 12 September 2012, 19h20
Avete fatto una bella gita con battesimo dei 3000 x 3! Peccato che solo a me x 2 volte consecutive sia capitato un tempo pessimo al Lago di Santa Maria mentre vedo che gli altri si godono una meraviglia!
Insisterò.....

Simone86 says: RE:Bravi!
Sent 17 September 2012, 10h12
tralaltro li attorno bivacchi e/o alpeggi di riparo non ce ne sono, non dev'essere stato simpatico..eh si quest'anno il tempo è stato un po un terno al lotto, però sembra che sia facendo un ottimo settembre, speriamo in un autunno simile al 2011 (magari non cosi secco!)


Post a comment»