Kleines Furkahorn mt 3026


Publiziert von turistalpi Pro , 20. August 2012 um 14:55.

Region: Welt » Schweiz » Uri
Tour Datum:19 August 2012
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-UR   CH-VS 
Zeitbedarf: 6:00
Aufstieg: 600 m
Abstieg: 600 m
Strecke:Hotel Furkablick-Furkastock-Kleines Furkahorn

Con Pinuccia e Billie andiamo nel canton  Uri. A Realp avrei deciso per l'Albert Heim Hutte ma Pinuccia chiede informazioni a due giovani che intendono salite il Kleines FurkaHorn.Pinuccia mi propone allora questa cima. Io rispondo che mi andrebbe bene anche perchè è un tremila e questo è il periodo adatto ma le faccio notare che l'ascesa è in massima parte su pietraie non esposte ma con sassoni vari e per Billie potrebbe essere un problema....Alla fine Pinuccia insiste e quindi occorre andare al Furkahorn. Parcheggiamo al posteggio del Galenbodmen pieno di auto ma abbastanza grande per starci. Ho letto ma mesi fa le relazioni di Giorgio59 ed Ale84 e Siso ma ovviamente non avendo programmato tale gita non ho molti ricordi. Alla partenza cerco qualche segnale per il Furkahorn ma niente. Vedo un sentierino che ripido sale verso il Furkastock e d'altra parte oggi ho apposita cartina ed occhiali. Perdiamo tempo per Billie (bisogno fisiologico su prato con conseguente signora tedesca che imperiosamente ordina la rimozione. Diciamo che poteva evitarserlo perchè siamo sempre equipaggiati per tale evenienza e comunque mi ha dato fastidio....). Vediamo quattro persone  che salutiamo e ci rispondono in italiano: sono del comasco e vanno al Furkahorn: siamo a posto.Infatti ci accodiamo e saliamo sul sentierino più evidente che in modo ripido porta al Furkastock. Da qui seguiamo le tracce sulla cresta est che poi diventa un ammasso di roccioni anche grossi.  Su questi roccioni Billie compie i suoi due capolavori "alpinistici": 1- supera un roccione di un paio di metri in arrampicata diretta molto ripida; 2- davanti agli ultimi roccioni non vede la possibilità di salita diretta ed allora  scompare alla nostra vista per scendere nel versante a destra aggirare i roccioni e ricomparire di sorpresa più in alto e dopo il tratto incriminato (sono stato molto in apprensione perchè avevo timore di perderla).Coccole varie e si riprende ovviamente sempre su pietrame con qualche breve tratto di sentiero.Pietre, pietre e pietre di tutte le forme e dimensioni. A tratti ci sono degli sbiaditi segni bianco-blù ed ometti o pietre verticali come segnali però si può passare da più parti e comunque non c'è esposizione. Finalmente arriviamo in cima  ben dopo i quattro comaschi e in così bella giornata, immersi nel fascinoso mondo alpino ci facciamo la nostra sosta pranzo. Normalmente in cima ad un tremila se bel tempo è piacevole. Anche oggi è abbastanza godereccia ma fa un caldo infernale ( che strano in paradiso fa caldo......). Scendono tutti ed arrivano altre persone. Mi sono dimenticato di far vedere a Pinuccia il panorama del ghiacciaio del Rodano e  questo mi procurerà un'ulteriore salita futura ( dovevo salire oltre la croce per 1 metro o 2 ma ero troppo preoccupato per far trovare ombra tra i sassi  per Billie....) A nostra volta scendiamo  ed ad un tratto Pinuccia che sui sassoni ha difficoltà di campo visivo scivola e  si pesta un braccio ed il gomito(non c'è esposizione ma i sassi nsono duri)  ma tutto per fortuna prosegue. Giunti ad un ripiano dove sotto a sinistra permane una placca glacio-nevosa (a casa ho letto poi le peripezie di giorgio59...) Biillie ed io facciamo una mega sosta godendo dell'unica ombra procurata da un grosso roccione mentre Pinuccia, infaticabile cercatrice di cristalli, si spremeva nella ricerca (contenta lei.....). Trovati alcuni reperti di cristalli di quarzo ed anche se lei voleva  continuare la ricerca (!?) decidevamo di proseguire la discesa. Risalito e traversato un breve tratto su sentiero con mio stupore notavo che a sinistra della cresta scendeva un comodo sentierino a zigzag fino al parcheggio: averlo saputo prima avremmo evitato a Billie le sue peripezie! Sentiero veramente comodo!!! In futuro senz'altro saliremo da codesto sentiero: perchè fare fatica inutile?? Per chi  non ne fosse a conoscenza questo sentiero non è marcato ed  in salita parte dopo poche decine di metri dall'indicazione in legno per la Sidelenhutte dietro una casa  e passa nei pressi di una targa in tedesco con relativa stele di pietra. Al parcheggio rincontriamo i quattro escursionisti comaschi che ringrazio per le indicazioni forniteci. Giornata favolosa ed ambiente alpino eccezionale! Pinuccia entusiasta!!


Tourengänger: turistalpi

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T3+
18 Aug 11
Kleines Furkahorn 3026mt · giorgio59m
T3
30 Aug 05
Klein Furkahorn (3026 m) · Shepherd
T4
28 Aug 11
Kleines Furkahorn · Staeffl
T4
26 Aug 10
Kleines Furkahorn ganz gross · Queribus
T2 V
10 Jul 10
Kletterspass am Furkapass · elite1972

Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

giorgio59m hat gesagt:
Gesendet am 21. August 2012 um 08:45
Ciao Enrico, hai scelto una bella meta, senza pericoli se non le grandi pietre che devono essere superate.
Spero che la "pestata" in discesa al gomito di Pinuccia si sia risolta senza postumi.
E' un gran peccato che ti sei perso la vista sul versante nord, ti assicuro che lascia a bocca aperta per la vastità del ghiacciaio ed i panorami.
Beh ... un buon motivo per tornarci.
Un saluto e ... Buone gite !

turistalpi Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 21. August 2012 um 21:14
Ciao Giorgio, grazie del commento. Per Pinuccia tutto ok. Penso si di tornarci e con Pinuccia ma ovviamente dal sentierino che ho fatto in discesa: supera la parte più faticosa dei sassoni ed arriva appena prima della spianata da dove siete venuti voi a fianco del ghiacciaietto. Da lì le pietre sono più addomesticabili. Tanti auguri anche a te di buona montagna Enrico


Kommentar hinzufügen»