PIZZO ARERA : lebowski and me


Publiziert von lebowski , 12. Juli 2012 um 21:53.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 8 Juli 2012
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 950 m
Abstieg: 950 m
Strecke:Zambla Alta, Capanna 2000, Pizzo Arera

People are strange, lo cantavano i Doors, lo sottoscrivo.
Un'escursione in solitaria la aspettavo da una vita, una serie di coincidenze che si intersecano  casualmente, rendono possibile questo magico momento, in cui si rimane soli a contatto della scorza della montagna.
Per questa esperienza di meditazione deambulante ho scelto il pizzo Arera, un leviatano calcareo alto 2512 metri, non troppo lontano da raggiungere in questa assolata domenica di luglio.
Solitaria, una parola che già racchiude in sè un certo fascino.

In realtà, muovendo i primi passi in verticale mi accorgo subito di non essere solo.
Anche se dovessi fingere di non vedere le numerose persone che salgono al rifugio Capanna 2000 (divoratori di pizzoccheri) sento la vocina dell' uomo ombra dalle capacità incontrollabili che  alberga dentro me, muovere le prime critiche, dalle incorporee stanze della coscienza .
Ognuno di noi ha un alter ego che ci dà contro per natura non appena restiamo soli, ragione contro sentimento, yin che strapazza lo yang.
Convivo dalla nascita con questo genio della lampada, che per convenzione chiamerò lebowski,  eppure riesce sempre a stupirmi.
E' più risoluto di me, anche se la sua irruenza spesso è eccessiva, si fida solo del suo istinto.
Condividiamo un innato senso pratico, la sua capacità palese di scavalcare i problemi, lo rende spesso presuntuoso ai più.
Edonista per scelta, sull'avambraccio sfoggia una scritta in greco che recita :
«Posseggo, ma non sono posseduto»
sic!

Scelgo la scorciatoia tra i prati per guadagnare la terrazza erbosa del Rifugio,  ripida ma efficace.
Capanna 2000, sorge su di un ampio pianoro che invita al sollazzo, io però voglio andare in cima all'Arera, non dimentichiamo!

La salita da qui parte impennando, verso la poderosa sagoma del Pizzo,  abbastanza da scatenare quel piacere cinetico che muove il corpo come una macchina progettata da un ingegnere tedesco, passo dopo passo la falcata acquista la scioltezza dello zoccolo del camoscio che gratta la roccia.
Noto con piacere diverse stelle alpine, con i caratteristici petali vellutati.
Guadagnando quota tra le pietre bianche, il panorama acquista asprezza sassosa ed impareggiabile spessore scenografico.
Cammino slittando  tra sfasciumi e ciottoli , i resti del peeling della montagna,
sentenzia  lebowski .......
Prima dell'ultimo tratto,lunare,  ormai completamente privo di vegetazione,  la montagna presenta una profonda spaccatura, che costringe il sentiero ad un'improvvisa discesa nella gola, e una risalita sull'altro versante, agevolata da una traballante scala metallica ed alcune catene lungo uno stretto canalino.

A poche decine  metri dalla cima ho il fiatone, non mi sogno nemmeno di farlo notare; il mio "genio", lebowski,  è fatto così, quando sente una persona lamentarsi inutilmente lo manderebbe ammanettato ad un corso di sopravvivenza con Jacek Palkiewicz, magari nella tundra artica.
Arrivo in cima insieme a due simpatici bergamaschi che definiscono coloritamente in idioma locale la salita:
"la rampega cùme un osti!"

Sulla sommità del Pizzo Arera sono colto dalla solita sensazione di vuoto, ho speso volentieri  le mie energie nella salita, ed ora posso abbandonarmi ad una dolce atarassìa, quello stato d'animo che permette di accettare il piacere dell'attimo, distaccandosene completamente.
Seduto sotto la croce, che lebowski paragona al solito sfoggio di arte ferrosa da lattoniere, inspiro lentamente e sento le energie fluire dall'aria frizzante direttamente nei polmoni.
Altro che centri benessere, mi sento come uno zingaro a S.Giorgio di maggio!

La cima è un luogo di confine, l'inizio netto del cielo, il braccio alzato all'aria della montagna per creare il passaggio di forze magnetiche dal nucleo della terra verso l'infinito.

Oggi ho il mio chilo e mezzo di reflex nello zaino, come una pistola scarica.La consueta roulette della dimenticanza, che a rotazione coglie occhiali da sole, cappello, fazzoletti di carta, oggi si è fermata sulla scheda SD della macchina fotografica.
Scatto qualche foto con il cellulare, insoddisfatto, devo elemosinare qualche immagine.
Per fortuna trovo un disponibile terzetto di escursionisti,  Andrea, Damiano e Manuela, la reporter del gruppo, che mi invierà gentilmente qualche immagine per il report su hikr.
Tra una chiacchera e l'altra scendiamo insieme al rifugio, è sempre un piacere scambiare esperienze con chi condivide la propria passione, come nani minatori che barattano pietre preziose di colore diverso ma di uguale valore.

Doveva essere un'uscita solitaria, in realtà mi sono sentito più solo nel centro commerciale dove sono stato sabato pomeriggio, tra pericolosi branchi di cercatori di saldi insoddisfatti ...e su questo sono perfettamente d'accordo con  lebowski. a questo punto non so piu' chi sta scrivendo, lebowski oppure io






sosssss

lebowsi è fatto così, se sente un








soundtrack:    "People are strange"     The Doors 

http://www.youtube.com/watch?v=K3CHi_9sxj0 

Tourengänger: lebowski


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T5
12 Mai 13
Pizzo Arera · Abominevole
T4- L I
12 Mär 17
Pizzo Arera - 2512 m · irgi99
T4-
10 Dez 16
Pizzo Arera · ser59
T3+ L
24 Feb 18
Pizzo Arera da La Plassa · ser59
T3+ WS

Kommentare (11)


Kommentar hinzufügen

Barbacan hat gesagt: Applausi
Gesendet am 13. Juli 2012 um 00:09
Oserei dire che il racconto è degno di Salgari. Bellissime foto caro amico ludesan, bravo!!

lebowski hat gesagt: RE:Applausi
Gesendet am 13. Juli 2012 um 14:19
Salgari? Esagerato...ora dovrò aumentare il prezzo di quello che ti avevo promesso!

" Ludesan sta mai cui man in man"...

ciao

Seeger Pro hat gesagt: People are strange..
Gesendet am 13. Juli 2012 um 09:05
...if you are stranger!
Ciao lebowski
Un racconto che tocca.
Pensiero che alcuno da noi conosce bene.
Fantastico.
Grazie.
Cari saluti
Andreas

lebowski hat gesagt: RE:People are strange..
Gesendet am 13. Juli 2012 um 14:17
Grazie Andreas, uno dei poteri misteriosi della montagna è quello di farti incontrare persone che la pensano come te, e per scoprire questa intesa spesso basta uno sguardo.

Saluti

Luca

giorgio59m hat gesagt:
Gesendet am 13. Juli 2012 um 11:20
E' sempre un piacere emozionante leggerti !
Ha fatto davvero tanta strada la filosofia di Jeffrey Lebowski, ma anche tu, camminandole a fianco, ne stai facendo e facendone fare a noi.
:-) con grande simpatia

lebowski hat gesagt: RE:
Gesendet am 13. Juli 2012 um 14:24
Sei motlo gentile Giorgio, il Lebowski cinematografico sopravvive sospeso, a una velocità esistenziale ridotta, ma profonda, quella che nelle immersioni montane riesco ad assaporare pienamente.
Ciao, Luca
p.s.Ti confesso che non ho mai bevuto il white russian...

heliS hat gesagt:
Gesendet am 13. Juli 2012 um 11:22
Una grande compagnia :)
S.

lebowski hat gesagt: RE:
Gesendet am 13. Juli 2012 um 14:27
In montagna non mi sento mai solo, sono nel grande utero della natura! ;)

bigblue hat gesagt:
Gesendet am 7. März 2013 um 17:12
Caspita.....caspita....caspita......magico Luca....magari a furia di leggerti, parlerò un pò meno. Great!! Pg

lebowski hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. März 2013 um 09:14
Hem...coff...uhm...due complimenti in un giorno solo? ....potrei montarmi la testa!
Magico? Io? Mi stanno venendo i capelli del mago Forest...;)
Parla pure, troppo silenzio annoia...hi, Luca

bigblue hat gesagt:
Gesendet am 8. März 2013 um 11:53
.... giusto dare a Cesare quel che è di Cesare......sei un validissimo narratore!


Kommentar hinzufügen»