Pizzo Meriggio, 2358 m


Published by lumi , 18 March 2012, 16h30.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:17 March 2012
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 1087 m 3565 ft.
Height loss: 1087 m 3565 ft.
Route:Campelli di Albosaggio (1271 m) - Baita Meriggio (2107 m) - Punta della Piada (2122 m) - Pizzo Meriggio (2358 m)
Access to start point:Milano-Lecco, S.S. 36 uscita Colico, direzione Sondrio. Sulla tangenziale di Sondrio uscita allo svincolo di via Vanoni. A destra attraversare il fiume Adda e girare a sinistra per Albosaggia. Seguire le indicazioni per Campelli seguendo una strada che sale a tornanti.

A volte si sente l’estremo bisogno di cercarsi, di sentire se stessi e, per una come me, la montagna può dare sfogo a tutto questo. Oggi avevo bisogno di starmene un po’ in contatto con il mio spirito, di sentire la mia vita riempirsi man mano di quello che più gli fa bene.

Decido all’ultimo di fare la ricognizione per il Pizzo Meriggio, in solitaria..

Il tempo è capriccioso...come me, oggi..

Arrivo senza problemi a Campelli, nonostante l’ultimo tratto di strada da Albosaggia è ancora  ghiacciato, e parcheggio nel piazzale, davanti a una costruzione di legno e a una chiesetta.

Mi sento un po’ confusa...non trovo la segnaletica (se fosse!). Sulla mia cartina (foglio 104 – Foppolo- Valle Serina il percorso è segnalato in azzurro come uno scialpinistico) e in più non voglio seguire il tracciato della strada...più lungo e più riposante.

Si dice che è una classica escursione, panoramica, senza particolare difficoltà, una zona molto frequentata dagli sci alpinisti, ma oggi non è il 1 Aprile...non c’è nessun anima!!! Ok, capisco, mi regalate questa montagna gettonata, solo a me..

Salgo verso le baite del villaggio e prendo la mulattiera, m’incammino nel bosco di larici e sento un risveglio dolcissimo. Il sole si fa presente molto timido e spero (ancora) in una bella giornata..

Cammino sulla neve, seguendo la mulattiera, i miei pensieri non hanno una direzione, e all’improvviso ...mi sento osservata...''Lumi, tranquilla, non sei sola, guarda le nostre forme, ascolta il nostro silenzio, penetra la nostra forza  e prende la nostra magia''...

Mi lascio andare, quasi come a occhi chiusi, respiro intensamente e sento che qualcosa in me ha preso vigore, mi sento parte di quel che mi circonda.. la montagna con  i suoi profumi m’invade il corpo e la mente...Nonostante il posto mi è sconosciuto, ho il sentimento strano di far parte del tutto, ho le percezioni del movimento successivo, di quello che avvera.

Non ti è mai successo di pensare una cosa e quella si avvera?  Lo percepisci un attimo prima che si crei perché sei parte del presente stesso. Sono qui, i miei pensieri hanno presso una direzione...mi sento piena di emozioni forti che mi fanno vibrare...sorridere..

Percorro l’ultimo tratto con la sensazione di arrivare lì dove una forza misteriosa mi ha spinto.

Brrrrrr...Si sta succedendo qualcosa...Le mie speranze di una bella giornata sono spolverate quando il cielo diventa grigio e, la foschia più presente...i panorami delle valli di Scais e Venina sì...intravedono..li intuisco...mi sa che non ho azzeccato la giornata.

Non importa, mi sento libera a volare...nonostante le turbolenze...

Hike partners: lumi

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

Winterbaer Pro says: la felicità di potere andare in montagna
Sent 18 March 2012, 17h22
Ciao Lumi!
Di nuovo una storia molto poetica e bellissimo da leggere!
Per me andare in montagna è sempre come ricaricare le pile della mente e del corpo. Per mezzo dello strapazzo di salire si produce agenti come morfina e si sente meglio i giorni successivi a una gita. Questo è la bellezza del alpinismo come credo.

Tanti auguri per sempre belle gite collegante sempre di nuovo l`essere uomano a terra.
Spero che capisci, è difficile per me di dire le cose filosofiche in una lingua straniera, che è già difficile di dirlo nella lingua madre:-)

Tanti saluti
Uschi Winterbaer

lumi says: RE:la felicità di potere andare in montagna
Sent 18 March 2012, 18h00
Dear Uschi,
Io vorrei ringraziarti per le emozioni che riesci trasmettere con i tuoi commenti. Mi spiace tanto di non poter legger (capire) le tuo relazioni, ma me le immagino...sei una persona piena di sensibilità e profondità della vita.
La passione per la montagna, non conosce le barriere delle lingue...ansi, credo che con le parole semplice si trasmette tanto.. arrivano più diretto al cuore.
Se ti dicessi che ne io sono italiana...ma vivo in Italia:)
Un giorno mi piacerebbe incontrarti....
Un caro saluto e buone camminate anche a te!
Lumi

massimo61 says: gita in montagna
Sent 19 March 2012, 17h16
Grazie per i sentimenti che vuoi condividere con i tuoi amici virtuali di Hirk, nella bellissima relazione Anchio considero la gita in montagna non solo un esercizio fisico ma un arricchimento interiore.
Ciao Massimo

lumi says: RE:gita in montagna
Sent 20 March 2012, 08h46
Grazie a te Massimo, sei molto gentile, quando la passione per la montagna c’è, si crea un rapporto molto intenso.
Buone camminate,
Ciao,
Lumi

Alberto says:
Sent 23 March 2012, 11h12
complimenti per la scelta: Ti consiglio di ripeterla con una giornata di sole pieno,che appaga ancor di più la nostra persona. E' una zona che ho frequentato spesso in inverno,merita! Ciao

lumi says: RE:
Sent 23 March 2012, 11h47
Grazie Alberto, ho letto le tue relazioni:) (anche con un po’ di invidie per il sole ). Purtroppo non è stata la giornata:(
Avrei dovuto intitolarla…..’’Scelta non azzeccata’’, spero che più avanti (oppure l’anno prossimo) sarà azzeccata…
Buone camminate!
Cioa,
Lumi


Post a comment»