Rifugio Alp di Fora (1844 m) – Val Calanca


Published by siso Pro , 5 February 2012, 18h15.

Region: World » Switzerland » Grisons » Misox
Date of the hike: 4 February 2012
Snowshoe grading: WT2 - Snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Arbeola-Molera   CH-GR 
Time: 5:15
Height gain: 551 m 1807 ft.
Route:Braggio (1293 m) – Ristorante Ostello Val Meira (1313 m) – Sciorgnin – Mondent (1470 m) – Bivio per Selma (1496 m) – Motta delle Vacche – Rifugio Alp di Fora (1844 m) – Braggio Mondent (1453 m) – Braggio (1293 m).
Access to start point:Semiautostrada A13, uscita Roveredo – Val Calanca – Arvigo (820 m).
Accommodation:Ostello Val Meira Braggio; Rifugio Alp di Fora.
Maps:C.N.S. No. 1294 – Grono - 1:25000.

Racchettata in Val Calanca con un gruppo insolitamente numeroso: nove persone; quasi da far invidia ai miei amici brianzoli.

 

Temperatura all’arrivo ad Arvigo: -10°C

Temperatura a Braggio, ore 9.30: -8°C

Inizio dell’escursione da Braggio: ore 10:30

Temperatura al Rifugio Alp di Fora, ore 13.30: -4,5°C

Fine dell’escursione: ore 15:45

 

Temperature piuttosto rigide oggi, comunque sopportabili grazie all’assenza di vento per quasi tutta l’escursione.

Capo gita di giornata Fabio: abile organizzatore di eventi, preciso come sempre nel curare i dettagli e nella preparazione delle “godende”.

Il ritrovo è fissato ad un bar di Castione. Pausa caffè e presentazione dei nuovi amici della montagna. Ripartiamo per la Val Calanca, oggi immersa nella neve e nel ghiaccio. Parcheggiamo ad Arvigo, ancora all’ombra e con una temperatura siberiana. Saliamo sulla funivia per Braggio (4.- CHF per corsa), che in pochi minuti ci porta al terrazzo situato a circa 1320 m di quota. Braggio è il comune più alto della Val Calanca; vi abitano stabilmente 56 abitanti, occupati quasi tutti nell’economia agraria e forestale.

Dalla stazione a monte della teleferica (1293 m), poco più di 200 m ci separano dal nucleo del villaggio. Come da programma, qui facciamo la seconda tappa, nell’ex scuola, chiusa definitivamente nel 1973 e trasformata da allora in ristorante e ostello. Alle 10:30, dopo la lunga sosta cappuccino/brioche/panettone, calziamo le ciaspole e ci avviamo in direzione di Sciorgnin, Mondent (1470 m) e il bivio per Selma (1496 m). Ora splende il sole e il paesaggio è incantevole. Il freddo, in assenza di vento, è sopportabilissimo. Una buona traccia ci facilita enormemente la salita, che finora ha delle pendenze fin troppo dolci. Il gruppo, che all’inizio è perfettamente compatto (così come vorrebbero alcuni amici di Hikr), pian pianino si sfilaccia, suddividendosi in coppie e in ciaspolatori solitari. I due ragazzi si divertono un mondo: è un piacere vedere come giocano buttandosi nella neve fresca, fingendosi addormentati o facendo degli scherzi a tutti.

Raggiunto il bivio per Selma, il percorso segue la strada forestale, in costante direzione sud per uno sviluppo di circa 1700 m. Le radure consentono un bellissimo panorama sul versante destro della Val Calanca. Possiamo così ammirare il bellissimo Pizzo di Claro, raggiunto il 16 luglio 2009, il Torrone Rosso (2670 m), il Mottone (2692 m) e il Forcel (2577 m).

Incrociamo altri escursionisti con gli sci o le racchette, che scendono in direzione di Braggio.

Raggiunti i 1700 m di quota, il sentiero svolta a sinistra e sale nella pecceta: sono gli ultimi 140 m di dislivello, finalmente di vera salita, comunque sempre nella traccia ben battuta.

Dopo quasi tre ore di tranquillo cammino raggiungiamo il Rifugio Alp di Fora (1844 m), situato sul pendio occidentale del Pizz di Rüss (2247 m).

In pochi minuti, alla spicciolata, arrivano tutti. Fabio estrae dallo zaino un invitante bianco vodese e una freschissima luganiga servita con scaglie di Parmigiano-Reggiano.

Il rifugio è molto bello e funzionale, tuttavia possiamo permetterci una sosta di soli tre quarti d’ora: il cuoco dell’ostello, che è anche sindaco di Braggio, ci aspetta per il pranzo.

La discesa è molto piacevole e decisamente più veloce della salita. Giunti all’altezza del vallone del Riale di Mezzana decidiamo di abbandonare la strada e di scendere nella neve vergine lungo il sentiero estivo. Raggiunte le baite di Mondent (1453 m) ci si presenta il tratto più affascinante della ciaspolata: un ripido pascolo da percorrere con tracciato libero che da solo merita la trasferta in Val Calanca.


                                           Bellissima ciaspolata a Braggio

È una goduria per tutti, il degno finale che ci conduce diritti al ristorante. Già dall’esterno vediamo che sui tavoli c’è un ricco buffet di stuzzichini che ci attende. Sono le 16.00: l’appetito ha raggiunto l’apice!

Al momento del dessert scatta la sorpresa: una squisita torta al cioccolato per festeggiare il compleanno di Anna: auguri!

 

Piacevole ciaspolata su neve fresca in una zona poco frequentata, adatta a tutta la famiglia. Escursione rallegrata dalla presenza di due ragazzi: la loro freschezza è stata apprezzata da tutti.

 

Tempo totale: 5:15 h

Salita: 2:55 h

Dislivello in salita: 551 m

Sviluppo complessivo: 10,2 km

Difficoltà: WT2

SLF: 2 (moderato)

Copertura della rete cellulare: buona.

Partecipanti: Anna, Carlo, Daniele, Fabio, Gabi, Martina, Maurizio, Valeria, siso.


Hike partners: siso

Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (11)


Post a comment

Francesco says:
Sent 5 February 2012, 19h24
Ciao Amis, L'Alp di Fora è nei miei programmi da diversi mesi, anzi dall'anno scorso, per varie circostanze non son mai riuscito a salire.
A qs. punto, la veste invernale l'ho vista e apprezzata"grazie" attendo la primavera inoltrata in modo da poter salire al pizz di Russ.

siso Pro says: RE:
Sent 6 February 2012, 20h56
Ciao Amis!
Dopo aver raggiunto per la prima volta questo rifugio, ho maturato la convinzione che il versante si presta per altre escursioni sia estive sia invernali, con ciaspole o sci. Certo che tali condizioni di neve, soffice e abbondante, non capitano spesso!
Buona settimana,
siso.

siso Pro says: RE:
Sent 6 February 2012, 21h15
Ciao Francesco,
è stata una piacevolissima scoperta anche per me. Ovviamente abbiamo avuto la fortuna di imbatterci in una giornata sì freddina, ma con una neve favolosa!
A presto Amis!

Barba43 says: barba43 ha detto
Sent 6 February 2012, 08h54
Complimenti a tuto il gruppo,bellissima gita che farò anchio,
E auguri ad Anna ciao ragazzi

siso Pro says: RE:barba43 ha detto
Sent 6 February 2012, 20h59
Ciao Barba,
grazie a nome di tutti, in particolare di Anna.
Ti auguro di visitare il rifugio con il bel tempo: ne rimarrai affascinato!
Buone gite,
siso.

Sent 6 February 2012, 12h11
I complimenti a Siso per le foto e la bella gita, bel gruppo, auguri alla festeggiata.

Alp di Fora era una delle proposte di Francesco, la stavo tenendo d' occhio per qualcosa primavera-estate.

Alp di Fora - Capanna
SEMPRE APERTA, Inaugurata nel 2000.
Refettorio unico di 16 posti, grande cucina sia a legna che a gas completa di utensili
Riscaldamento a legna, acqua corrente in capanna (doccia solo fredda)
Illuminazione con pannelli solari, letti con coperte di lana

Vie di accesso: 2 h da Braggio

Possibile ascesa Piz Rus 2247mt
salita da Braggio 4.5Km, 950mt dislivello

Barba avvisato ...

siso Pro says: RE:
Sent 6 February 2012, 21h05
Ciao Giorgio,
grazie per le esaustive informazioni, che invoglieranno molti escursionisti ad organizzare una gita in zona.
siso

pm1996 says:
Sent 6 February 2012, 17h07
Tanti auguri alla festeggiata..e complimenti per la bella escursione. Deve essere veramente bella come valle,la conosco solo dal libro della Val Calanca che ,quando lo sfogliai le sue immagini,mi incuriosirono subito..Copiero'escursione..Ciao
Paolo

siso Pro says: RE:
Sent 6 February 2012, 21h10
Ciao Paolo,
il fondo valle oggi aveva un aspetto molto severo: ghiaccio, neve, ombra, temperatura siberiana. Sul terrazzo di Braggio l'impressione è cambiata completamente: paesaggio dolce, soleggiato, molto invitante.
Non conosco quel libro, tuttavia l'escursione mi ha invogliato a conoscere meglio la Val Calanca, per cui acquisterò la pubblicazione.
Grazie per l'attenzione!
siso

Felix Pro says: Bravo!
Sent 10 February 2012, 20h00
sehr schön gemacht - und beschrieben, diese Schneeschuh-Tour;

lg Felix

siso Pro says: RE:Bravo!
Sent 10 February 2012, 21h41
Danke Felix,
diese Schneeschutour hat allerdings alle Teilnehmer begeistert!

Ciao,
siso


Post a comment»