Rifugio Calvi, Val Brembana


Publiziert von Barbacan , 4. Januar 2012 um 16:50.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 3 Januar 2012
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 910 m
Abstieg: 910 m
Strecke:Carona - Pagliari - Lago Fregabolgia - Rifugio Calvi
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Bergamo seguire per Valle Brembana passando per S.Pellegrino Terme, Camerata Cornello, poi Branzi e Carona. Possibilità di parcheggio in paese.
Unterkunftmöglichkeiten:Rifugio Fratelli Calvi: 85 posti letto Locale invernale: 8 posti letto
Kartennummer:Kompass n°104 "Foppolo - Val Seriana"

Fu nell'estate del 2001 l'ultima volta che andai in Orobie e per un motivo o per l'altro ultimamente mi ero recato solo nel Lecchese, zona che raggiungo più facilmente da casa. Mi ero però ripromesso di tornare su quelle amate vette e di fare un classico della stagione: il Calvi in invernale.

Sfruttando ancora qualche giorno di ferie, stavolta con Paolo, decido la meta, programmo tempi e sposamenti e al mattino alle 6:30 il campanello di casa suona: salto in macchina e via verso la bergamasca, sfidando immensi banchi di nebbia e guidatori della domenica.
Dopo circa un'ora, arriviamo a Orio al Serio e la nebbia si dirada, spettacolo, vediamo già le cime innevate! Continuamo verso Carona, facendo una piccola sosta caffè a Branzi, da un amico che ha preso casa li. Continuamo e lasciamo la macchina lungo un tornante mentre l'orologio batte le 9:15.

Imbocchiamo il sentiero per il rifugio, superiamo una comitiva di ciaspolatori e finalmente ci immergiamo nel fantastico paesaggio imbiancato di questa valle. E' tutto bellissimo, la neve ovatta tutti i rumori...ora siamo solo noi e la natura e mentre avanziamo nella neve soffice, contempliamo lo stupendo paesaggio scattando un sacco di foto.
Il sentiero è tracciato e nonostante siano caduti 40cm di neve la sera prima, si avanza tranquillamente anche senza ciaspole. Dopo diverse soste, arriviamo al Lago del Prato, ormai completamente imbiancato e qui proseguiamo sul sentiero che ora si alza fino a giungere alla base dell'invaso.

Giunti in cima, intravediamo il rifugio ma per arrivarci impiegheremo ancora una mezzo'oretta; sinceramente me la ricordavo più corta da Carona,ma alla fine sono pur sempre 10km. Proseguiamo sul sentiero che a mezza costa sorpassa il Lago Fregabolgia, ormai completamente svuotato, e dinnanzi a noi si apre un paesaggio stupendo: le cime del Diavolo di Tenda e il Diavolino completamente imbiancati, un cielo terso senza nuvole, una valle stupenda che da il meglio di se anche con la neve...che goduria!!!
Ultimi passi ed eccoci arrivati al Calvi. Cambio di vestiti, rapido giro con foto e poi tutti dentro a pranzo. D'estate preferisco mangiare all'aperto e al sacco, ma se c'è aperto un rifugio, la polenta non me la faccio mai scappare; e poi dopo sta fatica, un piatto caldo è quello che ci vuole.

Prima di entrare do un'occhiata al locale invernale dove avevo dormito nel lontano 1997, in estate, durante un megatemporale, mentre percorrevo il Sentiero delle Orobie coi miei amici scout...quanti ricordi!
Entriamo e ci scaldiamo vicino alla sufa a pellet, mentre una gentil donzella prende le ordinazioni. Di li a poco arriva un piatto di pasta all'ammatriciana (è come mangiare i pizzoccheri a Palermo! eheheh) e polenta con brasato per me. Ci intratteniamo con gente del posto e altri escursionisti che sono arrivati dopo di noi, discutendo ovviamente di sentieri, cime, feste di capodanno andate bene o male ecc...

Alle 14, zaino in spalla, ripercorriamo il sentiero iniziale e nel giro di due ore siamo a Carona. C'è solo il tempo di fare uno squillo all' amico a Branzi, sostina con saluti (rifiutando una cioccolata calda) e poi via verso casa. Stavolta me la sono goduta proprio, dopo dieci anni di assenza in orobie oggi è stato il massimo!

Alla prossima

Tourengänger: Barbacan

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 8905.gpx Percorso principale

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (3)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt:
Gesendet am 4. Januar 2012 um 18:53
Si capisce che ve la siete goduta questa gita!
Bravi
Giulio

Barbacan hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Januar 2012 um 09:04
Hai proprio ragione Giulio! Ho assaggiato la prima neve della stagione con una classica gita...l'invernale al Calvi. Troppo bello!

Alberto hat gesagt: RE: il Calvi...
Gesendet am 5. Januar 2012 um 11:29
...con la neve vi sono andato molte volte,complimenti per la scelta,è una ciaspolata che soddisfa,anche se bisogna prestare attenzione in alcuni punti dove le valanghe non mancano,ciao!


Kommentar hinzufügen»