Giro "fallito" con allegria, in Val D' AMBRA per Rifugio Ai Tör


Publiziert von giorgio59m , 2. Januar 2012 um 10:49. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:30 Dezember 2011
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Madöm Gross   Gruppo Poncione Rosso 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 550 m
Strecke:Parcheggio prima del bacino Val D' Ambra Q610 - Badresc - Monda - sentiero basso per Val Iragna per 1Km circa, ritorno dalla stessa via
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada per il Gottardo, oltrepassare Bellinzona, uscire a Biasca. Alla prima rotatoria proseguire verso nord, seguendo per Personico - Bodio. A Bodio si devia per Personico, passando sotto l' autostrada e poi sopra il Ticino. Raggiunto Personico, poco dopo la chiesetta salire verso le case alte del paese e proseguire salendo fino al bacino artificiale. La strada è molto stretta.

Eccoci all’ ultima relazione del 2011.

Non volevo proprio pubblicarla, è una mezza escursione, un obiettivo mancato, ma anche da queste cose c’e’ da imparare , ed in fin dei conti è stata una simpatica esperienza, una quasi avventura.
La ragione principale è la condizione meteo, ma un po’ di “colpa” è anche nella nostra ostinazione di vedere sempre posti nuovi, visitare rifugi e vette dove non siamo mai stati.
Certo, aiutano molto le relazioni di chi vi è passato, la tecnologia che ci accompagna e che ci permette di correggere gli errori, ma ogni escursione diventa una piccola esplorazione, una scoperta, in fondo è proprio quello che cerchiamo.
Il non conoscere un percorso, ci obbliga a seguire le tracce, a cercare i segnavia sulle piante e sui sassi, quando ci sono e sono visibili.
Visto il marcato rischio valanghe, pensiamo a qualcosa di “basso”, magari con le ciasplole nello zaino, ma con percorsi nei boschi.
Il giro che avevamo pensato “sulla mappa” era di partire dal bacino della Val d’ Ambra (ci siamo stati nell’ inverno del 2010  al Tecc Stevan), salire per alpeggi poi scendere al rifugio ai Tor, e completare il ritorno con un bel giro ad anello.
Partiamo con i soliti orari, buio pesto ma a Como il cielo sembra pulito , ed  in effetti da noi sarà una giornata fredda ma soleggiata.
Dopo il Ceneri, un messaggio in autostrada avvisa che a Faido c’e’ neve ….
A Biasca piove, e guardando ai lati nelle vallate si capisce che poco sopra le nostre teste sta nevicando.
Raggiungiamo il parcheggio prima del lago artificiale della Val d’Ambra, e ci prepariamo mentre sta fioccando alla grande, stupendo …
Ciaspole appese allo zaino ci incamminiamo, iniziando a pestare neve.
Il primo tratto del sentiero è sul lato sud del laghetto, lo abbiamo percorso nel 2010, poi un bivio, si abbandona il sentiero principale, che si inoltra nella vallata, per salire verso le baite di Badresc, e quindi le baite di Monda.
Fino a qui sentiero ben segnalato e riconoscibile, anche se la neve è immacolata.
Lasciandoci alle spalle Monda, ci dovrebbe essere un bivio, che da un lato sale verso Laghetto e poi Spruch per poi raggiungere Malsegro (la massima elevazione che avevamo previsto a 1513mt) e scendere infine al rifugio Tor.
La seconda opzione è di proseguire in costa tenendo i 900mt circa di quota, per un lungo sentiero che collega la Val d’ Ambra con Pon in Valle Iragna.
Viste le condizioni meteo e la neve che si fa via via più alta, decidiamo di provare il percorso al contrario, cioè seguendo il sentiero in costa e salire al rifugio ai Tor.
Iniziamo il lungo traverso, da Monda ai Monti di Sopra (dove si inizia a salire per il rifugio) sono 2,5Km.
Indicazioni e marcature totalmente assenti, almeno sulle piante, sui sassi non posso confermare.
Si intuisce che il sentiero c’e’, a volte rami tagliati indicano l’ intento di tener pulito il percorso, ma difficile da individuare.
Tutto tranquillo fino a quando si resta nei boschi, qualche canalone da superare, ma le piante intorno offrono la sicurezza necessaria, incontriamo anche tratti rocciosi con pietre coperte dalla neve, un paio di bei scivoloni ci obbligano a proseguire con prudenza, ci sono pietre ghiacciate sotto la neve, il piede si muove a saggiare la tenuta del prossimo passo.
Tutto bene fino ad un tratto totalmente esposto, probabilmente roccioso, niente piante a monte né a valle, il traverso è ripido, scivolare sarebbe … decisamente spiacevole.
Come sempre piccolo “consiglio di guerra” per decidere che fare, Brown va avanti un pezzo per capire come procedere, ma a maggioranza decidiamo di desistere.
Ma è presto … che si fa?
In ogni caso si deve tornare indietro fino a Monda, proviamo a calcolare una eventuale salita al Tecc Stevan, che sappiamo aperto ed accogliente, ma il ritorno fino a sopra il bacino ed la successiva salita è eccessiva per giornate così corte.
Nel frattempo continua incessantemente a nevicare, l’ atmosfera è veramente bella, e non ci sentiamo né sconfitti né amareggiati.
Prima delle baite di Monda ci ripariamo sotto una tettoia per animali, almeno evitiamo di bagnarci, riusciamo anche ad accendere un fuoco di fortuna con pezzi di legno recuperati sul posto.
Il fuocherello ci scalda, ci permette di cucinare le salamelle che il Barba ha portato con sé nella speranza di trovare il rifugio aperto.
Ci scaldano anche il vino, le grappe, il Braulio ed un liquore al cioccolato.
Una vera escursione eno-gastronomica !
Nonostante la scarsa camminata, il morale è alto (sarà l’ alcool?) … e concluso il pranzo, ed i dettagli alcolici … ci prepariamo al rientro, che sarà breve.
 
A parte il nostro e tutto personale divertimento, la morale utile è che il sentiero Monda – Monte Gip – Monte di Sopra  è da evitare in inverno con neve o ghiaccio, e che certamente non è segnato sulle piante.
 
Breve riassunto di viaggio:
percorso totale : 6,4 Km
dislivello relativo: 560mt
tempo di cammino: 2h:50m
 
 
 
Vista da  roberto59

I miei compagni di avventura odierna, mi hanno preceduto e hanno esternato e scritto tutto gia' nelle loro relazioni, confermo la bella giornata trascorsa in allegria sotto una neve che cadeva copiosa e soffice.
Colgo l'occasione per ribadire il mio migliore augurio per il 2012, che davvero porti ad ognuno di noi quello che desideriamo e soddisfi il piu' possibile i ns. sogni, e aldila' della nostra situazione economica che e' disastrosa e allarmante, auguro a tutti tanta SALUTE, senza quella siamo  poca cosa, per cui di cuore TANTA SALUTE  a tutti, e conseguentemente questa affermazione mi porta ad augurare anche tanta montagna a tutti.
Ciao, forza a tutti per tante escursioni ........
Roberto

 
 
 
 
Vista da  brown
Le cammiante sotto la neve hanno il loro fascino,ma purtroppo i sentieri spariscono .
Con questo preambolo si e' cosi' articolata la nostra escursione che non ha avuto una meta raggiunta bensi' tentativi, prove e poi l'ardua decisione di desistere.
Fortunatamente la compagnia ha evaporato la delusione del fallimento; quattro risate, il nostro pranzetto ormai diventato un rito, e la giornata magica contornata dal manto bianco  sono stati gli elementi che hanno comunque reso gradevole questa nuova esperienza invernale.
Abbiamo avvistato due aquile che si sono lasciate guardare per parecchio tempo disegnando i loro cerchi nel cielo e uno sparviero ha fatto una breve apparizione con il classico volo radente prima di sparire tra le piante.
Auguro a tutti un anno ricco di escursioni con tante nuove vette e soprattutto tante soddisfazioni.
Paolo 
 
 
 
Vista da  barba43
 Mai fatta una camminata come quest' oggi sotto la neve, dalla partenza al ritorno non ha mai smesso di nevicare, sembrava di essere come Indiana Jones in mezzo alle rocce in certi punti coperte di neve.
Abbiamo assaporato scivolando sulle stesse i fondoschiena, il mio sembrava addirittura quello di Super Bottom.
Poi abbiamo trovato un riparo, quarda caso, c'era a fianco un grill, come non pensare di portare le nostre leccornie, innaffiate di Bonarda, ed anche di scaldarsi un pò riparati dai fiocchi di neve, che non avevano intenzione di smettere di cadere.
Terminato il nostro succulento pranzo, e sistemando tutto come abbiamo trovato, siamo ridiscesi sempre
sotto la neve.
Evviva alla prossima !

ciao a tutti/e belli/e e brutti/e e Buon 2012
 
 
 
 
Tempo di bilanci ….
Permettemi di fare un piccolo bilancio del 2011, come gruppo (i bilanci alla siso che tanto mi piacciono):
Un anno escursionistico grandioso per Girovagando, ben 37 escursioni totali, 5 tremilametri.
Possiamo solo sperare che il 2012 sia almeno come l’ anno precedente.
Abbiamo già una lunga lista di cime e destinazioni tra le prossime ambizioni, alcune dovranno aspettare l’ estate per portarci sopra i fatidici 3K, che come diceva un caro amico scomparso di Hikr: “dopo il primo tremila … diventa un vizietto ….”


Tourengänger: giorgio59m, roberto59, brown, Barba43


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (11)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt: In fondo....
Gesendet am 2. Januar 2012 um 11:30
...è tutto positivo. Stabilito che le condizioni erano quelle il bilancio è positivo per la bella e allegra compagnia, per la prima volta e l'esplorazione (la prossima sarà già diverso), perchè il brutto tempo trovato induce a pensare che nell'anno nuovo...sarà meglio o magari non peggio. Insomma se il morale è comunque alto non si può che augurarsi il meglio per l'anno nuovo.
Ciao e buon 2012
Giulio

Barba43 hat gesagt: RE:In fondo....
Gesendet am 2. Januar 2012 um 12:05
é stato più che positivo,visto l'allegria che abbiamo
ciao e auguri X 2012

giorgio59m hat gesagt: RE:In fondo....
Gesendet am 2. Januar 2012 um 12:32
Giulio, se si ritorna a casa contenti e sorridenti ... è tutto MOLTO positivo. La prossima è sempre ......... diversa da quella precedente.
Anche queste piccole avventure sono piacevoli se affrontate con la "testa".

Francesco hat gesagt:
Gesendet am 2. Januar 2012 um 13:20
L'anno trascorso, almeno per me è stato ricco di avvenimenti,compresa la Vs. limitata ma, intensa amicizia. Le prospettive per l'anno in corso a parte l'austerity citata da Roberto ci fan cadere le palle !!!
Ragazzi ridiamoci su senza perderci di vista.
Allegriiiaa !!!! E voi ne avete da vendere.

giorgio59m hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Januar 2012 um 16:12
Mi hai commosso ....
Posso anche io dire che il 2011 mi ha portato nuove conoscenze e nuovi amici, che pur conosciuti superficialmente, sento vicini.
Per il resto .... non pensiamoci, non ci roviniamo le giornate, ci sono cose ancora peggiori, in primo la salute.
Ridiamoci sopra, con allegria, e perchè no ... davanti ad una salamella ed un bicchiere di vino, in un bel posto e con la compagnia giusta ;-)

roberto59 hat gesagt: RE:
Gesendet am 3. Januar 2012 um 20:04
Ciao Francesco,
grz ...il mio 2011 da dimenticare sotto tanti punti di vista, ma come detto piu' volte la salute per ora c'e' per cui ok cosi'.
Ricambio il concetto e la considerazione sull'amicizia che e' nata fra noi, e' vero da un punto di vista di frequentazione e' molto limitata, ma come augurio per il 2012 possiamo sempre dire che dobbiamo porre rimedio e intensificarla.
Auguri ciao

pm1996 hat gesagt:
Gesendet am 2. Januar 2012 um 13:31
È sempre bello avventurarsi anche senza meta e,poi visto il pranzetto..ma chi se ne frega della meta! !!Ciao e buon 2012

giorgio59m hat gesagt: RE:
Gesendet am 2. Januar 2012 um 16:22
Paolo, è rarissimo che torniamo nello stesso posto, se questo avviene è in inverno/estate, tanto la neve cambia tutto, oppure per far vedere un bel posto a qualcuno che è mancato (e questo succederà nel 2012 per alcuni tremila), oppure per una ciaspolata "sicura".
E' troppo bello (e spero di parlare a nome del gruppo) preparare più proposte, discuterle ed esaminarle assieme e decidere sempre assieme dove andare.
L' importante è divertirsi, una bella meta, vetta, rifugio o semplicemente una bella località sono la cilegina sulla torta ...................

bobi hat gesagt: Giro "fallito"
Gesendet am 7. Januar 2012 um 17:26
Caro Giorgio59
Avete fatto bene di tornare in tempo e anzi tutto, di non perdere la vostra allegria. Pero la Val Ambra vale sempre una escursione! Il sentiero di Monda, piu o meno sempre alla quota 900, in direzione Pozzo e Monte di Sopra e marcato bianco-rosso-bianco, ma le marcature sono in stato cattivo! Due anni fa, ma in estate, non era sempre ben facile di trovare il sentiero! Spezialmente sopra Monte Gip, si perde il sentiero e, traversando al modo dei camosci una ganna, si ritrova il sentiero dopo ca 300m.
Se voi preparare bene le tue escursioni in Svizzera, vai sul sito www.map.geo.admin.ch In alto a destra scegli "Italiano". Nel finestrino "Ricerca localita" srivi p.e. "Val Ambra". Nel elenco a sinistra scgegli "Infrastrutture e communicazioni", poi "Reti di trasporto" e poi "Sentieri escursionistici". In alto metti l'opacita a ca 40%, cosi che vedi meglio i sentieri originali della carta. Con "Mappa piu garnde" puoi chiudere l'elenco. Le Carte si puo stampare fino a A3, che, nella scala 1:25'000 e abbastanza per una escursione giornaliera. Se no, stampi la continuazione. E se necessario per ulteriori informazioni, poi cambiare dalle carta alla foto aerea, che danno certi detagli meglio che la carta. Pero per l'escursione, porto sempre solo la carta.
Cari saluti, buon 2012
Bobi47

giorgio59m hat gesagt: RE:Giro "fallito"
Gesendet am 7. Januar 2012 um 20:11
Grazie molte Bobi47.
Per correttezza il sito è
map.geo.admin.ch (senza il www davanti).
E' la carta che uso anche io, ed il sentiero che pensavamo di fare è proprio segnato !
Purtroppo non è ben segnato sul posto, o forse non è segnato per un passaggio invernale, quindi solo sui sassi e non su piante o paline.
Comunque grazie molte dell' informazione.
Sono sicuro che il posto merita di essere visitato, quindi ... ci torneremo di certo !
Sai per caso se il rifugio ai Tor è aperto e le chiavi sono appese? ciao e grazie

bobi hat gesagt: RE:Giro "fallito"
Gesendet am 10. Januar 2012 um 20:44
Ciao Giorgio
No, nella capanna Ai Tör non sono stato fin'ora. Secondo le informazioni nel internet, e proprieta del patriziato d'Iragna. E aperta da Maggio fino a ottobre. Per l'inverno ci vuole la chiave. Chiedere 079 227 18 26 o diretto dall'Italia +41 79 227 18 26.
Provi!
Bobi47


Kommentar hinzufügen»