Punta di Finale 3514 m


Publiziert von cristina , 22. September 2011 um 13:51.

Region: Welt » Italien » Trentino-Südtirol
Tour Datum:13 September 2011
Wandern Schwierigkeit: T4 - Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: I   A 
Strecke:Vernago-Rifugio Similaun-Giogo di Tisa-Giogo di Finale-Punta di Finale
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Dalla Val di Non salire al P.so delle Palade-proreseguire per Merano e imboccare strada per P.so Resia passato Naturno svoltare a dx ed entrare in Val Senale.
Kartennummer:Kompass - Val Senale

Avevamo adocchiato questo cima anni fa salendo al Similaun, ci era sembrata interessante e come tutte le cose messe nel cassetto prima o poi si tirano fuori.
 
Lasciamo l’auto a Vernago e risaliamo la splendida Val di Tisa fino al rifugio Similaun posto in una posizione spettacolare ai piedi del ghiacciaio del Similaun. La tentazione di tornare su quella cima ci sarebbe ma a parte che non siamo attrezzati con la giornata di oggi là sopra, ci sarà il mondo intero. La Punta di Finale meno gettonata ma altrettanto spettacolare è la nostra meta. Dietro il rifugio parte il sentiero di cresta che porta al Giogo di Tisa dove è stato posto un omettone con targa a ricordo del ritrovamento di Ötzi, l’uomo venuto dai ghiacci, anche se, di fatto, il ritrovamento vero e proprio è avvenuto qui vicino, tra l’altro tra pochi giorni si compiono i 10 anni dal ritrovamento. Dall’omettone, secondo i consigli ricevuti, seguiamo gli ometti e la traccia a dx, questi ci portano al Giogo di Finale, attraversiamo un breve tratto del ghiacciaio e arriviamo ai piedi della Punta di Finale. Qui notiamo degli ometti e raggiuntili vediamo un’altra traccia che porta direttamente al Giogo di Tisa evitando così il tratto di ghiacciaio. A questo punto seguendo i numerosi ometti e la traccia più o meno evidente arriviamo in cima, che fatica! Sicuramente meno faticoso il ghiacciaio, qui tra sali e scendi che ci beccheremo anche al ritorno e sti sassoni da giganti….bello però anzi bellissimo! La cima è tutta per noi, come pensavamo tutti al Similaun! Dopo una lunga sosta, si sta divinamente qui sopra e il panorama è eccezionale, sentiamo dei rumori sospetti, sta arrivando qualcuno per cui lasciamo la cima ai nuovi arrivati e ritorniamo sui nostri passi.
Al rifugio ci fermiamo a mangiare un boccone e ad ammirare lo spettacolo davanti a noi che lascia senza parole, non vorremmo mai tornare a valle, oggi vorrei che ci fossero delle ore in più per godere di tutto questo!
Ma ...si fa tardi e con calma cominciamo la discesa che come poche volte, anzi pochissime, non ci annoia, ci fermiamo spesso a fare foto, deviamo dal sentiero per andare a vedere i resti di quello che si pensa, essere un ricovero di pastori, “Il Labirinto o Chiocciola”. E poi giù con un altro bel anzi bellissimo ricordo!
 
Dati GPS:
Dislivello salita 1954
Km 12,08

Tourengänger: cristina

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T4 WS II
T4+ WS- II WS
WS I
14 Sep 11
Fineilspitze · GWu
T4+ L I
WS II
22 Sep 13
Finailspitze · mu88

Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

andrea62 hat gesagt:
Gesendet am 23. September 2011 um 21:46
Ciao, con la vostra gita ho visto che forse la Punta di Finale è alla mia portata. Come è classificabile il tratto roccioso finale? Di che grado è, auanto è esposto e ci sono delle attrezzature?
Grazie della vostra attenzione.
Andrea

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. September 2011 um 08:47
Fino al rifugio Similaun è una lunga e bellissima camminata. Dal rifugio parte la cresta che porta verso la punta qui trovi un tratto attrezzato che ti aiuta a scendere nella conca dove potresti trovare ancora neve anche in stagione avanzata. Dal Giogo di Tisa invece di fare come noi che siamo andati a dx seguendo traccia e ometti ma siamo poi stati costretti a risalire un tratto (breve) di ghiacciaio, puoi puntare a degli omettoni che vedi proprio dietro, in alto, al pilastro del Giogo di Tisa, basta superare dei sassoni deitro il pilastro e proseguire a vista di questi ometti poi trovi una bella traccia con ometti che risale ripidamente a prendere questi omettoni che se c'è visbilità sono ben evidenti. Da qui devi individuare gli altri ometti e la traccia che sale proprio di fronte a te, sono tutti blocchi di sassi di varie dimensioni, prioprio sotto la punta ci sono quei due tre passaggi dove mettere le mani, secondo me non vanno oltre il I° o poco più . La vista da lassù e spettacolare, ma tutta l'escursione merita. Faticosetta! Se ci andrai fammi sapere!

Ciao e buona montagna. Cri


Kommentar hinzufügen»