Piz Nair mt 3057


Publiziert von turistalpi Pro , 25. August 2011 um 14:56.

Region: Welt » Schweiz » Graubünden » Oberengadin
Tour Datum:24 August 2011
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GR 

Finalmente Pinuccia sta un poco meglio. Voglio fare un'uscita che dia a lei gioia e serenità ed anche poca fatica. Inizialmente decidiamo per il piz La Stretta dalla forcola di Livigno ma poi capisco che per le sue attuali condizioni il viaggio in auto è troppo lungo.Pinuccia quest'anno non è ancora salita al piz Nair e quindi le propongo questa nota cima plurisalita.Lasciamo l'auto al parcheggio privato dell'hotel Randolins (5 chf) e saliamo lungo la stradina che porta a Chantarella: è la strada dei gigli martagoni ma non se ne vede nemmeno uno perchè siamo troppo avanti con la stagione. Per non fare il solito percorso quando incrociamo la seggiovia del Truz saliamo diritti su pratoni ed arriviamo alla solita chamanna chiusa con bel terrazzo che è da sempre la nostra sosta internedia. A questo punto devo dire che è sempre meglio seguire il sentiero normale che passa dall'alp Giop: i tempi di arrivo alla chamanna sono praticamente gli stessi ma non salendo per il sentiero la fatica è notevolmente superiore (pratoni e ghiaie ripidi).Dopo la sosta prendiamo il solito sentiero ripido che costeggia il Nair Pitschen e ci porta sulla cresta est. Anche qui c'è da notare che salendo in stagione avanzata il sentiero nel punto sfasciumato è senz'altro tracciato meglio che all'inizio dell'estate, oltretutto quest'anno è stato marcato di nuovo.Saliamo lungo la piacevole cresta e guardando in alto non vedo più l'antenna ripetitore. Che strano! Arriviamo in vetta ed era meglio che ci fermavamo appena sotto all'albergo: In vetta  stanno facendo dei grossi lavori di cui non ho chiesto il motivo, fatto sta che c'è pochissimo spazio perchè è tutto un sottosopra di terra e cavi vari. Mangiamo al pianoro dell'albergo su una panchina al sole. Comunque la bruttura della attuale vetta non scalfisce nemmeno un pò la vista panoramica che si gode: è sempre mozzafiato! Scendiamo e stavolta per non ripetere sempre il pur bellissimo itinerario della val Suvretta seguiamo il sentierino a mezzacosta negli sfasciumi che ci porta alla fuorcla Schlattain sul versante nord. Poi lungo il sentiero abbiamo modo di vedere la valletta Schlattain dai colori contrastanti: a destra gli scisti neri del Nair, a sinistra le rocce calcaree della forca e pizzo Gluna. Ed intanto si sono alzate le nuvole e sopratutto il vento abbastanza continuo. Giunti a Corviglia seguiamo la stradina e poi il sentiero sino ad piccola costruzione di servizio sul cui terrazzino sostiamo. Riprendiamo la discesa lungo il sentiero normale ricco di marmotte ed in basso sui primi pini di scoiattoli ed arriviamo all'hotel Randolins dove abbiamo l'auto. Anche se ero già salito il 19 giugno di quest'anno sono contento di aver risalito il piz Nair per aver visto la contentezza aleggiare sul viso di Pinuccia (per Billie invece no problem: è sempre contenta perchè sa che in montagna ci sono per lei tante leccornie) anche se ha faticato un pò perchè è più di 15 giorni che non cammina in montagna.

Tourengänger: turistalpi

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (1)


Kommentar hinzufügen

Amedeo hat gesagt:
Gesendet am 25. August 2011 um 16:25
Posti che non conosco.....e che annoto per l'anno prossimo.........bella escursione e belle foto
Ciao
Amedeo


Kommentar hinzufügen»