Grand Canyon National Park (South Rim)


Publiziert von ale84 , 7. August 2011 um 18:08.

Region: Welt » United States » Arizona
Tour Datum: 5 Juni 2011
Wandern Schwierigkeit: T1 - Wandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: USA 
Zeitbedarf: 2 Tage
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Grand Canyon National Park
Unterkunftmöglichkeiten:Grand Canyon Inn, Valle AZ

Finalmente la nostra vacanzona "on the road" è iniziata, dopo tanti mesi di preparativi siamo finalmente approdati nel wild wild west degli Stati Uniti prontissimi per l'avventura!

Qualche numero legato a questa vacanza:
- 3 settimane e un po'... (24 giorni);
- 3 grosse città: Los Angeles, Las Vegas e S. Francisco;
- 8 parchi nazionali: Grand Canyon NP, Mesa Verde NP, Canyonlands NP, Arches NP, Bryce
  Canyon NP, Zion NP, Death Valley NP e Yosemite NP;
- 2 parchi "minori": Monument Valley Navajo Tribal Park e Dead Horse Point State Park;
- 6 Stati toccati: California, Arizona, Colorado, New Mexico, Utah e Nevada;
- 45°C la temperatura massima sfiorata nella Death Valley;
- 24/24 i giorni SUNNY (in barba all'estate ticinese!!);
- 3'031 m.s.m. l'altezza massima raggiunta (Tioga Pass);
- -86 m. sotto il livello del mare, l'altezza minima toccata (Bad Water - Death Valley);
- 5'300 circa i chilometri percorsi in automobile.

E potrei andare avanti elencando altri dati ma le informazioni diventerebbero così tante che non finirei più di scrivere, sta di fatto che in questo mese di giugno 2011 abbiamo visto moltissime cose che difficilmente dimenticheremo! Gli scenari offerti dalla natura in questa regione degli Stati Uniti sono davvero mozzafiato, primo tra tutti quello regalatoci dal Parco Nazionale per eccellenza dell'Arizona ovvero il Grand Canyon National Park, una meraviglia protetta dall'UNESCO e diventata Patrimonio dell'umanità.
Abbiamo potuto dedicare tre giorni quasi pieni alla visita del Grand Canyon National Park, due giorni nel South Rim (estremità sud) e uno al North Rim (estremità nord del "grande buco").
Le due sponde del canyon distano circa 16km in linea d'aria ma per andare da una parte all'altra in automobile bisogna percorrere quasi 330km di strade in mezzo al deserto più assoluto. Per farlo ci vuole una buona mezza giornata di spostamento, motivo per il quale il turismo si concentra maggiormente nel South Rim. Le statistiche dicono che solamente il 10% dei visitatori del South Rim si dirigono poi anche al nord...e noi saremo tra quel 10%!
È inutile che ora stia qui a scrivere romanzi sulla storia del Grand Canyon e la sua bellezza, quest'ultima non è nemmeno descrivibile a parole...bisogna vederlo di persona! Basti dire che il fiume Colorado in milioni di anni ha creato un enorme capolavoro che ha lasciato, e continuerà a lasciare, migliaia di persone a bocca aperta. Molte informazioni sul Grand Canyon le potete trovare al sito ufficiale del parco nazionale, alcuni PDF sono scaricabili pure in lingua italiana. Le informazioni raccolte in internet su questo sito prima di partire ci sono state molto utili e non abbiamo avuto alcun problema a muoverci una volta arrivati sul posto, l'organizzazione in loco è impeccabile e in caso di necessità vi è sempre l'Information Center oppure i Rangers del parco ai quali porre domande. Questo discorso vale per quasi tutti i parchi nazionali che abbiamo visitato. Per accedere ai parchi nazionali si paga una tassa, noi per 80$ abbiamo acquistato il pass annuale che dà accesso a tutti i parchi nazionali degli USA. Soluzione conveniente per chi intende visitarne diversi.

Al 4° giorno, domenica 5 giugno 2011, la nostra vacanzona è entrata nel vivo con l'arrivo al Grand Canyon National Park che abbiamo immediatamente visitato. Le temperature ad inizio giugno non sono ancora proibitive ma abbiamo subito escluso qualsiasi tour all'interno del canyon, infatti se al margine dello stesso ci sono 30°C è molto probabile che all'interno la temperatura salga fino a 40°C...mia bel! In fondo vi sono altre possibilità per visitare la zona e così abbiamo deciso di dedicare le prime quattro ore al percorso della Hermits Rest Route. La Hermits Rest Route è una strada che si srotola a ovest per 11km sul margine del canyon dal Grand Canyon Village fino a Hermits Rest, lungo la stessa vi sono 9 punti panoramici ai quali si arriva a piedi seguendo il Rim Trail oppure prendendo il Free Shuttle del parco che scarrozza gratuitamente i turisti da un punto all'altro, l'accesso in automobile nei mesi estivi è vietato su questa strada. Noi per questioni di tempo abbiamo deciso di prendere lo shuttle e farci qualche tratta a piedi e altre in bus, per finire ci siamo fermati a quasi tutti i punti panoramici. Spettacolo, spettacolo, spettacolo...nient'altro da aggiungere! Vedere per credere...
Sebbene sia stato un privilegio destinato forse a pochi, devo dire che l'incontro ravvicinato con un serpente a sonagli è stato tutt'altro che piacevole! Grande spavento e col senno di poi anche grande fortuna...queste mica sono come le nostre vipere casalinghe, se mi avesse morso avrei rischiato grosso! Non pensavamo ne avremmo vista una così vicina al sentiero e in un posto tanto frequentato, girava davvero molta gente eppure se ne stava lì a manco 2 metri dalla mia caviglia! Fortunatamente dopo aver "sonagliato" se l'è svignata tra i cespugli ma prima che scomparisse sono riuscita a scattargli una foto! Ricordino della vacanza! :-)

Dedichiamo la visita successiva alla Yavapai Observation Station, una piccola costruzione di pietre a picco sul canyon che si trova a est del Grand Canyon Village, c'è un parecheggio e vi si arriva con la propria auto. All'intero di questa piccola struttura è allestito un museo con dei plastici che illustrano la storia geologica del Grand Canyon.
Alle 19:00 dopo un'intensa giornata di esplorazione abbiamo preso posto sulla scarpata esterna dello Yavapai per assistere al tramonto sul Grand Canyon, uno spettacolo che non potevamo farci mancare!
Nonostante la stanchezza ne è valsa davvero la pena, con noi molte altre persone che composte e in un silenzio quasi surreale hanno atteso per un'ora che il sole calasse fino al buio totale, a quel punto è scattato un applauso a Madre Natura...indimenticabile! Rimasti al buio ci siamo avviati alla nostra auto e ci siamo diretti al nostro motel, il Grand Canyon Inn di Valle a circa 50km di distanza dal parco nazionale.
C'è voluta quasi un'ora di guida per arrivare a destinazione, infatti abbiamo moderato la velocità per paura di investire qualche cervo gigante.

Giorno 5, lunedì 6 giugno 2011, la giornata sebbene serena e soleggiata è stata guastata da un fortissimo vento che ci ha impedito di fare il volo panoramico in elicottero sul Grand Canyon che avevamo riservato! Mannaggia! Prima di dedicarci ad un'ulteriore visita del parco ci siamo fermati a Tusayan, località vicina all'entrata del parco nazionale, per vedere un bel filmato di circa 45 minuti sul Grand Canyon al cinema IMAX. In tarda mattinata ci siamo poi spostati al Grand Canyon Village dove abbiamo preso nuovamente lo shuttle per andare al punto panoramico di Yaki Point sull'Est Rim, non accessibile in automobile. Terminata la visita a Yaki Point siamo tornati al Village, abbiamo ripreso la nostra auto e abbiamo imboccato la strada panoramica chiamata Desert View Drive.
La Desert View Drive è una strada carrozzabile lunga circa 40km, collega il Grand Canyon Village alla torre di Desert View sull'Est Rim, è percorribile con i free shuttle del parco o con l'auto privata, sulla strada vi sono 6 punti panoramici e noi per finire ci siamo fermati quasi a ciascuno scattando foto a più non posso.
Il vento ha rotto le scatole anche durante la visita, in auto si moriva dal caldo mentre fuori bisognava coprirsi per il freddo! Ad ogni modo è stata un'altra fantastica esperienza. Terminata la visita all'interno della torre di Desert View (dentro oltre a delle pitture indiane c'è il solito negozietto acchiappaturisti) abbiamo definitivamente lasciato il South Rim del Grand Canyon per dirigerci a nord verso Marble Canyon, luogo dove abbiamo fatto tappa per la notte (anche perché non c'erano molte altre possibilità, in mezzo al deserto non c'è nulla!!) prima di dirigerci al North Rim il giorno successivo.

Beh che dire? Momenti magici, viste mozzafiato, giornate stupende, tutto memorabile!
Spero di aver scelto delle belle foto, operazione davvero difficile dato che ne abbiamo scattate a centinaia e mi sembravano tutte super...specialmente quelle di Mauro!

Altre foto degli USA sul sito personale di Mauro78: Ariafina




Tourengänger: ale84, Mauro78


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

heliS hat gesagt: Che meraviglia ...
Gesendet am 8. August 2011 um 11:33
Sono ben pochi i viaggi che in questo periodo mi fanno invidia ... questo è in pool position :)
Complimenti per la scelta
S.

ale84 hat gesagt: RE:Che meraviglia ...
Gesendet am 9. August 2011 um 13:29
Ciao Silvia,
ti ringrazio per i complimenti.
Beh io provo una certa invidia per le tue imprese alpinistiche e le belle cime che riesci a salire!
Complimenti per il Disgrazia!
Saluti e buona montagna,
Ale


Kommentar hinzufügen»