Sassariente (1767m)- Cima di Sassello (1891m)


Publiziert von morgan , 29. Juli 2011 um 18:09.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:23 Juli 2011
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Cima dell'Uomo 
Zeitbedarf: 3:15
Aufstieg: 920 m
Abstieg: 920 m
Strecke:Monti della Motta (1101)- Monti Bared (1210)- Monti di Gola Secca (1296)- Alpe Foppiana (1495)- Pizzo Sassariente (1767)- Muraglia dei Polacchi- Cima di Sassello (1891)- Alpe di Sassello (1673)- Cappella di Santa Maria (1498)- Monti della Gana (1286)- Monti della Motta.
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Andare in direzione di Locarno, alla rotonda sulla Piana di Magadino prendere la direzione di Gordola e Val Verzasca, Prima di Gordona prendere la direzione di Bellinzona, a Cugnasco svoltare a sinistra per Monti Motti, proseguire fino alla sbarra sulla strada per i Monti di Gana

Escursione su due panoramiche e vicine cime vicine affacciate sulla Piana di Magadino. Il Pizzo Sassariente è caratterizzato dalla presenza di una grande croce  sulla cima e da una passerella di legno che facilita l'ascensione. La peculiarità della Cima di Sassello è il Muro dei Polacchi, muraglia costruita nel dopoguerra dagli internati polacchi sulla cresta sud-ovest. La muraglia è quasi interamente percorribile. Lascio la macchina ai Monti della Motta (1101) in uno spiazzo poco prima del cartello di divieto sulla strada per i Monti di Gana. Non ci sono cartelli dei sentieri, comunque parto su un comodo sentiero che si inoltra nel bosco. Un lungo traverso con dolci pendenze mi porta ai Monti Bared (1210). Dopo un cambio di direzione e un altro traverso arrivo ai Monti di Gola Secca (1296). Continuo la marcia e raggiungo i prati dell'Alpe di Foppiana (1495). Proseguo, ora tra i pini, sul sentiero che si fa ripido, risale la costa e sbuca su una sella affacciata alla Valle della Porta. Attraverso una breccia in una muraglia e arrivo alla base dello sperone roccioso del Sassariente. Il sentiero si abbassa di una ventina di metri per raggiungere una solida passerella. L'ultima volta che ero salito su questa cima la passerella non c'era e la salita era agevolata da scalini e corde di canapa. L'aiuto di questa struttura agevola notevolmente l'ascensione e in pochi minuti sono sulla vetta del Pizzo Sassariente (1767). Dopo qualche foto, riprendo la via. Torno sui miei passi fino alla breccia nel muro che avevo attraversato prima. Da lì prende avvio il percorso sul muro. Percorro la muraglia quasi integralmente, la devo abbandonare in alcuni punti dove il muro è crollato o in punti ostici dove proseguo lateralmente. Raggiungo la Cima di Sassello (1891). Il tempo sta cambiando e la pioggia è in arrivo, non perdo tempo e comincio rapidamente la discesa. Mi dirigo, seguendo la cresta in direzione della Forcola. Devio a destra su un ampio sentiero (non segnato) e arrivo all'Alpe di Sassello (1673). Continuo la veloce discesa nel bosco e, passata la Cappella di S.Maria (1498), arrivo ai Monti della Gana (1286), dove c'è la strada asfaltata che mi riporta ai Monti della Motta.
Partecipanti: Dario
Tempi di percorrenza: 1h20' al Sassariente, 2h15' al Sassello, 3h17' tutto il giro (comprese le brevi soste)
Lunghezza del percorso: 11,1km
Meteo: Variabile

Tourengänger: morgan


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»