Mont Avril (3346.9 m)


Publiziert von Sky , 9. Mai 2011 um 15:07.

Region: Welt » Italien » Aostatal
Tour Datum: 8 Mai 2011
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT3 - Anspruchsvolle Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-VS   I 
Aufstieg: 1794 m
Abstieg: 1794 m

Pensavo al Mont Avril in solitaria da quando, lo scorso settembre, sono andato alla Tête Blanche de By. Lì sono stato due giorni, dormendo al rifugio Chiarella, il Mont Avril invece non ha un rifugio di appoggio, e quindi bisogna inevitabilmente salire e scendere in giornata. Ora, con 8 mesi di allenamento alle spalle, mi sento in grado di provarci. 1800 metri di dislivello ed una ventina di km di percorso. Le previsioni per oggi sono (abbastanza) belle (sole 50-80% secondo meteosvizzera), salvo cambiare (in peggio) ieri sera – ma ormai la meta era decisa.. con tutta la sua adrenalina.. ma sì, proviamo ! Il Mont Avril – così come la Tête Blanche – sono due cime che mi attirano perché non hanno difficoltà di sorta e sono di fronte a montagne a cui sono affezionato (le alpi Vallesane).

Se conosco perfettamente il percorso, descritto nella “Guide des Alpes Valaisannes 2” di M. Brandt, ignoro completamente lo stato della neve che andrò a trovare. Tre settimane fa, in bergamasca, ho trovato neve (fresca) sopra i 2000 m. Qui si va da 1500 a 3300.. però è passato del tempo.. Boh. Per non saper né leggere né scrivere.. porto tutto : scarponi, ramponi, piccozza e ciaspole ! Ho paura di trovare un lungo tratto di neve primaverile, che ancora non conosco bene.. Vabbè, si parte !

Sveglia alle 3.15, in modo da arrivare a Glacier per le 7. E così è. Al parcheggio ci sono solo io. Parto. Cerco di dosare le forze, che mi serviranno per tutta la giornata. Il cardiofrequenzimetro mi dà una mano. Il tempo non è molto bello, ma spero di arrivare in cima prima che peggiori.. Salgo per il sentiero del bivacco Regondi, che abbandono per dirigermi lungo il vastissimo Plan du Breuil. Lì non seguo più nessun sentiero, ma punto all’alpeggio di Thoules. Ogni tanto mi tocca superare delle chiazze di neve, in cui regolarmente sprofondo.. Dopo l’alpeggio il sentiero si inerpicherebbe su un pendio innevato abbastanza ripido. Decido quindi di salire in linea diretta. Devo scegliere tra ciaspole e ramponi. Visti gli sprofondamenti, opto per le prime (con in mano la piccozza, comunque). La neve tiene bene. Superato il pendio, incontro nuovamente il sentiero che, tranne alcuni brevi tratti innevati, seguo fino al Lac Fenêtre, come mi aspettavo completamente ghiacciato. Per raggiungere il colle, invece che seguire il sentiero che incontra alcuni nevai a mezza costa (cosa che non mi piace), preferisco puntare anche in questo caso dritto, sempre con le ciaspole. Sul pendio, che risalgo lungo la linea di massima pendenza, incontro, sbiadita, l’unica traccia (di uno scialpinista) di tutta la vallata. Per il resto, non incontro nessuno, né alcuna impronta nella neve. Evidentemente sono l’unico che sale in invernale il Mont Avril ! La salita finale alla Fenêtre  de Durand è divertente, la neve è perfetta, compatta, i ramponi delle ciaspole prendono benissimo. Tolgo le ciaspole. La cresta del Mont Avril è completamente scoperta. Il tempo nel frattempo peggiora.. dalla Fenêtre  soffia dentro un vento forte.. e mi accompagna per tutta la prima parte della salita al Mont Avril, che in certi momenti si nasconde nella nube.. Faccio un po’ fatica.. Forse sono sovrallenato ? O forse semplicemente i 1200 m di dislivello fino alla Fenêtre  si fanno sentire.. Ad ogni modo, me la prendo con calma, fermandomi ogni volta che mi sento stanco.. Non c’è fretta.. Supero i 3000.. Incomincio a contare i metri di dislivello che mancano.. 300.. 150.. Per due volte devo calzare le ciaspole.. ci sono un paio di nevai che non riesco ad aggirare, il primo anche un po’ problematico, essendo in traverso con neve che non tiene. Alla fine, a 2 ore dalla Fenêtre, arrivo in vetta ! Sì ! Stavolta niente mi toglie la mia meta ! Mi sono scelto una meta senza difficoltà tecniche, ma di tutto rispetto, un 3300 ! Per un colpo di fortuna, le nuvole si aprono un po’, per il tempo che resto in vetta, anche se sua maestà il Grand Combin rimane nascosto, e così anche i monti più lontani. Faccio un po’ di foto di vetta.. sono come un bambino.. Mi posso trattenere più a lungo di quello che pensavo (il tempo sembrava non promettere bene). La discesa è assolutamente tranquilla. Seguo il sentiero, che dall’alto risulta, come sempre accade, facile da individuare. Riesco anche a evitare il nevaio che non mi era piaciuto in salita.. però finisco in un canalino.. Con tutta calma, lo supero.. La neve sotto il colle si è smollata, ma non più di tanto.. è ancora divertente scendere con le ciaspole ! L’ultimo nevaio, quello sopra l’alpeggio, ha la neve più molle.. lì le ciaspole veramente non tengono.. ma non c’è alcun pericolo.. con 2 o 3 scivoloni arrivo giù ! A questo punto posso mettere via definitivamente le ciaspole : è la settima volta, anche per questo ci ho messo tanto a salire.. sarebbe stato più facile metterle all’inizio e non toglierle più.. Per la discesa torno alle vecchie abitudini.. niente anello.. ci metterei troppo a girare da By, solo per il gusto di fare un altro percorso..  che peraltro conosco già ! Scendo di corsa. Arrivo alla macchina provato, ma decisamente soddisfatto. Peccato per il tempo.. sarà per un’altra volta ! Anzi, la prossima sarà il Mont Gelè, non appena avrò la tecnica per salirlo !

Tempo totale : 10h17m
Distanza : 20.7 km

Tourengänger: Sky

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

lumi hat gesagt: COMPLIMENTI
Gesendet am 9. Mai 2011 um 15:29
Caspita...perdonami..., ma sono invidiosa....sembra anche questa una cima da favola. Cerco di aggiungerla a breve anche nel mio bagaglio montanaro:)
Complimenti anche per il racconto….sembra un film ‘’vivente’’ …come fossi anche io parte dell’azione ….delle foto…non se ne parla più….sono stupende!!!
Ciao,
Lumi

Sky hat gesagt: RE:COMPLIMENTI
Gesendet am 12. Mai 2011 um 21:37
Se ci andrai, ti auguro di trovare una giornata molto bella (io questa volta non sono stato fortunato..) perchè il panorama è veramente maestoso.. l'imponente Grand Combin a un tiro di schioppo, lingue glaciali e seracchi da ogni dove, tutte le cime delle Alpi Vallesane..
Merita assolutamente..
Ciao, Luke

gebre hat gesagt: Grande!
Gesendet am 9. Mai 2011 um 23:49
Ti faccio i complimenti, non è da tutti fare quello che hai fatto in solitario!

Ciao
Alberto

Sky hat gesagt: RE:Grande!
Gesendet am 12. Mai 2011 um 21:33
Grazie !
Ricevere complimenti da un grande come te fa ancora più piacere..!
Ciao, Luca

grandemago hat gesagt:
Gesendet am 10. Mai 2011 um 17:38
Bravo Luca!

Ciao
Aldo

Laura. hat gesagt:
Gesendet am 24. September 2011 um 10:11
wow...punto.


Kommentar hinzufügen»