Lago di Sauris - Rifugio Emblateribm


Publiziert von alpin , 9. Januar 2006 um 23:09.

Region: Welt » Italien » Friaul-Julisch Venetien
Tour Datum: 7 Januar 2006
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 451 m
Abstieg: 451 m
Strecke:Lago di Sauris (La Maina) - rifugio Emblateribm
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Tolmezzo (UD) si imbocca la S.S. n. 52 per il Passo della Mauria. Giunti ad Ampezzo (UD) si seguono le indicazioni per Sauris (bivio sulla sinistra provenendo da Tolmezzo) e quindi si sale lungo la strada provinciale che percorre la Valle del Lumiei, sino a raggiungere ladiga del lago di Sauris. Si prosegue sino a raggiungere la località La Maina e quindi la partenza del sentiero del Gruagno, segnalata da un cartello bianco con scritte rosse posto sulla destra della strada per chi sale.
Zufahrt zum Ankunftspunkt:Dal sentiero descritto oppure dal paese di Lateis o di Sauris di Sotto lungo strade forestali.
Unterkunftmöglichkeiten:A Sauris di Sopra e Sauris di Sotto sono presenti numerose strutture ricettive (alberghi e affittacamere). Anche presso il rifugio Emblateribm c'è la possibilità di alloggiare.
Kartennummer:Tabacco 1:25.000 foglio n. 2

Si imbocca il sentiero del Gruagno (q. 990 m circa) che sale percorrendo una evidente strada che tocca numerose case e baite di montagna in legno. Si raggiunge in breve l'ultima casa a due piani, caratteristica per la mancanza di intonaco e i mattoni faccia a vista (casa Mortar Sbont, q. 1.123 m). Lasciata la casa sulla destra si prosegue lungo il versante raggiungendo i ruderi di un edificio e quindi il soprastante bivio evidenziato dai cartelli indicatori delle passeggate. In ogni caso sulla sinistra si trovano dei pali di sostegno per dei cavi elettrici che formano una caratteristica Y in mezzo al prato innevato. Poco più avanti si vedono i primi segnavia giallo blu che ci accompagnano lungo tutto il tracciato. Si prende la massima pendenza lungo l'unica dorsale evidente in cui si intravede la traccia di un percorso che sale con alcuni tornanti. Si raggiunge un primo falsopiano nel bosco rado e spostandosi verso sinistra si taglia diagonalmente il versante sino a raggiungere un vasto pascolo presente sotto allo stavoli Mott (q. 1.222 m): si deve attraversare tutto il prato in direzione nord rimanendo sotto allo stavoli per raggiungere la traccia di sentiero che prosegue in mezzo al bosco. Da qui è più facile seguire l'evidente traccia che prosegue più o meno a mezza costa, passando vicino a un'opera di presa dell'acqua e raggiungendo quindi l'attraversamento di un corso d'acqua. Qui si deve prestare attenzione: numerosi sassi sul fondo e sulla sponda opposta il sentiero è franato, rendendo un pò impervia la risalita sul versante opposto. Da qui in poi si seguono i segnavia presenti sulle piante e la traccia evidente anche in inverno, salendo con lunghi traversi e alcuni tornanti in mezzo al bosco. Si raggiunge in breve la sommità della dorsale (q. 1.322 m circa) e quindi si prosegue lungo la stessa sinoa una piccola insellatura che ci porta sul versante opposto: dopo pochi metri si lascia il sentiero che continuerebbe in quota, per salire lungo una piccola dorsale che rggiunge la soprastante strada forestale, evidenziata per la presenza di una palificata di sostegno in legno presente sul lato a valle. Da qui in poi il percorso è molto semplice: si segue la strada forestale sino a giungere ad un primo bivio con un'altra strada proveniente da destra (direzione baita Minigher) e poi al successivo bivio in vista del rifugio. Si prende a destra salendo in breve sino alla strada di accesso al rifugio: si gira a sinistra e in poco si raggiunge il rifugio Emblateribm (q. 1.441 m).
Il ritorno lungo lo stesso percorso. Il tempo è calcolato per la sola andata: il ritorno si effettua in circa 1,5 ore.

Tourengänger: alpin

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»