"Trek dei Sogni "Anello mancato, troppa neve.


Publiziert von Francesco , 9. November 2010 um 08:22. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum: 6 November 2010
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Hochtouren Schwierigkeit: WS-
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Rosso di Ribia   CH-TI 
Zeitbedarf: 6:00
Aufstieg: 1342 m
Abstieg: 1342 m
Strecke:Trattoria Zoot m. 990 ,Pièi (1089 m) – Alpe del Pianaccio 1587 m – rifugio Alpe Ribia 1996 m – quota 2240 m – quot 2150Rit: quota 2240,capanna Alpe Ribia,Pianaccio, trattoria Zoot.
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Chiasso Autostrada per San, Gottardo, uscita Bellinzona sud\Locarno,Vallemaggia\Centovalli, Onsernone, percorrere la lunga strada stretta, al bivio svoltare a dx per Vergeletto, dopo ca. 7 km parcheggiare lato dx strada localita', Geira,Trattoria Zoot m. 998.
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Alpe Ribia.
Kartennummer:1291 Bosco Gurin – 1311 Comologno

COMMENTO DI FRANCESCO::Trekking nella Val Vergeletto. Si tratta di un trekking molto duro che permette di scoprire uno dei più bei rifugi del Ticino, situato in una zona assolutamente selvaggia. Trekking tratto da: "La montagna in tasca - Vol. 1"
Erano qs le Ns. intenzioni, purtroppo mancate causa troppa neve.
 L'itinerario parte con delle indicazioni Alpe Ribia 3 ore. In circa 10 minuti si giunge a Pièi (1089 m) un bel agglomerato di rustici riattati posti sul pianoro da cui parte il ripido sentiero immerso nel bosco.  Dopo quasi 1h. 20  di cammino, immersi nel bosco e su un sentiero a volte non molto chiaro ma comunque sempre evidente da seguire, si raggiunge il vasto pianoro dell’Alpe del Piancaccio (1587 m); esso è completamente abbandonato ma, dal suo terrazzo si gode un'ampia visibilita nella valle.
. Il bosco scompare per lasciare posto ai rododendri e alle rocce mentre l’erba la si trova fino al rifugio. Ad un certo punto, alla quota 1800 metri circa, si deve attraversare il Rio di Ribia per continuare a salire tra i pendii cespugliosi, costeggiando sempre il torrente iniziano la prime tracce di neve che man mano diventano sempre piu' evidenti, fino a vedere il rifugio situato poco sopra; un’ultimo sforzo in salita e si giunge infine al pianoro delle cascine Dell'Alpe Ribia m. 1996.
Si tratta di uno dei più bei rifugi del Ticino posto in un luogo che merita di essere visitato per le zone umide di Pirot ed  Il Rosso di Ribia, cima che sovrasta l’Alpe, è composto da due possenti alture (2545 m. e 2541 m)
Dopo una piccola sosta proseguiamo, il sentiero scompare sotto la neve ed i bolli bianco\rossi diventano invisibili, distratti da una traccia di due escursionisti che ci precedevano e dalla prima neve,trascuriamo  il traverso  a Q 2100 ,bivio per il ns. giro ad anello,subito ci siamo accorti ma,proseguiamo ,sul lato n\o intravediamo un'ometto con una palina molto distandi, normalmente lo si raggiunge in 40  minuti,noi  con fatica abbiam impiegato 1.30 h. ,raggiungiamo il passo Q2240, la neve supera i 50 cm e si sprofonda,  tentiamo il ns. anello scendendo verso  L'alpe Categn  per poi riportarci nella valle dell'albezzona e infine a Zardin... ma, dopo aver perso ca. 100 m. di quota , il rischio di commettere qualche errore è troppo elevato, decidiamo di ritornare sui ns. passi. Anello fallito!!!
Alle h. 13. siamo alla capanna Alpe Ribia:, stanchi , bagnati,affamati ma comunque contenti dell'avventura non sempre scontata.
Dopo esserci riposati e ristorati, riprendiamo la strada del ritorno, h. 14.30 che in ca. 2 h. ci riporta alla ns. auto.

 VISTA DA MASSIMO:
Quale migliore angolo per dare l’arrivederci agli splendidi colori autunnali che lasceranno presto il posto al candore della neve.
Ottima scelta quella dell’amico Francesco che propone questo anello in Val Vergeletto, posto ideale per farsi una bella escursione in un ambiente selvaggio dove la presenza dell’uomo non ha ancora contaminato quanto di bello la natura ci offre.
Il tratto da noi percorso non presenta alcuna difficoltà tecnica ma fino alla capanna è molto ripido e fatto in questa stagione presenta delle insidie; nella parte nel bosco bisogna fare attenzione a non scivolare sulle pietre coperte dalle foglie cadute in abbondanza dagli alberi ormai spogli mentre in alto bisogna fare attenzione alla presenza di parecchia neve ( almeno 40 cm ).
Guardando la cartina comodamente seduto sul divano la sera ho scoperto che anche dal passo a 2240m. l’anello era fattibile scendendo a Categn, passando per Fumegn e facendo ritorno a Zardin ma sono sempre più convinto che al momento abbiamo effettuato la scelta più saggia visto che nessuno di noi conosceva il percorso e non potevamo sapere quali insidie potesse nascondere; i bolli non erano visibili causa la presenza di  neve e non vi era alcuna traccia che scendesse verso quella vallata; inoltre le ore di luce sono ormai limitate in questo periodo
E’ comunque stata un’ottima giornata allietata dalla presenza di un caldo sole autunnale e terminata alla capanna Ribia con la nostra solita pausa pranzo, nelle quali ci cimentiamo alla ricerca di sfiziosità che facciano la gioia delle nostre gole……….


.

Tourengänger: Francesco, Massimo


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

Jules hat gesagt:
Gesendet am 9. November 2010 um 10:38
Ciao Francesco e Max,
complimenti per la vostra sgambata non da poco! Quella valle non la conosco proprio, e il vostro rapporto mi ha fatto venire voglia di visitarla, prima o poi!

Francesco hat gesagt: RE:
Gesendet am 9. November 2010 um 11:34
Ciao Giulio, e grazie. Anche per me e Max è rimasta incompiuta, la rifaremo l'anno prox senza neve ma salendo da Zardin, cioè al contrario.

tapio hat gesagt:
Gesendet am 9. November 2010 um 16:31
Ciao Francesco e Max, devo ripetere anch'io le stesse parole di Giulio: quella valle non la conosco (se si esclude un pic-nic due anni fa) e mi avete incuriosito. Però vorrei aspettare che la neve si sciolga...
Complimenti a voi!

Massimo hat gesagt: RE:
Gesendet am 9. November 2010 um 21:58
Ciao Fabio e Giulio;
vi consiglio vivamente un'escursione in questa valle e la vostra curiosità sarà ripagata da splendidi scenari. Per conto mio il momento migliore è il mese di ottobre oppure a tarda primavera con la fioritura dei rododendri.

Complimenti anche a voi per le vostre escursioni.
Max

Seeger Pro hat gesagt: Neve alla Ribia
Gesendet am 10. November 2010 um 08:32
Ciao Francesco e Massimo
Sempre bello. E fantastica cascina.
Anche con 180cm neve :-))
http://www.hikr.org/gallery/photo116389.html?post_id=12715#1
Cari saluti
Andreas

Francesco hat gesagt: RE:Neve alla Ribia
Gesendet am 10. November 2010 um 08:48
Ciao Andreas, hai ragione il Ticino è fantastico. Prima di andare in qualche nuova localita' guardo sempre le tue relazioni, anche quella con 180 cm di neve. Complimenti per la tua tenacia.
Un caro saluto anche da Massimo.


Kommentar hinzufügen»