Capanna Efra e Lago d' Efra


Publiziert von giorgio59m , 28. September 2010 um 10:43. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:26 September 2010
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Cima di Gagnone   Gruppo Madöm Gross   CH-TI 
Zeitbedarf: 5:45
Aufstieg: 1200 m
Strecke:Parcheggio chiesa di Frasco ( Val Verzasca ) Q880 - Alpe d' Efra Q1690 - Lago d' Efra Q1847 - Capanna d' Efra Q2045 (Pranzo) - ritorno dalla stessa via
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada per la Milano - Como - Chiasso - Svizzera, passare il confine e proseguire verso nord (verso il Gottardo). Oltrepassare Lugano, la galleria del MonteCeneri, uscire a Bellinzona - Locarno. Seguire per Locarno. Prima di raggiungere Locarno, seguire le indicazioni per "Val Verzasca". Si sale, passando a ridosso della grande diga del Lago di Vogorno, si scosteggia tutto il lago e si prosegue verso l' alta valle. Si raggiunge Frasco e si parcheggia su uno dei dei lati della grande chiesa che si trova sulla strada (ampio parcheggio). Si attraversa la strada e si trovano subito cartelloni e segnaletica per il Lago d' Efra e la Capanna d' Efra, e per il sentieri dell' Alta Via Verzaschese.

Doveva essere una relazione scritta a 4 mani, e la prima escursione con l’ amico Nino ad una gran vetta, ma il meteo e la neve ci ha messo lo zampino … e alla fine noi e Up, separati, ognuno con il suo laghetto.

Il gruppo è ridotto al minimo, decimato dall’ influenza e raffreddori vari, partiamo in tre, cercando una meta sotto i duemila, per evitare di pestare neve, decidiamo di salire al lago d’ Efra, nella bella Val Verzasca.

Parcheggiato alla chiesa di Frasco, iniziano subito le indicazioni per la  Capanna Efra, il lago d’ Efra e l’ alta Via Verzaschese.
Spendo subito due parole sul sentiero, tenuto, marcato e preparato in maniera ineccepibile, numerosissimi i gradini di pietra e legno, molti bloccati da tondini in ferro, segno un grande lavoro, complimenti alla SEV.

Dalla chiesa si attraversa la strada e si iniza a salire, subito la prima indicazione: Alpe d’ Efra 2h:35, Lago d’ Efra 3h:10, Capanna Efra 3h:40. Anche se il percorso non presenta alcuna particolare difficoltà, si capisce subito che non è una passeggiata, ma una escursione impegnativa, si parte da 880mt, circa 1000mt di dislivello al lago e poco meno di 1200mt alla capanna.

Si percorre per qualche centinaio di metri la strada asfaltata che confina con le case alte del paese, poi inizia il percorso nel bosco, che sale con poca pendenza e fatica, a fianco del torrente Riale d’ Efra che scorre con cascate e vasche d’ acqua cristallina nella stretta vallata. In alto splende il sole e rende ancora più brillanti le varie vette bianche della prima neve d’ autunno.

Quasi a quota 1200mt, il torrente si divide in due grandi cascate (o meglio una lunga serie di cascate che meritano una pausa), il sentiero attraversa la prima e sale con una lunghissima serie di tornanti, in boschi di betulle, poi faggio ed infine di larice.

A quota 1690mt il bosco si dirada, al’ Alpe d’ Efra, si apre la vista verso il fondo valle, la vallata opposta. C’e’ anche un’ artistica fontana d’ acqua, ottima per un attimo di ristoro.

Il lago è indicato a 35m, la conca che lo ospita è già ben visibile, basta seguire la cascata formata dal torrente che esce dal lago. In perfetta tabella di marcia siamo al lago alle 11:10, dopo 3h di cammino.

Il lago è splendido, adagiato in una conca bloccata a monte da pareti rocciose e a valle dal bosco di larici che poi a sua volta “strapiomba”. Ha colori verde smeraldo, la superficie, leggermente increspata dal vento, brilla dei riflessi del sole. E’ un paesaggio magico … da cartolina.

Ci fermiamo una quindicina di minuti, ma è presto per fermarsi a pranzo. Arriva la proposta indecente …. Andiamo alla Capanna, “Giorgio te la senti?”.

La voglia di vedere la capanna ed il paesaggio che ho visto nelle tante foto, vince ogni forma di fatica, e nonostante i mille-metri che sono nella mia “fascia alta”, sono ben felice di percorrere altri 200mt, 35m secondo la palina.

Altra lunga gradinata, i rivoli d’ acqua sono gelati, bisogna fare attenzione sulle pietre. I miei due compagni di viaggio hanno buon fiato e sono poco più avanti, ma con le mie pause-fiato raggiungo anche io la meta. Vedo sopra la mia testa una bandiera rosso-crociata che sventola … qualcosa mi dice che sono arrivato.

Alle 11:50 sono alla meravigliosa Capanna Efra, Q2039, il luogo è stupendo, il panorama da lasciare senza parole. Sono felice di esserci arrivato, e forse il risultato di un’ annata di grandi escursioni, non sono così affaticato.

La capanna è splendida, fortunatamente niente neve intorno (la neve la si vede circa 200mt più in alto, sulle tutte le cime, soprattutto la Cima del Cagnone e la Cima d’ Efra sopra le nostre teste), ma nella fontana all’ esterno del rifugio è tutto ghiacciato, c’e’ una ciotola blu per cani, è completamente ricoperta e saldata al suolo dal ghiaccio.

Giro all’ interno della capanna, la cucina e sala da pranzo, pulita ed ordinata, separata la camerata che ospita 25 persone, i bagni anche questi in un altro locale.

Tira un venticello gelido, decidiamo di mangiare all’ interno, la stufa ancora calda, una compagnia ha dormito qui questa notte, ci permette di asciugare un poco il sudore dai vestiti.

Puliamo e lasciamo la capanna per qualche foto all’ esterno, è tutto così bello, poi scendiamo al lago, abbiamo deciso di fermarci una mezz’oretta a goderci questa meraviglia della natura.

Scendere costa poca fatica, ci fermiamo comunque prima ad una baita in legno poco sopra il lago, da qui si riesce a fotografarlo interamente. Sulle rive di questo splendido specchio alpino, c’e’ anche una panchina in legno, sembra fatta apposta per “gustarsi il panorama” in tutto relax.

Ripartiamo, vedendo che il tempo che è stato terso tutta la mattinata sembra volgere al peggio, con molti nuvoloni. In breve siamo all’ Alpe, sosta per l’ acqua, poi decidiamo di fare una “tirata” unica fino a valle, con passo molto sostenuto.

Nonostante i tanti gradini (in alcuni tratti sembra proprio di fare le scale …), scendiamo come dei missili, pochissime le foto in discesa, ci fermiamo, quasi in paese, per fotografare le due fornaci per la calce, e leggere la descrizione di come un tempo veniva ricavata la calce in questa vallata.

Dopo 2h e 43m, 2h 13m nette, siamo al parcheggio, felici di una giornata splendida, peccato non averla condivisa anche con i due “mancanti”.

Riassuntino:

Andata :  Parcheggio Chiesa di Frasco Q880 – Alpe d’ Efra Q1690 – Lago d’ Efra Q1847 – Capanna Efra Q2039

Ritorno dalla stessa via

Difficoltà : T3 / EE solo per l’ impegno a superare 1000/1200mt di dislivello, nessun particolare pericolo o difficoltà

Partecipanti : Giorgio ( giorgio59m ), Paolo ( brown ), Angelo

Altre informazioni, cartine, album fotografico sul nostro sito:

   www.girovagando.net                          

escursione 74


Tourengänger: giorgio59m, brown


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 3660.gpx GPX - Lago d' Efra e Capanna Efra
 3661.xol XOL

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T5 I
3 Jul 16
Cima di Nèdro 2622 m · froloccone
T5 L I
T6 II
T3
7 Jun 13
Capanna Efra · coral54
T2

Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

Jules hat gesagt:
Gesendet am 28. September 2010 um 12:22
Sempre bella, quella camminata! E cavolo, ecco la prima neve! Dà un tocco in più alle tue foto. Complimenti!

clotilde hat gesagt: Bellisimo
Gesendet am 28. September 2010 um 18:24
Caspitina molto bello il posto, devo proprio metterlo in programma.
Ciao Tilde

Panoramix hat gesagt:
Gesendet am 3. Mai 2013 um 18:51
,,, io ci provo ad andare domani ... 4 maggio 2013 ... sperando di non trovare troppa neve ... comunque almeno fino all' alpe arrivo di sicuro.
Grazie per questo report che completa definitivamente le informazioni in mio possesso.

giorgio59m hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. Mai 2013 um 09:26
Bellissimo posto !
ti auguro di arrivare fino in cima, senza troppe difficoltà per la neve, una spruzzatina però rende l' ambiente più magico ... :-)


Kommentar hinzufügen»