Monte Cistella


Publiziert von rochi , 20. September 2010 um 17:19.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:18 September 2010
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 8:00
Aufstieg: 1660 m
Abstieg: 1660 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada per Gravellona Toce. Superare la barriera di Arona e continuare verso passo del Sempione. Uscire a Crodo, entrare in paese. Dopo la stazione dei Carabinieri, svoltare a sinistra verso Mozzio, Viceno e Foppiano che si raggiunge in 6/7 km d'auto. Lasciare l'auto nell'area attrezzata per i pic nic o poco più avanti, comunque prima che cominci lo sterrato.
Zufahrt zum Ankunftspunkt:Come sopra.
Unterkunftmöglichkeiten:Numerosi alberghi a Crodo, Mozzio e Viceno. Possibilità di bivacco al Rifugio Leoni, sotto la vetta q 2850.

Il Monte Cistella si eleva a quota 2880 in Val d'Ossola ed occupa una posizione altamente panoramica sulla valle, sulla Pianura Padana, sulle montagne circostanti (compresa la catena del Monte Rosa) e, infine, sul Passo del Sempione, la valle del Rodano e la Binntall.
Lasciata l'auto a Foppiano, attraversiamo un ponte su un torrente e costeggiamo un ampio pascolo. Ben presto il sentiero (sempre evidente), comincia a salire e raggiunge alcuni alpeggi. All'Alpe Gaiola conviene fare rifornimento d'acqua, poichè più avanti non se ne troverà.
Dopo l'Alpe il sentiero esce definitivamente scoperto e si inerpica sul versante SE della montagna, lasciando respiro solo in occasione de qualche raro traverso.
Giungiamo quindi alla bocchetta di Balmafredda dove il panorama si fa maestoso sul Monte Leone.
Dopo aver preso fiato, voltiamo a destra e ci inerpichiamo sulla cresta che non dà respiro, sino a prendere la Costetta, un tratto piuttosto esposto ma assicurato da una sbarra di ferro.
Al termine della Costetta (30metri), si esce sul piano di Cistella Basso (q 2535) e lo si attraversa in piano dentro un ambiente impressionante per conformazione del territorio ed assoluto silenzio che vi regna.
Un salto roccioso agilmente superabile ci porta al Piano di Cistella Alto, dove, grazie a ometti e segnavia troviamo la strada per l'ultimo canalone di rocce instabili che conducono al Rifugio Leoni (q. 2850).
Al rifugio si trova tutto ciò che occorre per riprendersi dalle fatiche dell'ascensione. 
E' una buona norma lasciare un'offerta per il mantenimento di questo bene prezioso. Qui si trova anche il libro di vetta del Cistella, posto trenta metri più in alto e raggiungibile con percorso libero e paretina da superare con i quattro appoggi, senza pericolo.
Il panorama dal Cistella è impressionante e perciò indescrivibile: provare per credere.
Una volta tornati al rifugio si può decidere di conquistare le due vette adiacenti, Pizzo Diei (q. 2926) e Corno Cistella (q. 2700 circa). Noi abbiamo rinunciato perchè scendeva la nebbia e cominciava a nevicare. 
L'unico vero pericolo rimane infatti la nebbia che può rendere i piani di Cistella alto e basso un vero labirinto da cui è difficile uscire, anche per la presenza di spaccature sul terreno.

Tourengänger: rochi


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

Francesco hat gesagt: Benvenuto in hikr.
Gesendet am 20. September 2010 um 17:50
Ciao Rochi, complimenti per la gita ed il dislivello.
Il monte Cistella non l'ho ancora fatto, il rifugio Leoni da te citato mi è sembrato di capire che non è gestito vero?
Nel caso è attrezzato per rifocillarsi e scaldare qualcosa? Ciao e buona montagna.

rochi hat gesagt: RE:Benvenuto in hikr.
Gesendet am 20. September 2010 um 18:02
Ciao Francesco, grazie per l'accoglienza.
Se vuoi fare il Cistella in questo finale di stagione, ti conviene approfittare dei prossimi due week end, dopo di che l'Ossola diviene impraticabile, a meno che tu non sia un esperto di sci alpinismo.
Il Rifugio Leoni è uno spettacolo: c'è tutto quanto occorre perchè assomigli ad un "uso foresteria". Si può dormire, farsi da mangiare e scaldarsi con una stufa a legna. C'è anche un "dehor" che tuttavia non abbiamo potuto utilizzare perchè stavamo ghiacciando.
Buona montagna anche a te.
Rocco.


Kommentar hinzufügen»