Lago Lagazzuolo


Publiziert von andrea62 , 17. September 2010 um 23:19.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:26 August 2010
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:15
Aufstieg: 600 m
Abstieg: 600 m
Strecke:Da San Giuseppe al ponte sul Mallero e da qui in salita fino all'Alpe e al Lago Lagazzuolo con un sentiero stretto ma ben tracciato nel bosco.
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Chiesa in Valmalenco si va in auto verso Chiareggio fino a San Giuseppe. Si parcheggia presso la chiesa (fermano anche i bus) oppure qualche centinaio di metri più avanti nella piazzuola sulla sinistra dove comincia il sentiero (cartelli indicatori).
Unterkunftmöglichkeiten:Bivacco dell'Associazione Nazionale Alpini Valmalenco, che utilizza una baita sistemata all'alpe Lagazzuolo e può essere chiuso (informarsi in loco per l'utilizzo).
Kartennummer:Kompass 93 Bernina-Sondrio

Sono in vacanza con mia moglie  che da un pò di tempo non cammina in montagna. Appena abbiamo visto una fotografia del lago Lagazzuolo ho capito che le sarebbe piaciuto sia come meta sia come dislivello da superare.  
 
L'escursione è una salita a tornanti per la maggior parte nel bosco, su un sentiero stretto ma ben marcato, sul versante destro idrografico della valle. 

Dal punto di partenza, il sentiero scende una cinquantina di metri al ponte sul torrente Mallero. Passando sul ponte si vede in direzione nord la mole rocciosa del Piz Fora.
Poco sotto l'alpe Lagazzuolo il bosco si dirada e permette di vedere il Pizzo Tremoggia, il Pizzo Malenco e la Sassa d'Entova sul versante opposto della valle.
L'alpe Lagazzuolo è una radura dalla quale si scorge la cima del Roseg che spunta dietro la sella dove si trova l'ex rifugio Scerscen. Aguzzando la vista si distingue anche il rifugio Longoni. Più a destra si vedono la zona del Monte Motta e il Pizzo Scalino. In mezzo al prato si trova la baita adattata a bivacco. Da qui con pochi passi si arriva al bordo della conca in cui sorge il lago, chiusa da cime rocciose e canaloni detritici. Lungo uno di essi si può salire alla forcella chiamata "Bocchel del cane" e scendere ai rifugi Porro e Ventina. 
C'è bel tempo, il lago è di un colore azzurro intenso ed invita proprio ad una sosta.  

Tourengänger: andrea62


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

heliS hat gesagt: Benvenuto!
Gesendet am 18. September 2010 um 08:31
In questa comunità!
Ciao
S.

gbal hat gesagt: Benvenuto...
Gesendet am 18. September 2010 um 15:20
...anche da parte mia e complimenti per le foto davvero belle. I colori ed i "soggetti" sono ammalianti.
Ciao
Giulio

clotilde hat gesagt: Benvenuto
Gesendet am 19. September 2010 um 09:37
...doppio benvenuto anche da parte mia.doppio perchè sei anche amico di Helis.
Ciao Tilde

P:S:Benvenuta anche tua moglie

andrea62 hat gesagt: RE:Benvenuto
Gesendet am 19. November 2010 um 22:26
Un pò in ritardo perchè solo adesso mi sto impratichendo di hikr : grazie per il benvenuto.
Andrea


Kommentar hinzufügen»