Monte Bar Q1813 (ciaspole)


Published by giorgio59m , 11 December 2009, 22h43. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike: 5 December 2009
Hiking grading: T1 - Valley hike
Snowshoe grading: WT2 - Snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo San Jorio-Monte Bar 
Time: 5:00
Height gain: 818 m 2683 ft.
Route:Corticiasca Q1002 - Alpe Musgatina Q1400 - Capanna Monte Bar Q1600 - Monte Bar Q1813
Access to start point:Percorre l' autostrada da Como verso la Svizzera direzione del Gottardo. Uscire a Lugano Nord, seguire le indicazioni verso la Stazione ferroviaria, quindi scendere verso il lago e seguire le indicazioni per Tesserete. Salendo si può raggiungere la Val Colla e percorrerla fino a Corticiasca, oppure raggiungere Tesserete e quindi Corticiasca dal lato opposto. Questa seconda opzione è probabilmente la più breve. A Corticiasca parcheggiare all'uscita del paese (proveniendo dalla Val Colla), raggiungere a piedi il paese, ci sono le indicazioni (gialle) per la Capanna Mte Bar ed il Monte Bar. Si può salire su scalini ed attraversare le viuzze del paese fino a raggiungere la strada asfaltata che porta agli alpeggi, oppure all'inizio del paese (sempre scendendo dalla Val Colla) raggiungere la stessa strada per gli alpeggi. Salendo ci sono tutte le indicazioni con tabelle gialle e segnavia bianco-rosso-bianco sul percorso (su alberi e sassi).

Prima ciaspolata dell’ inverno 2009, anche se a dire il vero l’inverno di calendario non e’ ancora iniziato, quello meteo invece ci ha gia’ regalato i primi freddi e le prime nevicate.

Visto che abbiamo appena tolto le ciaspole dal chiodo (le avevamo appese lo scorso marzo), decidiamo per una classica delle racchettate: il Monte Bar, in Val Colla.

Mai mi stanchero’ di dire che questa zona e’ con le sue zone limitrofe, tra mie preferite : Val Cavargna, Val Albano, Val Morobbia, il San Jorio ed il San Lucio.

Molte sono le possibili mete per una racchettata in tranquillita’.

Alle 8:45 siamo a Corticiasca, in Val Colla, ci sono 2 gradi, e la neve non e’ abbondante, ma presente ovunque.

Alle 9 partiamo, risalendo le strette vie a gradini del paese, fino alla strada asfaltata che porta agli alpeggi. Inutile salirla in auto, e’ stretta, non pulita e non ci sono aree di sosta se non, giustamente, per gli abitanti.

Fa abbastanza freddo, partiamo ben coperti, il sole si fara’ vedere, ma non molto.

Lasciamo la strada asfaltata, in corrispondenza delle paline con indicazioni per la Capanna Monte Bar. La pista e’ ben battuta e la neve si trova a tratti abbondante, anche 30-35cm, a tratti quasi inesistente. Seguiamo il sentiero, da parte mia l’ ho percorso a febbraio con Roberto, la destinazione era la stessa di oggi, ma una tormenta di vento e neve ci ha bloccati all’ Alpe Musgatina, senza neanche poter vedere ne’ la capanna ne’ la cima.

La prima parte sale con tornanti alla località Cozzo, poi sale nel bosco di abeti fino a sbucare in un piccolo pianoro in corrispondenza di un cancelletto di legno. Qui si intravvede la prossima tappa, l' Alpe Musgatina a Q1400 circa, con neve abbondante si taglia per diretta, oggi seguiamo in parte il sentiero e le numerose tracce.

Un cartello segnaletico ci ricorda che siamo in un' area militare (intorno ad Isone ci sono caserme ed aree di esercitazione), ma viene da sorridere a vedere un cartello che invita a non raccogliere "bombe" con le mani ... 

Intorno il paesaggio è ovattato, un pò dalla neve, ma anche da un cielo grigiastro, sembra neve sporca. Si vede bene Lugano ed il lago, la catena tra Tamaro e Lema.

Proseguiamo, Paolo sempre avanti. 

Oggi sono particolarmente fuori forma, il fiato gia’ e’ quello che e’, ma anche le gambe sembrano legnose, due tronchi, scherzandomi Paolo mi chiama Pinocchio ...

Mi sorpassano tutti, anche quelli partiti molto dopo, anche quelli che arriveranno domani ..., ma io proseguo, lentamente ma avanzo.

Poco sotto la capanna, Paolo sprofonda nella neve fino al bacino, si dimena nella neve per uscirne, si siede sul tappeto bianco e indossa le ciaspole.

E’ venuto il momento di racchettare, la neve e’ a tratti troppo soffice per portare il nostro dolce peso.

Alle 11:25 siamo alla Capanna Monte Bar, Q1600mt.

Ci sono gia’ varie persone all’ interno, ed i gestori puliscono l’ entrata dalla neve.

Con Paolo ci intendiamo subito, concordiamo senza alcun dubbio che pranzeremo qui, con le gambe sotto il tavolo ed al caldo. I panini tornano a casa.

Prima pero’ ci aspetta la cima, altri 220mt di salita.

Il mio compagno parte di buona lena, fa molto freddo e non se la sente di aspettarmi se non in cima, vai vai ............, io arrivero’.

Passo dopo passo, arrivo anch’io al ripetitore che segna la vetta ed alla palina con la quota.

Tira un vendo gelido, Paolo e’ arrivato in largo anticipo su di me, si stava congelando nell’ attesa.

Giro di foto a 360 gradi, il panorama e’notevole, a Nord il Pizzo Claro, poi il Camoghe’, il Garzirola, le Grigne, il Generoso, Lugano ed il lago, la catena del Rosa, il lago Maggiore (un piccolo angolo), la catena Lema-Gradiccioli-Tamaro , il San Lucio con i due rifugi.

Sotto di noi il Pizzo di Corgella, e’ tra le tante mete gia’ “conquistate” (e anche qui mi ripeto, sono queste che hanno conquistato noi), molte in programma, altre che non considero perche’ fuori portata … ma sognare non costa nulla.

Tutto sotto un bel bianco silenzioso e pulito, peccato per il vento gelido, ma qui e’ spesso cosi’.

Autoscatto di vetta, e ritorniamo velocemente sui nostri passi, una bella discesa.

Non e’ la fame che ci spinge, ma il frescolino …
 
Entriamo alla capanna Monte Bar, in posizione stupenda e panoramica verso Lugano.

E’ accogliente, pulita e si mangia bene. Gli scarponi (e le ciaspole ...) si tolgono al piano terra, si sale al primo piano per il pranzo solo con le ciabatte da giardino tipo crocs, a disposizione ed in varie misure su un apposito scaffale.

La sala da pranzo e’ al primo piano, c’e’ molta gente. Ci sediamo e pranziamo al caldo. 

E’ meraviglioso pranzare in vetta in una bella giornata, ma d’ inverno un pasto caldo, in un ambiente caldo fa decisamente molto piacere.

Dopo un’ oretta ci prepriamo a scendere, facendo tappa per caffe’ e grappino all’ Alpe Musgatina, dove le ciaspole ritornano ad essere appese allo zaino.

Ottimo il caffe’ ed anche il grappino, manca Bob quindi niente finale con il Braulio (ma siamo proprio dei viziosi alcolizzati!), ma abbiamo gia’ programmato di consumare il the caldo di Paolo quando torneremo all’ auto.

Scendiamo molto velocemente, e’ ovvio qui il mio fiato non va in riserva …

Dopo 1:30 dalla Capanna e meno di 2h dalla vetta siamo di nuovo a Corticiasca, al parcheggio.

Ci cambiamo, contenti della giornata, abbiamo ciaspolato (come volevamo) e raggiunto la vetta.

Uno dei due “mancanti” direbbe tutto bello, peccato per la compagnia …

 Che dirvi di piu’, e’ un ottima escursione con racchette, non troppo lunga ma impegnativa (almeno per me oggi ...)
 
Sono comunque oltre 800mt di dislivello.
 
 
 
Un breve riassunto:
 
Andata: 4Km (3:05 escluse una 20 di min di soste)
 
Ritorno: 4Km (1:50 dalla vetta, 1h:30 dalla capanna)
 
Dislivello: 818mt assoluto, 863mt relativo
 
 
 

Altre foto, la panoramica dalla vetta a 360°, diario, file e cartine sul nostro sito

 
 
www.girovagando.net                            escursione #48

Hike partners: giorgio59m, brown

Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

F
4 Dec 10
Monte Bar · stellino
WT2
2 Jan 11
Monte Bar mt 1816 · turistalpi
T2 WT2
T1 WT2
14 Mar 10
Ciaspolata al monte Bar · UpTheHill
WT3

Comments (4)


Post a comment

ivanbutti says: Data
Sent 12 December 2009, 09h34
Ciao Giorgio. Complimenti per la bella ciaspolata, l'ho fatta anche io l'anno scorso, è proprio una classica per l'inverno. Leggendo la relazione mi è balzato all'occhio che come data è riportata il 5 novembre, credo sia sbagliata.
Ciao e buone ciaspolate, Ivan.

giorgio59m says: RE:Data
Sent 14 December 2009, 09h49
Grazie Ivan, effettivamente la data era sbagliata.
So che sei delle mie zone (comasco) e seguivo/seguo le tue peripezie da quando le pubblicavi sul sito di Mario Gatti.
Complimenti. Ciao !

UpTheHill says: Dato che ti piace questa zona...
Sent 12 December 2009, 10h50
...avrei in programma qualcosa che potrebbe piacerti, per la primavera:

- Alpe Croveggia (sopra Camorino)
- Camoghé
- poi tutto in cresta fino al Garzirola
- e discesa a Cozzo o Certara

Il tutto a passo lento e tranquillo :-)

giorgio59m says: RE:Dato che ti piace questa zona...
Sent 14 December 2009, 10h13
Caro Nino, l'idea è buona, anzi ottima, c'e' un problema di auto tra andata e ritorno, ma niente di non risolvibile. Credo ci sia un passaggino delicato tra la bocchetta di Revolte e il Monte Segor (catene?).
Tra l'altro ho promesso di portare Gimmy e Paolo al Camoghè, loro non ci sono mai stati. Ne riparliamo a tarda primavera, la neve fa molta fatica ad andarsene in quelle zone ...
Ciao


Post a comment»