Alpi Giulie Occidentali. Salita al Rifugio Pellarini (1499)


Publiziert von Fabio , 10. September 2009 um 00:09.

Region: Welt » Italien » Friaul-Julisch Venetien
Tour Datum:22 Juni 2008
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 650 m
Abstieg: 650 m
Strecke:Da parcheggio quota 850 Val Saisera
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada Udine Tarvisio. Uscita Malborghetto Valbruna. Direzione Val Saisera
Unterkunftmöglichkeiten:Si. Rifugio Pellarini Gestito nei mesi estivi
Kartennummer:Carta Tabacco n 019

In uno dei più bei comprensori delle Alpi Orientali, ancora in territorio italiano, troviamo in un remoto ambiente ai margini alti della Foresta di Tarvisio, ai piedi del massiccio dello Jof Fuart, il rifugio Pellarini; tra i più importanti e nominati di queste zone, soprattutto come base di partenza per le più importanti vie d’arrmpicata della zona.
Dai margini orientali della bella e silenziosa Val Saisera, inizia infatti il tracciato che, prima su strada di servizio, poi su comodo sentiero lentamente conduce al falsopiano che ospita la struttura.
Parcheggiata l’auto poco fuori la strada comunale (850 mlm ca) che porta da Valbruna a Valsaisera (alla propria sinistra presso il ponte creato per far transitare gli sciatori di fondo d’inverno), dopo i cartelli di indicazione dei vari itinerari, si inizia il percorso appunto su strada a fondo naturale. Dopo una piccola deviazione sulla destra e comunque mantenendo sempre la principale, si traversa il rio Saisera al bordo est della valle e si riprende ripida la salita sulla strada anzidetta. Dopo circa 0.45 min. si raggiunge il termine della strada che corrisponde con il casello di arrivo della teleferica di servizio (1150 mlm ca) al rifugio Pellarini.Da qui inizia il sentiero CAI 616 che tale verrà mantenuto sino alla meta.
Il sentiero costeggia la parete nord dell’altopiano poi raggiunto alla volta del rifugio. Appare in qualche punto caratterizzato da grossi salti, stretti tornanti, punti ripidi, ma mai niente di difficoltoso o oggettivamente pericoloso. Siguadagna piano piano quota sino ad uscire dal bosco e giungere al bivio (1300) del sentiero 617 CAI che conduce alla sella Prasnig. Si volta all propria destra traversando un primo giaione proveniente dalle vicine forcelle. Si procede lungo il sentiero principale sio a montare sul greto di un altro grosso griaione. Lo si traversa su tracce di sentiero sempre ben segnato e costeggiando le basi delle cime Delle Rondini che contornano il luogo, piano piano su bella traccia a stretti tornanti si giunge al Rifugio Pellarini (1499) posto sulla breccia del falso piano che prelude alla salita alla Sella Nabois inserita tra Parete Nord dello Jouf Fuart e Grande Nabois.
Per effettuare il rientro si è scelta la stessa via dell’andata.  

Tourengänger: Fabio

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T5 III WS

Kommentar hinzufügen»