Rif. Marco e Rosa (3.610m) - giro delle Belleviste


Publiziert von gebre , 23. August 2009 um 23:17.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:18 August 2009
Wandern Schwierigkeit: T6- - schwieriges Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: WS-
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 2 Tage
Aufstieg: 2400 m
Abstieg: 2400 m
Strecke:Diga Campomoro-Rif. Marinelli-Rif. Marco e Rosa
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Valmalenco - Lanzada - Franscia - strada privata dell'Enel che porta alla diga di Campomoro (ampio parcheggio)

1° giorno.
Partiamo all'alba (5.45), dalla diga di Campomoro (1.935m) con lo zaino molto carico, arriviamo al rifugio Carate 2.636m - 1h40'), passiamo la bocchetta delle forbici ed improvvisamente cambia lo scenario con la vista del gruppo del Bernina.
Dopo la bocchetta il sentiero scende per poi risalire al rif. Marinelli Bombardieri (2.813m - 55'), dove ci fermiamo a fare colazione vista l'ora!!!
Ripartiamo alla volta del passo Marinelli occidentale (3.087m - 30'), dove mettiamo i ramponi per affrontare il ghiacciaio di Scerscen superiore: il ghiacciaio è praticamente irriconoscibile dall'ultima volta che l'ho fatto (nel 2000), sono affiorati sassi e massi sopra al ghiaccio, passiamo sotto a dei torrioni facendo attenzione allo scarico sovente di sassi.
Raggiungiamo l'attacco della nuova ferrata con una bella rampa su nevaio (2h) e siamo in un punto critico: tra il ghiacciaio e l'attacco della ferrata si è formato un buco di circa un metro e il ghiaccio sembra poco stabile, metto in sicurezza il mio socio e raggiungiamo la ferrata.
Le difficoltà non sono finite perché il primo tratto di ferrata è verticale e gli scalini sono un po distanti, dopo la salita è più agevole e utilizziamo il cordino per assicurarci alle catene.
Dopo circa 1h30' raggiungiamo il rifugio Marco e Rosa, punto d'appoggio per il Pizzo Bernina.
Il rifugio è molto confortevole e vi consiglio di provare la Weissbier del "Bianco"

2° giorno
Ci svegliamo all'alba con tuoni e fulmini, però fortunatamente era una perturbazione temporanea, facciamo colazione e partiamo per il giro delle belleviste, un itinerario molto spettacolare che si svolge tra i 3.600-3.700m in territorio elvetico.
Giunti alla forcola di Bellavista (3.688m - 1h30') iniziamo la cresta rocciosa del Pizzo Palù, ma visti alcuni passaggi complessi ritorniamo verso il passo ed iniziamo il ghiacciaio di Fellaria, una vasta distesa pianeggiante di neve.
All'inizio dobbiamo saltare il crepaccio terminale ma dopo non ci sono difficoltà fino al passo del Sasso Rosso, dove sono presenti molti crepacci ancora coperti dalla neve ed alcuni già scoperti, cerchiamo di aggirarli ed in qualche caso di saltarli, sempre in sicurezza.
Siamo alla vedretta di Fellaria Occidentale, caratterizzata con veri e propri torrenti nel ghiacciaio, la attraversiamo e raggiungiamo prima al termine del ghiacciaio e poi al rif. Marinelli (4 h), dove ci rifocilliamo prima della "veloce discesa" alla diga di Campomoro (1h35').

dislivello:
1° giorno +1845 / - 175 - 6h30'
2° giorno +550 / - 2.220 - 8h30'

Attrezzatura necessaria:
ramponi - picozza - corda - casco - cordino - moschettoni




Tourengänger: gebre

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

WS+ II WS-
T4- WS+ III
2 Jul 16
Via Normale al Piz Bernina · mattia
WS+ II
7 Aug 10
Piz Bernina (von Diavolezza) · Hochtourer
ZS
16 Aug 11
Piz Bernina 4049 m · chamuotsch

Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

heliS hat gesagt: Bello!
Gesendet am 24. August 2009 um 08:30
Ma che bel giro!
Grazie per avermi fatto vedere posti che, spero presto, vedro' di persona :)
Ciao
S.

gebre hat gesagt: RE:Bello!
Gesendet am 24. August 2009 um 12:46
Il giro delle Belleviste è veramente spettacolare, ti auguro di farlo presto!
Ciao
Alberto


Kommentar hinzufügen»