Piz de Molinera (2288 m): fermati ad ascoltare il silenzio!


Publiziert von siso Pro , 9. Juli 2009 um 20:57.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:31 Januar 2009
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT3 - Anspruchsvolle Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo di Claro   CH-TI 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 960 m
Abstieg: 960 m
Strecke:Lumino - Funivia Pizzo di Claro - Monti di Savorù (1328 m) - Capanna Brogoldone (1910 m) - Piz de Molinera (2288 m).
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Uscita autostradale di Bellinzona - Lumino
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Brogoldone
Kartennummer:C.N.S. No. 1293 - Osogna - 1:25000; C.S.N. No. 1294 - Grono - 1:25000

Salita con le racchette in circa 3 h, su neve fresca e abbondante. Bellissima la cresta finale che funge da confine tra Ticino e Grigioni.

 

La gita inizia a Lumino, alla stazione di partenza della Funivia Pizzo di Claro.

In pochi minuti si passa dai 315 m di quota ai 1328 m dei Monti di Savorù (o Saurù): come dire, dall’ossessionante ombra invernale al soleggiato terrazzo posto mille metri più in alto. Purtroppo, in gennaio e febbraio, le corse della funivia sono solo quattro, due al mattino e due al pomeriggio. Il fatto condiziona parecchio la programmazione dell’escursione, obbligandoci ad un frettoloso rientro per poter sfruttare la corsa delle 14.00 (quella delle 16.00 ci sembrava un po’ troppo tardiva per la stagione). Per gruppi di almeno tre persone, esiste comunque la possibilità di avere un viaggio fuori orario, telefonando al responsabile, signor Egon, il cui recapito telefonico appare alla stazione di partenza.

 

Calziamo le racchette e ci incamminiamo seguendo una traccia nell’abbondante neve fresca. Lungo il percorso scattiamo delle foto ad alcune sculture eseguite da specialisti della motosega. Fanno parte del Sentiero delle Sculture: una struttura comprendente 15 opere, che dovrebbe fungere da incentivo per una camminata tra arte e natura. Questa via permette di raggiungere la Capanna Brogoldone passando dall’Alpe Domàs. A quota 1380 m, abbandoniamo il sentiero principale per scegliere la scorciatoia: molto più ripida e faticosa, ma più veloce e selvaggia. Ciaspoliamo nel fitto bosco seguendo la costa divisoria tra Riviera e Valle di Lumino fino a quota 1620 m, presso l’Alpe di Pissadello, dove la radura consente una superba visione sulle montagne poste tra la Valle Verzasca e la Val Riviera.

Dopo altri 800 m circa di percorso nel bosco, a 1850 m di quota raggiungiamo lo splendido terrazzo panoramico, sul quale sorge la Capanna Brogoldone, semisommersa dalla neve.

Dopo un frugale e indispensabile boccone, consumato su un macigno vicino al rifugio, riprendiamo la faticosa salita, che richiede ancora un dislivello di circa 400 m. A quota 2000 m incontriamo dei parapendisti che aspettano migliori condizioni per decollare. Sono intenzionati a raggiungere la cima con la spinta di Eolo, per poi veleggiare fino al fondovalle, in Riviera. Un malaugurato bancone di nebbia impedirà loro di prendere il volo ed al sottoscritto di scattare delle foto panoramiche dalla vetta.

Un largo giro in direzione del Pizzo di Claro ci permette di guadagnare la cresta a 2180 m di quota, senza dover superare pendenze eccessive. L’ultimo tratto del crinale, che costituisce il confine tra Ticino e Grigioni, è avvincente: sembra di essere su un tremila.

 

La nebbia ostacola purtroppo la discesa: grazie alle tracce delle ciaspole, a tratti appena percettibili, riusciamo a raggiungere la capanna senza perderci. Dal rifugio ai Monti di Savorù scendiamo a gambe levate, per poter fruire della corsa della funivia.

 

Racchettata impegnativa in un paesaggio molto suggestivo, immersi nel silenzio.


Tourengänger: siso

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 916.gpx Piz de Molinera 1

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T3+
T3+
1 Nov 16
Pizzo di Claro da Prepiantò · paoloski
T2
T2
24 Mai 15
Piz de Molinera mt 2288 · turistalpi
T2 WT3

Kommentar hinzufügen»