Le Fantasme della Corna Lunga 1275 m


Published by cristina , 11 June 2019, 16h46. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 9 June 2019
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Access to start point:A4 uscita Bergamo. Seguire per Lovere fino al cartello Sovere. All'entrata del paese seguire per Santuario Madonna della Torre a sx e poi subito a dx, qui non ci sono indicazioni. La strada è stretta. Al Santuraio ampio posteggio. Volendo si può salire ancora un po' fino all'inzio del sentiero vero e proprio. Però il posteggio non è molto grande e l'ultimo tratto è sterrato. Buon sterrato comunque.

Dopo la splendida e lunga giornata di ieri oggi ci spostiamo nella bergamasca con un giro tutto da costruire in base al tempo, molto variabile, ma soprattutto alle gambe che oggi fanno proprio giacomo giacomo!

Partiamo dal Santuario Madonna della Torre di Sovere.

Dal posteggio continuiamo su strada asfaltata e poi sterrata fino ad un successivo posteggio da dove parte il sentiero per la Malga Lunga.

Il bivio per “Le Fantasme” non è segnalato o almeno in questo periodo di piena fioritura non si vede alcuna indicazione, avevo visto una foto con la scritta “Le Fantasme” su un sasso, cosa che oggi non ho notato. Come riferimento prendere il passaggio tra due roccioni in corrispondenza di uno steccato. Si nota subito un vecchio bollo rosso e una micro traccia. Chiudere subito i bastoncini e salire….la pendenza è sempre molto alta e si cammina a quattro zampe appigliandosi a tutto l’appigliabile che sia roccia, radici o altro…si raggiunge poi una prima catena che supera una breve paretina verticale e poi una seconda per passare un breve ma molto esposto traverso. La catena prosegue ancora per poco dopo di che si riprende a salire. Si è nel bosco per cui l’esposizione non si sente ma si sale sempre ripidamente. Un bollo rosso forse ci trae in inganno. Raggiuntolo continuiamo su una traccia a sx ma subito sparisce per cui torniamo poco sotto il bollo e notiamo una traccia che prosegue nel senso opposto ma non ci sono bolli. Seguiamo però questa e poco sopra ritroviamo i segni. L’erba è ora veramente parecchia per cui tracce e bolli sono pochi visibili a volte, forse in autunno/inverno la cosa migliora. Da qui in poi la pendenza diminuisce e giungiamo alla bandiera in ferro che penso determini la fine del sentiero delle Fantasme. Il cielo da un po’, anche se facciamo finta di non vederlo, si è fatto plumbeo e ha cominciato a tuonare. Cerchiamo in qualche modo, ma con scarsi risultati, di accelerare il passo in modo da uscire dalla cresta. Ci congiungiamo al sentiero ufficile e velocemente siamo in cima alla Corna Lunga.

Il cielo non promette granchè ma almeno ha smesso di tuonare per cui proseguiamo lungo la cresta ora molto più semplice comunque boscosa. Bosco tanto rigoglioso che quando comincia a piovere è sufficiente coprire gli zaini.

Giungiamo quindi alla Baita Monte Alto, in festa…sagra di paese. Marco è molto tentato dalle salamelle che stanno preparando ma il casino che si preparano a ricevere lo fanno, grazie al cielo, desistere e quindi proseguiamo per il Monte Alto e Campo d’Avene. E’ tornato il sole. Le gambe però viaggiano pianino, con il sole il caldo si fa sentire ma decidiamo comunque di proseguire almeno fino al Fogarolo.

Giunti in cima vediamo che si sta preparando un’altra sciacquata. La prenderemo scendendo alla Montagnina. Breve che non ci dà nemmeno il tempo di aprire gli ombrelli…

Ritorniamo a Campo d’Avene, torna il sole. Risaliamo alla Malga Lunga dove decidiamo di fermarci per mangiare in modo da non dover scappare di corsa in caso riprendesse a piovere, cosa che fa puntualmente…il tempo di spostarci sotto la tettoia e smette nuovamente!

Mangiamo con calma, caffè e torna il sole. Pur non avendo granchè voglia ma essendo presto e comunque essendoci il sole, il questo momento almeno…proseguiamo per un veloce anello al Monte Grione, dove prendiamo altre gocce di pioggia ma con il sole questa volta!

Tornati alla Malga decidiamo di scendere per il sentiero più veloce. A pochi metri dalla Malga comincia a piovere, questa volta sembra la volta buona. Sosta per aprire gli ombrelli ma a breve smette nuovamente…poi nel bosco chissà cosa ha fatto ogni tanto si sentiva qualche goccia ma nemmeno faceva in tempo ad arrivarci addosso che evaporava!

Giungiamo ad un bivio, Sovere per le Scale. Vada per questo. Un ripido tratto scavato nella roccia e attrezzato con cavetto corrimano.

Ci ricolleghiamo così al sentiero di salita in prossimità del bivio per Le Fantasme. Da qui ritorno al posteggio.

Tutto sommato un bel giro, meglio farlo in un'altra stagione però!!!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

Camoscio says:
Sent 11 June 2019, 18h38
Comunque raggiungere tre vette, seppur modeste, con quel tempo lì non è scontato! ;)

GIBI says:
Sent 13 June 2019, 09h19
Dopo il giro del giorno precedente avreste dovuto essere anche voi due dei " fantasmi " come l'indicazione sul sasso sparita invece nonostante la stanchezza vi materializzate sempre e comunque !

ciao instancabili

Giorgio


Post a comment»