Cima Costabella e i loquaci camosci del Baldo.


Published by Menek , 15 May 2019, 15h51. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Veneto
Date of the hike:30 April 2019
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:45
Height gain: 960 m 3149 ft.
Height loss: 948 m 3109 ft.
Route:Tra cielo e terra, di Km 11,900
Access to start point:Da Affi (A22) raggiungere Caprino veronese- Pazzon- Braga- seguire indicazioni per Malga Ime poi Malga Valfredda. Una decina di posti auto a disposizione.
Maps:Mapnik

Sono arrivato alla fine del mio "soggiorno" in Veneto, e come ultimo giro in compagnia dell'amico Alex decidiamo di fare una puntatina verso il monte che domina il Garda: il Monte Baldo.
Partiamo dalla Malga Valfredda ed intercettato il sentiero 656 "Ottaviani" puntiamo ripidi verso la Bocchetta di Naole, che lasciamo sulla sinistra per dirigerci verso la cima dove è presente un Cippo Partigiano. Da qua la visuale è spettacolare ed abbraccia 3/4 di lago.
Ora seguiamo fedelmente la cresta verso N, dove in lontanaza vediamo già il Rif. Fiori del Baldo, che raggiungiamo dopo 30/40 minuti, e poi il Rif. Chierego, che ha più le sembianze di un rifugio anti atomico che un rifugio di montagna. Lungo tutta la dorsale siamo letteralmente circondati da camosci tutt'altro che spaventati, anzi, sono molto tranquilli e si fanno fotografare sfoggiando la loro bella livrea. Subito dopo il Chierego c'è un deciso strappo che porta verso il Costabella, qua vengo investito da folate ventose che mettono a dura prova l'equilibrio, mentre Alex sembra più riparato visto che ha deciso di fare il "sentiero basso".
Raggiunto il Monte Costabella non sto lì troppo a cinquantare, troppo freddo e troppo vento, con ampi gesti avviso Alex di non salire; rinunciamo così di allungare sino alla Bocchetta di Coal Santo e oltre, il tempo ci è decisamente ostile, se poi ci aggiungiamo quei 10 cm di neve che tifanno scivolare per bene il gioco è fatto. Ritorniamo entrambi al Fiore del Baldo seguendo il sentiero basso, dove in un paio di occasioni siamo costretti ad attraversare due canalini innevati con i ramponcini, si tratta di pochi passi, ma da fare con attenzione. Nota per quanto riguarda il Fiore del Baldo: la gestrice, donna tosta e tutta d'un pezzo , ha come neo di essere poco accogliente, non un saluto all'ingresso e non un saluto quando siamo andati via, certo, si mangia discretamente, ma anche il conto lascia a desiderare. Insomma, cibo e conto a parte, la tipa è simpatica come una martellata sulle dita gelide, una martellata che non ti lascia solo l'unghia nera, no,no, una martellata che ti rompe le ultime falangi.
Ripreso il cammino ci portiamo verso le creste di Naole, o cresta di Costabella; con brevi saliscendi tocchiamo varie cimette panoramiche, poi ancora una volta ci dividiamo, Alex va direttamente verso il Forte di Naole, mentre io scendo nel pianoro e risalgo seccamente fin verso il vicino Crocetta. Raggiunto il Crocetta  ora seguo (N) il bellissimo muretto a secco che mi accompagna lungo i ripidi saliscendi, raggiungo la Punta di Naole dove è presente un vecchio cippo confinale e con gli ultimi saliscendi mi ritrovo con Alex al Forte. Assieme percorriamo la cresta che ci porta alla Bocchetta  di Naole e da qua, riprendiamo il sentiero che ci riporta alla Malga Valfredda concludendo così un bel giretto.
Nota 1): Cazzeggi vari...
Roma: Storica buca con pozzanghera riceve la Bandiera Blu.
Al fuoco: Per ricostruire Notre-Dame sono stati raccolti un mare di soldi. Estrema invidia da parte della Chiesa di Scientology.
Giustizia: E' dal Settimo Giorno che non lavoro. Dio appare in un CAF e chiede il reddito di cittadinanza.

A' la prochaine!        Menek

Amadeus

Che dire, ha detto tutto il mio amico Menego, effettivamente un bel giro che avevo già fatto con Pirene, tranne la cresta di Noale che merita veramente un giretto per la bellezza del giro d'orizzonte.
Camosci molto confidenti per la nostra gioia, quasi modelle fotografiche.
Ragazzi ho finito l'inchiostro nella penna, il vecchio Menego mi mancherà per i bei giri fatti in questi due mesi e le grandi risate.....ma il mondo gira ed il ragazzo deve prendere il volo.
See you later.....
 

Hike partners: Amadeus, Menek


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

jkuks says:
Sent 15 May 2019, 20h33
bellissimi posti! grande Dome! ciao
J

Menek says: RE:
Sent 15 May 2019, 21h02
Grazie J. Il Baldo non delude mai.
Salutoni
Menek

Sent 16 May 2019, 07h34
Belle foto e ambiente stupendo...
Salutoni...

Menek says: RE:
Sent 16 May 2019, 18h52
E' piaciuto molto anche a me. Ciao mitico Angelo
Menek

Camoscio says:
Sent 16 May 2019, 07h54
In 2 mesi ne hai fatte di escursioni in Veneto! La prossima destinazione?

Menek says: RE:
Sent 16 May 2019, 18h54
Vero! Sono tornato in Lombardia... ho già fatto un paio di giri. Ciaooo
Menek

Sent 17 May 2019, 21h58
Bravi, bei panorami e gran belli incontri, belle le foto dei cornutoni!!!!
Ciaooo

Menek says: RE:
Sent 18 May 2019, 10h38
Grazie! In effetti abbiamo fatto una scorpacciata di foto con gli ungulati. Sempre bello incontrare la fauna di montagna.
Ciaux
Menek


Post a comment»