Cima di Piazzo 2057 m


Published by cristina , 9 April 2019, 17h05. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 7 April 2019
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Access to start point:Milano-Lecco uscita Valsassina. Strada per il Colle di Balisio al momento chiusa (pianta caduta) seguire indicazioni per Barzio. Posteggio alla funivia di Moggio o al primo tornante per il Culmine di San Pietro.

Il brutto tempo dei giorni scorsie e le previsioni che mettono pioggia fino alle 15, ci fanno, a malincuore, decidere a rinviare l’annuale Hikerata.

Il rientro tardi e il non aver previsto niente per oggi ci fanno decidere di andare a trovare gli amici al rifugio Cazzaniga da dove è un po’ che manchiamo.

Con orario insolito per noi, posteggiamo a Moggio, dove costatiamo che la giornata è tutt’altro che brutta, anzi…qualche squarcio di azzurro e un timido sole ci accolgono al posteggio. Poi per tutta la giornata ci sarà una variabilità estrema, dal solino alla mezz’oretta di nevicata, al sole che ci scioglie mentre saliamo alla Cima di Piazzo alla nevicatina mentre siamo in rifugio per terminare con un altro timido sole ma anche qualche goccia nella discesa.

Nonostante il percorso ci sia ben noto, la chiacchiera ci porta a sbagliarlo. Ultimamente sono stati segnati nuovi sentieri e di fatto salendo per il nostro solito sentiero troviamo un bivio che una volta non c’era. Non leggiamo il cartello e convinti proseguiamo a dx. Poco dopo noto dei segni gialli e rossi un po’ particolari che non mi sembra di aver mai visto…il sentiero mi sembra diverso, meno sassoso…e mi sembra che ci porti un po’ troppo a dx e troviamo la prima neve, intorno ai 1400/1500m…Marco? Non ti sembra ci sia qualcosa di diverso? Mah adesso mi sembra quello solito…Boh sarà ma a me qualcosa non torna…infatti poco dopo raggiungiamo un punto in cui si vede, penso, lo Zucco di Maesimo o qualcosa da quelle parti, comunque un qualcosa che solitamente non c’era.

A questo punto entrambi concordiamo di essere da tutt’altra parte. I segni ora pennellate blu ce li siamo persi…

Un’occhiata al GPS, che però inizialmente non ci è di grande aiuto. Vaghiamo un po’ nel bosco e ritroviamo i bolli blu e poco dopo anche dei segnavia Cai. Vediamo poi, sbucare sopra le cime degli alberi, l’arrivo della funivia, alla nostra sx. Dopo un traverso dove affondiamo fino a oltre le ginocchia raggiungiamo i cartelli segnavia. Svoltiamo a sx, e poco dopo ci troviamo ai Piani di Artavaggio, alla nostra sx il Rifugio Sassi Castelli. Probabilmente abbiamo fatto il sentiero per la Cà Rovellasca. Non so però se l’abbiamo seguito integralmente per cui non garantisco per la traccia. Comunque è un bel sentiero e con neve sembra anche più sicuro di quello che si fa solitamente da Moggio.

A questo punto andiamo a prendere la strada battuta dal gatto e saliamo al rifugio Nicola, veloce salita alla Cima di Piazzo con insolitamente una traccia quasi nulla e quindi grandi affondi in neve pesantissima.

E…finalmente…rifugio Cazzaniga dove passeremo più di tre ore in chiacchiere, e sarebbero potute essere anche di più se non fosse stato che Gigi ed Elena dovevano scendere a prendere l’ultima funivia.

Per noi invece discesa a piedi.

Sempre ottima compagnia per passare la giornata!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T2
6 Apr 19
Anello nei Colli di Bergamo · cristina

Comments (20)


Post a comment

blepori Pro says:
Sent 10 April 2019, 08h07
giornata chiacchierosa e ben guadagnata :))) ci vediamo per la hikerata. Ciao Benedetto

cristina says: RE:
Sent 10 April 2019, 09h38
Sicuramente una giornata spesa bene...purtroppo la montagna non è sempre sole e bel tempo, per cui...

Camoscio says:
Sent 10 April 2019, 09h23
Vi ha contagiato il Francesco & Co? Dal tracciato non mi sembra che avete fatto giri dell'oca però! :D

cristina says: RE:
Sent 10 April 2019, 09h46
Il tracciato penso che Marco l'abbia pulito, abbiamo vagato un poco nel bosco alla ricerca del sentiero e del modo di raggiungere i Piani di Artavaggio senza affogare nella neve :-)

Il problema del girare su se stessi succede quando sei nella nebbia e sulla neve e senza punti di riferimento, perdi completamente il senso di orientamento...

Camoscio says: RE:
Sent 10 April 2019, 09h49
Sì, mi è già capitato anche a me! Perfino di di scendere dalla cresta sbagliata di una montagna di casa! :D

cristina says: RE:
Sent 10 April 2019, 09h59
Anche noi anni fa dal Palanzone...da vergognarsi!!!

Arrivati in cima, nebbia, neve, vento...nel giro di poco le nostre tracce erano sparite e non è stato facile trovare la via giusta per scendere...ma anche salire non è semplice...i GPS sicuramente aiutano.

In una situazione simile siamo arrivati su un panettone della Val di Non solo grazie al GPS...io davanti e Marco dietro che mi teleguidava :-)))))

GIBI says: RE:
Sent 10 April 2019, 13h31
saltata purtroppo l'Hikerata ( anche perché sabato non mi ero mosso per risparmiare le forze ! ) ... sveglia e colazione alle 11 ... pranzo quasi alle 14 e successiva pennichella pomeridiana ... poi però dopo il risveglio verso le 18 una dozzina di Km per paesi limitrofi me li sono comunque fatti !
... in effetti domenica le previsioni anche per l'alto lago di Como non erano poi così terribili !

ciao Giorgio

PS ... Per quanto riguarda la nebbia nella stessa giornata sono sceso per ben 2 volte dal Monte Bar per il lato sbagliato ritrovandomi al punto di partenza e una volta sulla neve ( da solo ) sono riuscito a tornare a San Bernardino dalla Cassina de Vignun solo seguendo i buchi ( sperando fossero i miei ) che avevo lasciato salendo con i bastoncini ...

cristina says: RE:
Sent 10 April 2019, 14h21
Con la neve è veramente terribile....

La salita con il GPS l'avevamo fatta su un mottarozzo del Trentino salito, come il Palanzone del resto, decine di volte. Trovata la cima avevamo pensato, ora scendiamo alla malga così troviamo la strada e possiamo fare un anello...più facile a dirsi che a farsi...dopo aver girato un poco ci siamo ritrovati sulle nostre tracce di ciaspole...siccome c'eravamo solo noi non potevano essere che le nostre :-) al che le abbiamo seguite e siamo tornati da dove eravamo venuti....

cristina says: RE:
Sent 10 April 2019, 14h23
Mi spiace per domenica ma le previsioni davano acqua e neve da sabato sera per tutta la notte fino alle 15 di domenica.

Come concordato con Martina, noi siamo vicini a Canzo e la zona la conosciamo, ma far venire gli svizzeri e il varesino a prendere brutto tempo non ci sembrava il caso...Camoscio poi aveva abdicato prima che lo facessimo noi :-D

GIBI says: RE:
Sent 10 April 2019, 15h42
Pienamente in accordo con te e Martina per la scelta ... gli "Svizzeri" se vengono a vedere e salire i Corni e le altre cime limitrofe devono poterlo fare solo quando si trovano nel loro massimo splendore !

Camoscio says: RE:
Sent 10 April 2019, 17h09
Soprattutto perché per me sarebbe una prima assoluta! ;)

cristina says: RE:
Sent 10 April 2019, 20h37
Stiamo pensando di riproporre la hikerata il 4 o 5 maggio, tieniti libero

Camoscio says: RE:
Sent 10 April 2019, 20h44
Grazie! Il 4 maggio non penso che potrei, mentre per il 5 maggio andrebbe bene.

cristina says: RE:
Sent 11 April 2019, 09h02
Non avevo letto la tua e ho risposto a Giorgio per il 4...boh vediamo

Camoscio says: RE:
Sent 11 April 2019, 10h27
Ma sì, non è che dovete addattarvi a me... mi piacerebbe sicuramente venire, ma se non sarà possibile...pace!

cristina says: RE:
Sent 11 April 2019, 11h21
Il problema più che altro per te sarebbe l'arrivare a Canzo. Avresti comunque bisogno di Giorgio se non ci fosse Benedetto...

Camoscio says: RE:
Sent 11 April 2019, 11h26
Chiaramente anche quello! Però era per dire che il 4 maggio probabilmente sarò già impegnato... Una volta fissato il giorno sicuramente chiedo prima a Benedetto e poi eventualmente a Giorgio.

Camoscio says: RE:
Sent 10 April 2019, 17h13
Ma anche tu al Monte Bar?!? Ahah, è proprio lì che mi è accaduto di essere completamente avvolto nella nebbia e di scendere verso Nord (Cima di Screvia), quando invece volevo seguire la cresta per il Caval Drossa! Per me è più vergognoso perché sono le montagne di casa...

GIBI says: RE:
Sent 11 April 2019, 08h23
... il Bar con la nebbia è terribile, per fortuna che non ci sono grossi pericoli e che al limite si continua solo a girare in tondo !

... per il 5 mi sono pre-iscritto ad una gita con la SEV anche se non ho ancora confermato !

cristina says: RE:
Sent 11 April 2019, 09h00
Sciolto il dubbio sul 4 o il 5, si fa il 4 !


Post a comment»