San Martino, Regismundo, Medale e Coltignone


Published by Simone86 , 16 January 2019, 20h13. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:13 January 2019
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Via ferrata grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:30
Height gain: 1450 m 4756 ft.
Height loss: 1450 m 4756 ft.
Route:12 km
Access to start point:RANCIO, sopra Lecco. Parcheggi (spesso pieni) in via Quarto
Accommodation:Rifugio SEL ai Resinelli

Ampio giro perfetto per l'inverno, un po' di roccia, buon potenziamento e bellissimi paesaggi sopra Lecco.

Seppur sia un'area ampiamente recensita, riportiamo un anello che racchiude diverse cimette e nell'insieme tanti piacevoli sentieri attrezzati. Partenza da Rancio q341 e direzione San Martino/Cappella del Carmine. Passando dalla Falesia di San Martino addocchiamo tiri interessanti. Direzione Sentiero Vergella (piccolo cartello e bolli gialli lungo il sentiero normale per la Cappella del Carmine). Dopo aver constatato che non è giornata per il verticale (ahimè) lascio andare gli altri per la paretina del Vergella (comunque attrezzata con catena) e giro velocemente su sentiero normale fino a ritrovarci tutti alla chiesetta della Madonna del Carmine q742. Da qui, a est della chiesetta parte il facile sentiero Silvia che con qualche facile passaggino roccioso ci porta al Monte Crocione q1050.

Ripartiamo immediatamente e al bivio successivo decidiamo di esplorare il Corno di Regismundo. Salita con ginocchia in bocca fino ad un bivio dove appare una breve ferrata molto in piedi. E' un eventuale variante ma senza imbrago decisamente da non affrontare. Proseguiamo sulla destra e il sentiero normale ci porta in breve alla vetta del Regismundo q1254 (breve passaggino con catena sul finale). Purtroppo il Regismundo è un vicolo cieco, bisogna tornare indietro perché è un pinnacolo che non permette discese alternative. Ritorniamo al bivio precedente e continuiamo verso est fino al Medale q1028, dove si perdono diversi metri di dislivello. Anche qui grandissimo panorama, l'abisso è spaventoso! Dopo diversi ragionamenti sull'orario decidiamo di salire anche al Coltignone come da programma.

Il Sentiero G.E.R. è (per me) in attesa da anni, troppe volte rimandato per problemi vari (neve, calzature, orario..). Oggi è il giorno buono! Il G.E.R nella sua prima parte è un lungo traverso che aggira diversi pinnacoli portandosi in un canalone a SudEst del Coltignone. Si risale il suddetto canalone su sentierino a tratti franoso ma mai esposto, né problematico. Si fa più delicato quando c'è da superare una paretina di qualche metro (attrezzata con catena) e i successivi balzi su ripido prato, il tutto avvolto da una vista impagabile: torrioni, verticalità e grandezza tipica delle Grigne.

Raggiunta la vetta del Coltignone q1479 ci assale anche un gelido e forte vento da nord. Per la discesa giriamo larghi, dapprima a Nord per la Cima di Calolden q1455 e poi giù fino al Rifugio SEL q1278, dove facciamo una pausa. Il rientro a Laorca e Rancio lo faremo per la Val Calolden, ombrosa e secca ma ricca di un'aurea di storicità pazzesca. Da qui salivano, con lungo e faticoso avvicinamento, i vari Cassin d'altri tempi, sognando il cielo lungo i torrioni inviolati della Grignetta. Prima che i Resinelli diventassero i Resinelli di oggi.

Gita di buon interesse fisico. Il dislivello, seppur non estremo, sfianca le gambe per il poco sviluppo e la verticalità del tracciato. Bellissimi passaggi, mai troppo difficili. Panorami stupendi.

Hike partners: Simone86, botticchio, ivopal, martynred


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

blepori Pro says:
Sent 17 January 2019, 07h31
bel giro, certo che farlo così in pieno inverno. ben tornato simone!

Simone86 says: RE:
Sent 19 January 2019, 06h35
Ciao Benedetto, grazie, con un'inverno cosi anomalo gli orizzonti si allargano. A presto!

GIBI says:
Sent 18 January 2019, 19h30
Complimenti ragazzi gran bel giro ... io nel mio piccolo lo scorso anno mi ero già divertito a fare il sentiero Silvia ma da quello che leggo il divertimento vero inizia dopo ...

ciao Giorgio

Simone86 says: RE:
Sent 19 January 2019, 06h36
Ciao Giorgio, nel complesso è tutto divertente, bisogna un po' dosare le energie ma ne vale la pena come "immersione" nella zona. Buone uscite!


Post a comment»