Kurzbericht 

Chiusarella d'autunno.


Publiziert von paoloski Pro , 26. November 2018 um 18:12.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:25 November 2018
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 2:00
Aufstieg: 670 m
Abstieg: 670 m

Dopo un periodo di mal di schiena invalidante riesco a tornare a correre o meglio, visto lo stato di forma, a corricchiare fino al Chiusarella.
La giornata non è decisamente un granchè: non piove ma il cielo è pieno di nubi e sul fondovalle ristagna la nebbia. Sulle Alpi dovrebbe essere bello ma non c'è la voglia di fare chilometri in auto per verificare la cosa.
Parto con calma e seguo uno dei miei soliti circuiti, mi accorgo presto che a dispetto dell'uggiosità dell'atmosfera fa un gran caldo per cui guanti e berretto spariscono nelle tasche dopo un centinaio di metri.
Sui falsopiani corro tranquillamente ma appena le salite si fanno più ripide mi rendo conto della mia completa mancanza di allenamento, mi limito a camminare di buon passo.
Il pianoro alle spalle del ripetitore è stato sconvolto dal grufolare dei cinghiali cosiccome varie altre zone, stanno divenendo ormai un vero flagello.
Arrivo in cima al Chiusarella dopo essermi fermato varie volte per fotografare: il panorama nonostante le nubi è veramente bello. Lontano, sulle Alpi, si intravvede un po' di sole, qui nulla purtroppo, peccato perchè ci sarebbero le condizioni giuste per rivedere lo Spettro di Brocken, attendo un po' in cima sperando che un raggio illumini la nebbia ai miei piedi ma oggi non c'è speranza. Prima di raffreddarmi del tutto riparto scendendo dal versante Nord, percorro un breve tratto della Strada Militare e poi il "mio" sentiero, quello che corre appena sopra la strada e arriva nei pressi della Forcella della Martica. Guardo l'ora, è già tardi, è il caso di scendere, sotto il Chiusarella non seguo la Strada Militare ma scendo diritto per prendere il taglio che mi permette di arrivare direttamente a Pian Valdes senza percorrere i tornanti, il sentierino che corre ad Ovest del crinale che conduce al ripetitore sembra invece scomparso, fagocitato dalla vegetazione, d'altronde, essendo impercorribile dalle MTB, era destino. Riguadagno la dorsale e scendo dalla traccia che precede il ripetitore, poi taglio ancora per raggiungere il tratto di strada che conduce all'ingresso del Roccolo, corro brevente sulla Strada Militare e poi prendo la stradina che passa sotto ai Mirti e sbuca alla chiesa di San Sebastiano.

Ennesima puntata alla montagna di casa, nonostante vi sia salito decine di volte rimane sempre un bel posto, oggi con i pochi colori caldi di felci, carpini e betulle  che spiccavano su un sottofondo grigio e cupo era veramente particolare.

Tourengänger: paoloski


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
T2
T2
17 Jan 18
Punta Rossotti al tramonto. · paoloski
T2
T2
18 Mär 17
Chiusarella e Chiusarelletta · paoloski