PIZZO ORSALIETTA (2476 m) in traversata da Foroglio a Fontana


Publiziert von GM , 23. September 2018 um 22:02. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Locarnese
Tour Datum:22 September 2018
Wandern Schwierigkeit: T5 - anspruchsvolles Alpinwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Biela 
Zeitbedarf: 10:30
Aufstieg: 1840 m
Abstieg: 1920 m
Strecke:16.3 km

Da Foroglio (697 m) si prende il sentiero turistico della Val Calnegia, che si segue fino ad incrociare a sinistra il sassoso riale del Ri d'Orsalietta; si procede ancora per qualche minuto fino a ritrovare, esattamente all'altezza del solco del Ri della Rèbia, una flebile traccia che si inoltra nella boscaglia. Si segue questa idea di traccia fino a quando il sottobosco è facilmente percorribile, rientrando nel solco del Ri d'Orsalietta a circa 1080 m quando lo si ritrova di piccoli massi che consentono una relativamente comoda progressione (qualche ometto presente). All'approssimarsi dell'imbocco del vallone un ometto ci induce ad uscire dal solco del rio e proseguire nella boscaglia, ritrovando una placca rocciosa gradinata che consente il superamento obbligato di un risalto oltre al quale giungiamo all'inizio della via d'alpe propriamente detta. Immediatamente a sinistra di questo punto vediamo la placca rocciosa, da noi quindi evitata, con staffe e catena, che è l'attuale punto di accesso alla via d'alpe.
Il sentiero per l'Alpe è da questo punto molto bello e ben pulito (a parte un ometto iniziale, non è segnalato) e prosegue dapprima con percorso ascendente verso SO, ritrovando anche una bella scala con cordino metallico soprastante il precipite versante, e quindi con direzione piu' decisa verso sud nel fitto bosco, giungendo, quasi all'improvviso, alla bella cascina del Corte di Fondo dell'Alpe Orsalietta (1446 m; 730m e 2h 10' da Foroglio).
Il sentiero prosegue sempre molto evidente senza particolari note fino a quando una bancata rocciosa sbarra verso ovest il proseguimento; il sentiero supera questa barriera mediante un primo singolare passaggio attrezzato con staffe e cordino metallico e prosegue, in ambiente progressivamente piu' aperto, ritrovando due altri singolari passaggi attrezzati e diverse staffe disseminate su roccette che aiutano la progressione nei punti piu' ripidi del sentiero. Si giunge cosi, senza particolari problemi e con un sentiero piacevolissimo, al Corte di Cima dell'Alpe Orsalietta (1912 m; 1220 m e 3h 45' da Foroglio). Il posto è bellissimo, il panorama anche.
A sud-ovest della baita inizia la traversata verso il Corte di Cima d'Orsalia, e anche in questo primo tratto il sentiero è molto evidente e pulito; si giunge ad un caratteristico passaggio in una piccola giavina, dove si apre finalmente la vista sulle Ganne d'Orsalietta e Orsalia, e caratterizzato da un grosso ometto di sasso vicino ad un tronco secco. Inizia qui una delicata discesa (un poco esposta) verso uno stretto canaletto, che si attraversa con due passi da fare con attenzione, e da cui si esce con una facile risalita del suo versante sinistro orografico; le "difficolta" della traversata sono finite e inizia ora un attraversamento orizzontale della Ganna d'Orsalietta, fino all'ingresso in una evidente valletta, a quota 1980 m circa, che è l'inizio delle Ganne del Madone. Si risale la valletta, passando anche da un piccolo laghetto, in direzione di una evidente depressione, con salita che diventa progressivamente piu' ripida, su erba o su sassi, fino al raggiungimento della citata depressione; la Bocchetta del Madone si trova un centinaio di metri di dislivello piu' avanti, e si raggiunge con un ultimo scomodo tratto tra grossi massi (2319 m; 1660 m e 5h 45' da Foroglio).

Da qui, si sale su terreno libero attraverso terrazzini erbosi e roccette in direzione NE, preferibilmente spostandosi leggermente tramite una rampa erbosa verso N; la cima da questa prospettiva non è distinguibile, ma raggiunta la cresta si arriva ad una sorta di anticima con omone in pietra da cui la morfologia diventa più chiara. Si prosegue in direzione NNW evitando il filo di cresta a causa di un torrione abbassandosi pochi metri (versante SW) sino al termine della costiera, si risale qualche cengetta e roccetta e si sbuca in cima al Pizzo d'Orsalietta (2479 m; 1810 m e 6h 30' da Foroglio). Il panorama nonostante la quota modesta è superlativo. Per la discesa, si ritorna dalla via dell'andata fino a circa 2400/2420 m, si traversa in direzione SE costeggiando tutta la cresta e abbassandosi in maniera logica sino alla Bocchetta di Cerentino (2316 m; 30' dal Pizzo di Orsalietta) ove è presente una rete (utilizzata per impedire il passaggio del bestiame) che si oltrepassa con una scala arrugginita. Si perde quota in direzione NE su pietraie sino a raggiungere a quota 2000 m circa il bel sentiero che collega i Corti di Cranzünasc a Fontana. Non resta che scendere sul suddetto tratturo, che permette una discesa veloce transitando dal Corte di Mezzo e quello di Fondo sino al fondovalle, e quindi a Fontana (2h 10' dalla Bocchetta di Cerentino).

La gita se eseguita in questo modo permette di ammirare un dignitoso panorama, e di vivere in maniera "integrale" uno degli scenari più belli del mondo Bavonese.


La valutazione T5 indicata è complessiva dell'intera escursione.
Data le differenti difficoltà dei specifici tratti del percorso, potrà essere utile riportare quanto segue :

Foroglio - Gerra : T2
Gerra - Corte Cima Orsalietta : T4 (se si usano i diversi tratti attrezzati)
Corte Cima Orsalietta - Inizio della Ganna del Madone : T5
Ganna del Madone - Bocchetta del Madone : T4
Pizzo Orsalietta : T4/T5 (a seconda di dove si sceglie di passare)
Bocchetta Cerentino - Corte Cima Cranzunasc : T4
Corte Cima Cranzunasc - Fontana : T3



Tourengänger: GM, froloccone


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 24. September 2018 um 20:53
Ahhhhhhhh.
Non commentavo per non irritare l'architetto che non gradisce...
Ma ora che so che qualcuno perde una birra, lo faccio volentieri....
Tornando alla gita, bellissima ma un pò masturbatoria... ;-)))
D

froloccone hat gesagt: RE:
Gesendet am 24. September 2018 um 21:33
Grazie Doc!!!!! Alla tua salute!!!
ALE

danicomo hat gesagt: RE:
Gesendet am 25. September 2018 um 13:23
Temo di essermi giocato l'architetto....

froloccone hat gesagt: RE:
Gesendet am 25. September 2018 um 16:41
No tranquillo poi gli passa...:))))

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 25. September 2018 um 21:12
Bello complesso, da perdersi.
Bravi

froloccone hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. September 2018 um 08:31
Meno complesso di quello che ci aspettavamo.....anzi.....solo l' inizio di sentiero per l'alpe non è evidente.... Ma con Guido non ci sono problemi....per il resto nessun problema!
Ciao
ALE


Kommentar hinzufügen»