Wiesbadener Hütte (2443 m) - DAV


Publiziert von siso Pro , 15. Juli 2018 um 20:00.

Region: Welt » Österreich » Zentrale Ostalpen » Silvretta
Tour Datum: 8 Juli 2018
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: A 
Zeitbedarf: 4:45
Aufstieg: 416 m
Strecke:Bielerhöhe (2037 m) – Anlegestelle (2037 m) – Ochsental – Wiesbadener Hütte (2443 m).
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Feldkirch – Tunnel dell’Arlberg – Autostrada A12 – Pians – Ischgl – Galtür – Silvretta-Hochalpenstrasse – Bielerhöhe.
Unterkunftmöglichkeiten:Wiesbadener Hütte.
Kartennummer:Alpenvereinskarte 26 – Silvrettagruppe – 1:25000.

Prima gita nella Ochsental, nel Gruppo del Silvretta, a partire da Bielerhöhe.

Escursione sulle “tracce” di Ernest Hemingway, alla capanna dove il premio Nobel della letteratura seguì il suo primo corso di sci.

 

Inizio dell’escursione: ore 8:55

Fine dell’escursione: ore 13:35

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1023 hPa

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 4000 m

Temperatura alla partenza: 10°C

Temperatura all’arrivo: 21,5°C

Velocità media del vento: 0 km/h

Sorgere del sole: 5.33

Tramonto del sole: 21.15

 

Partito di buon mattino da Galtür, raggiungo con l’auto la località Wirl, da cui inizia la Silvretta-Hochalpenstraße, una strada panoramica soggetta a pedaggio, considerata una delle più belle strade di montagna delle Alpi, tanto da essere denominata "Traumstraße der Alpen für Genießer", Strada da sogno delle Alpi per buongustai.

A 1725 m di quota arrivo al casello per il pagamento della tassa. Grazie alla “Silvretta  Card all inclusive”, un tessera rilasciata gratuitamente ai turisti che soggiornano nella Paznauntal (bus pubblici, impianti di risalita, impianti balneari, wellnesspark, ecc.) posso percorrere la strada del Kleinvermunt gratis.

Parcheggio a Bilerhöhe (2037 m), sul confine tra Tirolo e Vorarlberg, di fianco al Silvretta-Stausee.

È una domenica di pieno sole, con una forte affluenza di turisti di giornata, a cui si aggiungono i residenti delle vallate vicine, escursionisti e pescatori.

Alle 8:55 mi avvio a piedi sulla corona della diga, in direzione sud, sul versante orientale del lago. Come ho avuto modo di costatare, da queste parti molte capanne sono raggiungibili anche con il rampichino. È un valore aggiunto che ha dato un notevole impulso al turismo estivo. I negozi che noleggiano le E-Bike sono numerosissimi: chi vive per una volta l’esperienza della pedalata assistita vorrà sicuramente ripeterla.

Dei 7 km indicati dal segnavia, i primi sono assolutamente pianeggianti. Raggiunta l’estremità meridionale del lago, il sentiero comincia a salire, ma molto dolcemente. Là in fondo già appare un ghiacciaio, il Vermuntgletscher e alcuni dei numerosi tremila che fanno da corona alla testata della Ochsental: Grosser Piz Buin (3312 m), Kleiner Piz Buin (3255 m), Signalhorn (3207 m), Egghorn (3147 m), Silvrettahorn (3243 m), Schneeglocke (3223 m), Schattenspitze (3202 m), Klostertaler Egghorn (3120 m), Piz Jeramias (3134 m), Dreiländerspitz (3196 m), Ochsenkopf (3057 m), Tiroler Kopf (3095 m), Rauher Kopf (3101 m), Haagspitze (3029 m), …

Ce n’è veramente per tutti i gusti!

 

Il più noto tra gli estimatori di questi tremila è sicuramente Ernest Hemingway, che nel Montafon imparò a sciare nei due inverni 1924-1925 e 1925-1926. Soggiornò nell’ Hôtel Taube di Schruns con la moglie e i suoi amici.

 

Al di là di questa corona di tremila si sviluppa l’engadinese Val Tuoi, che scende fino all’incantevole località di Guarda.

In circa due ore di cammino arrivo alla Wiesbadener Hütte (2443 m) del DAV sezione di Wiesbaden (capitale del Land Assia). La grande capanna, costruita nel 1896 e ristrutturata nel 1989, dispone di ben 200 posti letto ed offre anche un’interessantissima stagione invernale, da metà febbraio all’inizio di maggio, con innumerevoli gite sci alpinistiche. Bielerhöhe è raggiungibile anche in inverno dal Montafon grazie al treno e al “Tunnelbus”.
 


Poco sopra la capanna, a circa 2480 m di quota, vedo una “Zollhütte”, una casa in muratura delle guardie di confine. Anche questa valle è stata interessata dal contrabbando con la vicina Engadina Bassa.

Più in alto ancora luccicano le lingue dei ghiacciai che scendono fino a circa 2500 m: che spettacolo!

 

Escursione nelle Alpi del Silvretta sul versante del Vorarlberg, in una vallata circondata da un numero incredibile di vette che superano i tremila metri.

 

Tempo di salita: 2 h

Tempo totale: 4 h 40 min

Dislivello in salita: 416 m

Sviluppo complessivo: 14,2 km

Difficoltà: T2

Coordinate Wiesbadener Hütte: 204'107 / 194'302

Copertura della rete cellulare: zone d’ombra.

Tourengänger: siso


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
22 Jun 12
Wiesbadener Hütte · churfirst
T5 WS III
14 Aug 12
Piz Buin über's Wiesbadner Grätle · SchKrauler
T2
T3+
13 Aug 11
Rundtour um das Hohe Rad · hgu
WS

Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

Daniele66 hat gesagt:
Gesendet am 15. Juli 2018 um 21:05
Sempre egreggiamente descritta.........Complimenti Daniele66

siso Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. Juli 2018 um 21:37
Grazie Daniele,
È un piacere visitare valli sconosciute, capanne non ancora viste, cime che superano i tremila metri, sapendo che degli illustri personaggi noti in tutto il mondo hanno scelto la medesima meta.
Ciao,
siso.


Kommentar hinzufügen»