Georgy hutte mt 3202 anello da Bernina Diavolezza


Publiziert von turistalpi Pro , 13. Juli 2018 um 21:06.

Region: Welt » Schweiz » Graubünden » Oberengadin
Tour Datum: 7 Juli 2018
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GR 
Zeitbedarf: 8:00
Aufstieg: 1200 m
Abstieg: 1400 m
Strecke:come waypoints

Solita visita annuale all'amico Claudio gestore della capanna. Salgo da Bernina Diavolezza ovviamente raggiunta via Svizzera con poco traffico….La meteo è sufficientemente buona: sole e nuvole e buona temperatura con vento fresco. Imbocco come sempre la val da Fain su stradina e sino al bivio segnalato per il Piz Languard. Da qui in avanti su piacevole e variato sentiero sino alla Fuorca S-Chudella. Salgo e sorpresa: una bella fioritura di gigli martagoni ben aperti e quindi soste a volontà per fotografie…..però poi mi sono un poco frenato se no non arrivo più. Qualche persona ma non tanto. Arrivato alla fuorcla un breve sosta  e poi riparto in traversata del lungo altopiano…..a destra scorgo il lago più grande ed attendo di vedere qualche stambecco ma invece completa assenza.  Giunto in poco tempo alla Fuorcla Pischa seguo l'amabile sentiero di traverso sopra alla zona dei laghetti dell'Albris e sotto in fondo vedo anche il lago Languard e la chamanna Paradis. Oggi cammino veramente bene e quindi non stanco pervengo al bivio con il sentiero che viene dall'alp Languard e da dove inizia a salire il caratteristico sentierino che porta al rifugio soprastante. Qui mi faccio una bella sosta "banana" soprattutto per godere della visione….Arriva un signore anziano….lo guardo bene e.....ma noi ci siamo già conosciuti 2 settimane fa alla capanna Paradiso! Si è l'arzillo signor Belt ben conosciuto in zona e più anziano ancora di me. Allora come va? Mi risponde che oggi si ma ieri grandi dolori alla schiena ed ad un piede…..Però oggi ormai sono a posto… Qualche altra parola ma poi ci salutiamo  poiché lui ritorna indietro (penso che non abbia ancora smaltito i dolori di ieri ma la passione lo porta ancora pei monti….ma giustamente non vuole eventualmente peggiorare la situazione..) ed io invece proseguo verso il rifugio. Più avanti comincia invece una specie di calvario per colpa credo della "banana assassina"....Nel mangiarla avevo captato un sapore strano...quasi di avariato ma non ci avevo fatto caso. Ne ho mangiata solo metà ma ora ho una sensazione di vomito (io non vomito mai…) e forse una certa labilità di testa...Boh comunque vado avanti anche perché ormai sono  a circa 30 minuti dal rifugio e giunto ivi penso che un bel punch al mandarino o limone mi metterà a posto. Però è una bella fregatura proprio oggi che andavo così bene...Proseguo un po' a "sgiutt" come si dice ma alla fine arrivo. Saluto l'amico Claudio spiegandogli la situazione e mi rifugio all'interno. Meglio oggi niente cima (la prima volta) ma sto tranquillo con il mio caldo punch a parlare con una coppia di giovani grigionesi che sono saliti dalla Resgia di Pontresina via ferrata e poi sentiero dall'alp Languard…..ora loro scendono a Bernina Diavolezza ed io ancora un poco indeciso mi fermo a parlare con Claudio. Una segnalazione: l'anno prossimo Claudio cambia rifugio e va a gestire la Chamanna Paradis di cui ora è proprietario...peccato e chi sarà il prossimo gestore della Georgyhutte?.Passa il tempo ed il punch fortunatamente ha prodotto il suo effetto benevolo ma ora voglio scendere via Giarsun per effettuare la solita traversata Bernina Diavolezza-Pontresina. E' ormai tardi ma sto nettamente meglio e quindi per tentare di prendere il trenino delle 19,06 parto dopo aver salutato Claudio e cerco di accelerare il passo ed il percorso lo permette bene….Poche fermate per fotografare qualche grossa marmotta e cos' riesco ad arrivare  alla stazione di Surovas mezz'ora  prima del treno. Qualche minuto prima arriva il treno per S.Moritz e con stupore vedo scendere i due ragazzi grigionesi anche loro stupiti di vedermi lì. Saluti e ringraziamenti vari e poi arriva il mio treno puntualissimo al secondo. Non mi stancherò mai di lodare questo treno: preciso, pulitissimo, arredamento confortevole e poco rumore...quindi stupendo, mi spiace dover fare solo 3 fermate. Purtroppo non c'è paragone con l'Italia, mi spiace dirlo ma è così!! Alla prossima….engadinese!

Tourengänger: turistalpi


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (2)


Kommentar hinzufügen

GIBI hat gesagt:
Gesendet am 17. Juli 2018 um 18:45
alla Georgy hutte ci sono stato solo una volta 7 anni fa per fare il Piz Languard ... posti magnifici ... e per quanto riguarda il tuo incontro con il Signor Belt direi un incontro tra titani della montagna ma sopratutto dell'Engadina !

ciao Giorgio

turistalpi Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. Juli 2018 um 20:17
Ohei Giorgio per chi mi prendi….il titano forse sarà Belt anche se più basso di me.….io sono un "normal senior man" (così scrivo anche in inglese hehe). D'altra parte ho sempre detto che sui monti dove vado io possono andare tutti. Comunque grazie dell'interesse da parte di un altro vero titano che sei tu.

Ciao Enrico


Kommentar hinzufügen»