Dromegio-Poncione Piancascia-Verde-Croadino-Morisciöi


Published by froloccone , 19 June 2018, 19h03. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:16 June 2018
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Poncione Piancascia 
Time: 12:00
Height gain: 2500 m 8200 ft.
Route:21 km a/r
Access to start point:Maggia, Val Maggia.

Partiamo di buon mattino con un programma ambizioso che comprende la visita a due selvaggi Alpeggi  e ben 5 vette.
Saliamo da sentieri ufficiali sino alla baita dell'Alpe Canaa, abbandoniamo il percorso bollato e percorriamo il "buon" sentiero che ci condurrà ad Antrona. All'altezza di una curva "secca" del fiume (1200 m circa) ignoriamo la traccia che prosegue ben evidente, guadiamo per la seconda volta il corso d'acqua e andiamo a recuperare una flebile traccia in direzione N, all'inizio inesistente, che in pochi minuti ci conduce in questo luogo magnifico. Da qui, in direzione NE (prestare attenzione alla baita più a destra) seguendo dei bollini  saliamo su terreno ripido e invaso dalla vegetazione uscendo presto in una radura dove troveremo la traccia che conduce a Rebi, ove resta una sola baita. Ora non ci resta che cercare di "montare" in cresta per cominciare la nostra attraversata (mancano circa 400 m). Intercettiamo un buon sentiero in direzione NW che violando l'unico punto debole della bastionata sovrastante ci conduce ai "piani alti" e da li con ripido pendio erboso sempre in direzione N raggiungiamo il sentiero della Via Alta Vallemaggia e in pochi minuti la cima del Pizzo Dromegio.
Ripartiti, ci abbassiamo 200 m dalla cima (evitando la cresta probabilmente percorribile) su di una costola andando a recuperare la V.A.V.M, "bypassiamo" le costiere rocciose di cresta e ricominciamo a salire il pendio da prima erboso e poi roccioso che ci porta sulla cresta SE della seconda meta della giornata, la più alta, il Poncione Piancascia che raggiungiamo senza patemi.
Il panorama da questa montagna è davvero superlativo!
Ripartiti, scendiamo la larga cresta SW, prendiamo per la terza volta la V.A.V.M che porta al colletto sottostante (quota 1940 m) superando facili tratti attrezzati. Da qui affrontiamo la selvaggia cresta che culminerà con il Pizzo Morisciöi superando ben 6 cime di cui solo tre con nome. Il dislivello da superare è ancora di circa 300 m e la cresta presenta arbusti e piante e alcuni passaggi di arrampicata sino al II+ (un paio di muretti di 5/7 m) da fare con attenzione anche a causa della poca affidabilità della roccia.
Giunti sull'ultima elevazione, scendiamo su terreno libero all'evidente Alpe di Morisciöi e poi finalmente di nuovo su sentieri ufficiali con una lunga discesa raggiungiamo Maggia dopo ben 12 ore.

CONSIDERAZIONI (personali e non..)

Maggia-----Antrona: T3/T4

Antrona---Rebi---Pizzo Dromegio---Poncione Piancascia-----Sella quota 1940m: T4

Sella quota 1940-----Pizzo Morisciöi: T5 /II°+

 Pizzo Morisciöi-----Alpe Morisciöi----Setmeo---Spin---Marena-----Maggia: T3/T2

Giro davvero bello e vario per ambienti.
Selvaggia e dimenticata la cresta dal Pizzo Verde al Pizzo Morisciöi.
Antrona da sola merita una visita.


gmonty
Il Piancascia da Antrona, una piacevole ossessione, attesa per anni. Rebi, un triste dolcissimo luogo. La Valle del Salto, cinque sei sette volte e sempre la stessa emozione. E non è finita qui, credo

Poncione
Lunghissimo giro architettato magnificamente da Guido... che ha lasciato il segno in tutti i sensi. Per la bellezza dei sentieri principali, per la bellezza incantata di certi angoli raggiungibili - almeno in questa stagione - con percorsi ravanosi abitati da innumerevoli zecche (a quota 25 sia io che Ale abbiamo smesso di contarle...), per il panorama bellissimo del Poncione Piancascia, per la divertente ma impegnativa e selvaggia cresta dei tre Pizzi, a tratti da fare con le pinze per il terreno assai instabile.

Poge
Con il resto del gruppo (grazie) riusciamo a concordare un orario che mi permetta di rientrare in tempo per cena ... visto che l'invitato sono io (è il mio compleanno), mancare l'appuntamento sarebbe poco carino. Il giro, parzialmente nei miei programmi, sembra molto interessante e quindi seguo con fiducia i soci di giornata ... giornata che si rivelerà decisamente piena, visto che si affronta terreno per lunghi tratti senza sentiero ... con pause minime sindacali (scusate) giusto per riuscire a sopravvivere fino al Pizzo Moriscioi. Ad ogni modo, con un piccolo allungo sul finale, riesco ad arrivare alla macchina giusto in tempo per un puntualissimo rientro a casa. Grazie mille ai compagni per la splendida avventura di oggi!







NB: La zona è particolarmente infestata a bassa quota(fino a 1600m) dalle zecche.

Hike partners: GM, Poncione, froloccone, Andrea!


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T5+ F II
T6- II
PD II
T5- II
26 Oct 14
Pizzo Dromegio - Pizzo Verde · DoktorRenz
T5+ II

Comments (16)


Post a comment

igor says:
Sent 19 June 2018, 19h39
Bel giro e uguri al festeggiato , ciao

Andrea! Pro says: RE:
Sent 20 June 2018, 21h14
Grazie.
A.

blepori Pro says:
Sent 19 June 2018, 20h48
Giro favoloso davvero intrepidi di posti selvaggio. La valle di laor è un posto che porto nel cuore. Grazie del ricordarmi questi posti. Ciao benedetto

froloccone says: RE:
Sent 21 June 2018, 23h26
Grazie a te che un po' ci hai ispirati.......
A presto.

ALE

blepori Pro says: RE:
Sent 22 June 2018, 07h45
cosa pericolosissima! Io di quel giro ho un ricordo favoloso, era inizio novembre coi colori di fine autunno, voi poi lo avete anche esteso salendo direttamente al Dromegio (io ero stato a sinistra verso la bocchetta). Ciao Benedetto

froloccone says: RE:
Sent 23 June 2018, 10h03
Si ho visto, tu sei passato da Laor.....
Il Dromeggio comporta qualche energia in più ma ne vale la pena......Il tuo tempo della gita è inavvicinabile.
Ciao e a presto
ALE

Menek says:
Sent 19 June 2018, 22h59
un bel giro tosto per un quartetto insuperabile...
auguri Andy
Menek

Andrea! Pro says: RE:
Sent 20 June 2018, 21h15
Grazie!!!

Sent 20 June 2018, 12h36
Girone super in un gran bell'ambiente!!!
Complimenti e Auguri, Andrea!!!!!
Graziano

Andrea! Pro says: RE:
Sent 20 June 2018, 21h15
Grazie ... ;)

veget says:
Sent 21 June 2018, 16h29
Grandi! Un vero poker d'assi Dislivello e sviluppo da capogiro ,on un ambiente che ha avvinto.....voi è noi
Per Andrea, sicuramente un compleanno indimenticabile!
Auguri anche da parte mia.
Buona continuazione a voi tutti
Eugenio


froloccone says: RE:
Sent 21 June 2018, 23h27
Grazie mille caro Eugenio......
A presto!!!!!! Un abbraccio.
ALE

Andrea! Pro says: RE:
Sent 27 June 2018, 10h37
Grazie Eugenio.
Sicuramente è l'unico modo in cui vorrei festeggiare i compleanni.
Ciao.
A.

veget says: RE:
Sent 27 June 2018, 12h05
Vista la passione...
Non ti mancheranno le occasioni!
Ciao ciao

GIBI says:
Sent 26 June 2018, 23h25
Purtroppo leggo solo ora e così sono in colpevole ritardo per fare ad Andrea ... TANTI AUGURI, per il resto non c'è molto da dire su un bel giro di quelli che vi piacciono tanto !

una domanda ... ma le numerose zecche si sono attaccate solo ad Ale ed Emiliano o anche agli altri due ?

ciao Giorgio

Andrea! Pro says: RE:
Sent 27 June 2018, 10h36
Grazie, vanno bene anche gli auguri in ritardo ... non sono certo uno che si formalizza su queste pratiche.

Mentre salivamo abbiamo sviluppato varie teorie sulle zecche: la principale sostiene che le zecche si attaccano con più facilità ai tessuti, quindi Ale e Emiliano che avevano i pantaloni lunghi sono stati maggiormente "invasi" rispetto a me che avevo i pantaloni corti. E' poi vero che sui pantaloni lunghi è più semplice individuarle e quindi toglierle subito rispetto a quelli corti.
Non sappiamo di Guido ...

Alla fine io ne ho tolte due dalla pelle ma essendo apparse un paio di giorni dopo, potrebbe anche essere che le abbia prese nella gita di domenica.

Ciao.
A.


Post a comment»