Monte Due Mani 1666 m e Resegone 1875 m


Publiziert von cristina , 16. Mai 2018 um 10:50. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:12 Mai 2018
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 1 Tage
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Milano-Lecco uscita per la Valsassina. Alla rotonda dopo l'ultima galleria svoltare a sx e prendere la vecchia strada per Lecco. Girare alla prima traversa a sx, strada chiusa. Posteggi davanti alle villette oppure al termine della strada dove inizia il sentiero.

E’ un po’ di tempo che mi piacerebbe tornare sul monte Due Mani, salito anni fa lungo la ferrata. Ora con più allenamento mi sembra un’escursione un po’ breve che sicuramente non impegna un’intera giornata e quindi continuo a rimandarla. Parlando con Marco lui butta lì…concateniamola al Resegone…

Concatenare, collegare, unire? Una parola magica per me e qui scatta la ricerca del come fare…

Partiamo da Ballabio, prima traversa a sx sulla vecchia strada per Lecco. La strada termina con l’inizio del sentiero 34. Un bel sentiero nel bosco passa prima dalla Baita Bongio e poi dal Bivacco Emanuela in una splendida posizione panoramica appena fuori dal bosco. Il bivacco contrariamente a quanto letto è ben tenuto e inoltre non c’è quasi più traccia dell’incendio dello scorso anno.

Alle spalle del bivacco il sentiero prosegue a tornanti e raggiunge la cresta del Due Mani. La croce sembra vicina ma ci vorrà ancora un poco. Proseguiamo quindi lungo la divertente cresta, qualche tratto attrezzato e brevi saliscendi.

Giunti alla croce e al bivacco, che non ha un buon odore, facciamo una breve sosta e quindi proseguiamo per una salita/discesa allo Zucco di Desio.

Scendiamo quindi ripidamente alla cascina Pramira poi, invece di rimanere sui sentieri ufficiali prendiamo la traccia dapprima evidente poi un po’ meno che sale alla Cima Musciada.

Raggiunta la poco signficante cima, per tornare sul sentiero, proseguiamo con un traverso non troppo divertente che taglia un ripido pendio erboso, fortunatamente il terreno non è troppo fangoso e nemmeno troppo secco. Scendiamo in direzione dell'Alpe di Desio dove, su una vasca troviamo l’indicazione 21 che ci immette su un sentiero, immaginiamo la D.O.L. che scende velocemente alla F.la di Olino.

Passiamo la breve galleria e a sx imbocchiamo il sentiero per le Forbesette. Giunti ad una sorta di crocevia facciamo una veloce deviazione su Il Pizzo dopo di che proseguiamo per le Forbesette. Ci immettiamo quindi sul classico anello del Resegone che saliamo mentre quasi tutti stanno scendendo. Qui una domanda sorge spontanea…perché? Non è tardi, sono da poco passate le 12!

Usciti dal bosco abbiamo la risposta, verso Bergamo e la Valsassina il cielo è nero pece e molto probabilmente in alcuni punti sta già piovendo, diversa sembra la situazione sul versante Lecchese dove sembra esserci più luce.

Giunti in cima facciamo una breve sosta, vista la situazione meteo e l’incertezza sull’esistenza del sentiero del rientro, abbandoniamo l’idea di percorrere le creste nord e scendiamo ai Piani d’Erna lungo il panoramico sentiero N. 1. Al bivio per i Piani, riprendiamo a salire dolcemente e poco prima di uscire dal bosco arriva il primo scroscio d’acqua. Ci fermiamo per coprire gli zaini e prendere gli ombrellini e nel frattempo smette. La pausa dura solo pochi minuti e poi ancora acqua, un battirone in tutto e per tutto che nel breve tempo che ci occorre per raggiungere il bar Milani riesce a lavarci.

Sostiamo per la pausa pranzo sulle sdraio sotto la tettoia del bar, tempo una mezz’oretta e smette di piovere.

Mentre comincia a schiarire scendiamo al rifugio Marchet, prima di entrare nell’Antico Borgo a dx parte la sterrata, percorso MBK, per la Val Boazzo.

La sterrata, un po’ malmessa, scende ripidamente, diventa sentiero, all’inizio dobbiamo prestare attenzione a varie deviazioni o tracce che sembrano il sentiero, degli strani blocchetti infissi nei tronchi indicano il percorso corretto. Mano mano che si scende il sentiero diventa più evidente e raggiungiamo l’ameno alpeggio di Boazzo. Attraversato il torrente risaliamo, tramite sterrata,  e raggiungiamo la strada per Morterone. La percorriamo per qualche metro, fino a dopo il 4 tornante dove un paletto rosso indica la vecchia mulattiera. Tagliamo così tutti i tornanti e giunti al rettilineo lo percorriamo ancora per pochi metri, un altro sentiero, allargandosi un poco, scende alla sterrata che collega Versasio a Ballabio per il P.so del Lupo.

Svoltiamo quindi a dx e con breve risalita torniamo alla macchina.

Bellissima escursione…interessante la Val Boazzo!


Tourengänger: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

numbers hat gesagt:
Gesendet am 16. Mai 2018 um 13:45
Gran girone, nel vostro stile

Non vi ferma neanche la pioggia
:):):)
Ciao

P.s. la val Boazzo deve essere bella selvaggia

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 16. Mai 2018 um 13:53
Dai Piani dei Resinelli prima la strada e poi il sentiero all'inizio sono un poco scassati, poi il sentiero migliora, con questo verde era uno spettacolo...del resto con tutta quest'acqua :-(((

blepori Pro hat gesagt:
Gesendet am 17. Mai 2018 um 07:20
una doccia fuori programma, anche la lumachina cercava riparo. Ciao

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. Mai 2018 um 09:29
Bastavano pochi minuti e non l'avremmo presa...i minuti passati in cima al Resegone :-(

andrea62 hat gesagt:
Gesendet am 17. Mai 2018 um 12:30
Un altro giretto da niente :)
Ciao

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 17. Mai 2018 um 13:45
Una bella sgambata si....


Kommentar hinzufügen»