Rifugio e Monte Stino... un usato sicuro!


Publiziert von Menek , 4. Dezember 2017 um 16:54. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 3 Dezember 2017
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Wegpunkte:
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 1150 m
Abstieg: 1150 m
Strecke:a ciuffolo, di km 10,600
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Brescia-Idro-Vantone-Parole. Diversi posti auto nei pressi della partenza del sentiero.
Unterkunftmöglichkeiten:Rifugio Stino
Kartennummer:kompass

Oggi pranzo in rifugio! E allora Stino! Il Griera della Valvestino, un rifugio aperto tutti i giorni dell’anno e carino quanto basta per sentirti a casa, il cibo è ottimo e anche a beveraggi non si scherza.

Partiamo da Parole, vicino a Vesta e a filo del lago, poi come da evidenti indicazioni (454) puntiamo verso il M.Stino; fa freschetto, siamo intorno ai -4 nonostante siano oltre le 9:00, il sentiero non è per nulla ripido e noi ne approfittiamo per tenere un passo decisamente spedito, o almeno a noi sembra così…tempo 2h15 e siamo al punto panoramico a quota 1435 metri, sotto di noi si vede tutto il lago e le cime più alte sono decisamente ben innevate. Sotto i nostri piedi ci sono invece 20 cm di neve.

Ci fermiamo giusto il tempo per fare qualche foto e bere un buon tè caldo, poi via verso il vicino M. Stino dove ci si arriva in 10 minuti nonostante la neve che rallenta un po il cammino. La giornata è di quelle da incorniciare, il cielo è limpido e il sole bello caldo, visto la possibilità di arrivare al rifugio con la macchina la gente non manca (soprattutto famigliole)e il vociare felice dei bambini rompe il silenzio di queste montagne decisamente in vesti invernali. Non indugiamo oltre su questo panarozzo, la vista del rifugio dove il camino sbuffa fumo tanto quanto un transatlantico e il profumo di cibo giunge sino a noi… questa è una provocazione inaccettabile.

Il rifugio pullula di gente, alcuni sono escursionisti  ma altri sono semplici homo sapiens  venuti a godere dei servigi offerti, i bambini che prima giocavano con la neve ora sono tutti ben distribuiti nei vari tavoli. E’ il classico carnaio “oratoriale”… ma dopo un po di tempo ti verrebbe voglia di invocare lo spirito di Erode! Intanto scofaniamo il nostro pranzo succulento.

Il tempo passa velocemente, troppo velocemente, e viene il momento di riprendere il cammino, una via di discesa che ci porta a fare un giro ad anello; prendiamo il sentiero 477 che parte sotto la chiesetta degli alpini, poi andiamo verso ovest finché la stradina innevata diventa sentiero, seguendo l’evidente bollatura giungiamo ad un bivio. A destra si va verso la Loc. Mandoal, la nostra direzione, ma noi seguiamo ancora per un centinaio di metri il sentiero 477 finché arriviamo alla Croce di Sassello, una piccola deviazione sul percorso poi riprendiamo la discesa verso Mandoal.  

Arrivati a Mondoal giriamo a destra, seguiamo una bella e panoramica stradina che porta verso Piazze e poco dopo vediamo la deviazione per Parole (palina); è una stretta traccia che scende ripida verso un selvaggio bosco dove nessuno in questi giorni è passato per pulirci un po la via (eh eh eh), noi, senza perderci d’animo, ci rendiamo disponibili a fare questo sporco lavoro. La neve copre tutto, nonostante il fitto bosco, ma la traccia è intuibile, e a parte qualche albero caduto lungo la via problemi non ne riscontriamo e giungiamo a Parole quando il sole, almeno per stavolta, è ancora abbastanza altino.

Nota 1): Questo è un bel giretto da fare in questo periodo o verso aprile-maggio, un giro panoramico e mai invaso da escursionisti, almeno sui sentieri che abbiamo battuto, noi abbiamo incontrato solo 2 persone. Il rifugio Stino merita sicuramente un visitina, si mangia bene e i gestori sono simpatici.

Nota 2): Cose a caso!

Lercio salute: Code alle ASL, nuove misure del Governo: gli ultimi della fila potranno prenotare anche l’autopsia.

Lercio a destra: Giorgia Meloni attacca le auto ibride: “promuovono l’ideologia gender”.

Lercio a mano armata: Rapinatore gli spara con una pistola a salve: muore commesso di una farmacia omeopatica.


Nota 3): Eric sullo Stino…

                                                                                        STINO.  

Con tutta questa neve mi sento un poco albino,

mi metto un boa di struzzo che cinge il mio abitino,

se sfioro un po lo scroto poi esce l’Aladino.

Stino,

la cima è assai innevata e non vedo il sentierino,

fa freddo ma c’è il sole che illumina il cammino,

il premio per sto viaggio è un bel bicchier di vino.

Stino,

concludo l’escursione mangiando un bel panino,

 poi allungo questo pranzo per fare un bel ruttino,

avanti con le storie per vincer l’Ambrogino.

Mi perdo lungo i boschi e mi trova un beduino, e in fondo mi domando: chi cazzo è mai sto Stino?

 

A la prochaine!      Menek,Rosa


Tourengänger: Menek, rossa

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (8)


Kommentar hinzufügen

Angelo & Ele hat gesagt:
Gesendet am 4. Dezember 2017 um 17:25
In questa stagione di lacrime ghiacciate e pappetta viscida bianca, le camminate in montagna con annessa mangiata in rifugio sono veramente il TOP...!!!

Cari saluti a Voi...

Angelo

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 4. Dezember 2017 um 17:57
Hai perfettamente ragione Angelo, tutto vero quello che dici, e noi questo TOP lo vogliamo raggiungere... SEMPRE!!! :)
Un abbraccio a te e Ele
Menek

Arbutus hat gesagt: Parole
Gesendet am 4. Dezember 2017 um 19:12
Finché la bocca mangia
e il c... rende
vado in c... alle medicine
e a chi le vende

Domanda seria: con che software l'hai fatta la cartina del percorso che hai caricato tra le foto? Troppo bella!

Menek hat gesagt: RE:Parole
Gesendet am 4. Dezember 2017 um 19:29
Ciao poeta...son contento di sapere che non hai bisogno di farmaci...di qualsiasi specie!
La cartina? Ho fatto la foto al pannello presente alla località Mandoal. Tutto qua.
Ciao dispér
Menek

Arbutus hat gesagt: RE:Parole
Gesendet am 4. Dezember 2017 um 19:40
Che biroldo in polvere che sono... credevo che l'avessi fatta tu la cartina. Al che mi viene naturale una barzelletta: cos'hanno in comune gli escursionisti e i cannati? Entrambi hanno bisogno delle cartine! :)))

Menek hat gesagt: RE:Parole
Gesendet am 4. Dezember 2017 um 19:42
:)))) Io ho fatto solo la traccia in giallo....
Buone cartine

GIBI hat gesagt:
Gesendet am 7. Dezember 2017 um 21:03
in effetti dalle foto pare proprio che dalle vostre parti le precipitazioni nevose non siano mancate neppure a quote relativamente basse ... da noi invece ancora nisba ... ma non mi manca !

Menek hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. Dezember 2017 um 16:19
non mi aspettavo neanche io tanta neve così,dalla webcam sembrava meno. per buona parte era pestata, mi è andata bene. ciao Gio
Menek


Kommentar hinzufügen»